SULLE BARRICATE DI KIEV.

Gli anarchici ucraini prendono parte alla resistenza armata contro l'esercito dell'imperialismo russo. Da un comunicato  del Comitato di Resistenza Gloria  a Makhno. Una risposta a tutti gli schizzinosi antimperialisti parolai della piccola borghesia in Italia che non dicono una parola a sostegno della Resistenza in Ucraina.
Condividi:

Gli anarchici ucraini prendono parte alla resistenza armata contro l’esercito dell’imperialismo russo. Da un comunicato  del Comitato di Resistenza Gloria  a Makhno. Una risposta a tutti gli schizzinosi antimperialisti parolai della piccola borghesia in Italia che non dicono una parola a sostegno della Resistenza in Ucraina.


Comunicato del Comitato di Resistenza
“Gloria A Makhno!”

______________

L’Ucraina sta lottando da diversi giorni contro l’invasione della Russia. Le forze dell’imperialismo, del militarismo e del fascismo sono ancora una volta sull’orlo dell’Europa. Spinto dalla retorica del “sangue e della terra”, il desiderio megalomane di Vladimir Putin di ridisegnare alcune linee sulla mappa e annotare il suo nome nei libri di storia ha riportato morte e distruzione nell’Europa orientale, uccidendo migliaia di persone e ponendo fine alla normalità di vita per milioni di esse, ridotte a profughi disperati.

Dobbiamo essere chiari: questa non è l’invasione russa dell’Ucraina, come viene spesso chiamata. Questa è l’invasione di Vladimir Putin contro cui l’Ucraina sta lottando. La stragrande maggioranza dei russi non vuole avere nulla a che fare con questa guerra e ha protestato contro di essa sin dall’inizio. I nostri compagni anarchici in Russia hanno partecipato alle proteste, anche di fronte a una repressione brutale e di vasta portata nei loro confronti. Sembra anche che anche i soldati dell’impero, essi stessi in gran parte arruolati con la forza nell’esercito russo, non vogliano né comprendano questa brutalità.

Sono le vergognose ambizioni e l’ideologia disgustosa di Putin che ci hanno portato questa guerra. È responsabile del sangue versato sul popolo ucraino. Ed è stato il popolo ucraino, come i suoi fratelli russi, a insorgere contro il dittatore.

Anche prima che Volodymyr Zelenskiy ordinasse la mobilitazione dei cittadini ucraini nell’esercito statale, la gente prendeva le armi e si preparava al peggio. Il popolo ucraino sa benissimo che questa guerra non finirà ai propri confini, ma andrà avanti fino alle più estreme conseguenze. Avremmo dovuto imparare decenni fa che le concessioni non funzionano, non si possono mettere fine alle ambizioni fasciste dando loro quello che vogliono. La linea deve essere tracciata qui, dobbiamo prendere posizione e affermare che non passeranno. Non adesso. Mai!

Lo spirito di Nestor Makhno, il più grande eroe antimperialista nato in Ucraina, è presente nella vita quotidiana degli ucraini. Coloro che hanno consapevolmente abbracciato la sua eredità, i guerriglieri anarchici di oggi, stanno combattendo in prima linea per difendere la loro libertà. Makhno è morto, ma i Makhnovski sono ancora vivi. L’Esercito Ribelle Rivoluzionario può essere stato sconfitto, ma l’insurrezione rivoluzionaria ha vinto perché è ancora viva nelle coscienze.

Sulle barricate di Kiev, è stato istituito il Comitato di Resistenza per coordinare la resistenza anarchica all’imperialismo di Putin, combattendo per i nostri obiettivi di lunga durata: libertà, uguaglianza e solidarietà. Sebbene stiano combattendo temporaneamente a fianco dell’esercito ucraino, avendo poca scelta in materia, hanno chiarito che lo stavano facendo “non per proteggere lo Stato ucraino, ma per proteggere il popolo ucraino e la società ucraina”. Allo stesso modo, anche i nostri compagni di RevDia (“Azione Rivoluzionaria”) hanno preso le armi contro l’impero.Oltre alla resistenza armata, gli anarchici ucraini stanno organizzando anche un’operazione di solidarietà per garantire la distribuzione degli aiuti ai profughi.

Mano nella mano con i nostri compagni russi e ucraini, affrontiamo la tirannia alle porte. Siamo contro il dittatore, i suoi tirapiedi e sostenitori. Siamo contrari all’impero, alla guerra e alla reazione. Da decenni promuoviamo lo slogan “Niente guerra, ma guerra di classe!” e ora è più rilevante che mai. Questo non significa che stiamo semplicemente alzando le spalle, mormorando con noncuranza “entrambe le parti hanno torto” e ignorando la vera sofferenza che si prova nell’Europa orientale. Niente di simile. Riconosciamo che questa conquista imperiale è alimentata dalla brama di sangue e dall’avidità di pochi uomini potenti. Riconosciamo che la guerra può finire solo quando questi stessi tiranni saranno eliminati.

Perché questa guerra finisca, il popolo russo deve insorgere e rovesciare il suo dittatore, proprio come il popolo ucraino si è alzato per opporsi a lui. Affinché questa guerra finisca, i soldati russi devono smettere di sparare e puntare le armi contro i mostri che li comandano. Affinché questa guerra finisca, dobbiamo tutti lavorare per annientare quegli strumenti nefasti che chiamiamo “governi”, quelli che in primo luogo rendono possibile la guerra.

GLORIA AGLI ANARCHICI!

FERMIAMO LA DITTATURA!

MORTE ALL’AGGRESSORE!

IL COMITATO DI RESISTENZA

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.