L’UOMO COL PENNACCHIO GIOCA CON I VACCINI

Per ogni giorno di ritardo nella vaccinazione aumentano i morti di covid. Il generale ha fallito, come tutta la classe dirigente, la vaccinazione va a rilento fuorché per i borghesi che si sono vaccinati per primi.
Condividi:

Per ogni giorno di ritardo nella vaccinazione aumentano i morti di covid. Il generale ha fallito, come tutta la classe dirigente, la vaccinazione va a rilento fuorché per i borghesi che si sono vaccinati per primi.


 

Caro Operai Contro, il commissario per l’emergenza covid, generale Figliuolo, promette 1 milione di vaccinazioni al giorno per il mese di giugno. Mentre al 7 maggio gli anziani che aspettano ancora il vaccino sono 495 mila dagli 80 anni in su. 1 milione 894 mila dai 70 ai 79 anni. 4 milioni 405 mila dai 60 ai 69 anni. In totale quasi 7 milioni di anziani sono senza vaccino e centinaia ne muoiono ogni giorno.
Figliuolo aveva ammonito: “prima bisogna finire di vaccinare gli anziani”, poi ha cambiato idea. In nome del turismo si sta vaccinando la popolazione di intere piccole isole, dai 18 anni in su. Per assecondare le richieste dei bottegai, frementi di fare buoni affari. Ma il governo e i suoi ministri non dicevano che prima di prendere decisioni ascoltano gli scienziati? Quelli che avevano assicurato che Astrazeneca non andava bene dai 65 anni in giù, poi hanno tentennato dai 65 anni in sù, infine dicono che va bene per tutti. Più che scienziati sembrano stregoni e fattucchiere.
In Lombardia, dicono i telegiornali, parte la vaccinazione ai portatori di patologie. Ma questi non rientravano nei “soggetti fragili” da vaccinare fra i primi?
Fin dall’inizio il trascinamento della mal gestita campagna vaccinale, oltre alle decine di migliaia di morti che ha provocato, ha permesso il dilagare dei contagi, arrivando fino alla fascia di età 0–9 anni, con 200 casi ogni centomila abitanti, tutti sperano che si tratti di un anomalia e non una tendenza in espansione.
Il dato generale dice che, a fronte di una calo del 13% di ricoverati in terapia intensiva, il numero dei decessi è sceso solo del 7%. Nessuna novità, si muore di covid anche senza andare all’ospedale, o ci si arriva all’ultimo, vicini al decesso.
La borghesia, con il suo governo e i suoi apparati, è la classe dominante che con il suo cannibalismo è la vera responsabile di gran parte dei 131 mila morti per covid in Italia. Prima non fermando le produzioni non indispensabili, poi non vaccinando a decrescere i più anziani, si è lasciato che la stragrande maggioranza di loro, morissero, dopo essere stati contagiati.
I borghesi non potendo dire spudoratamente di voler essere vaccinati per primi, insieme o a ridosso del personale sanitario, hanno messo in moto i loro canali. Mentre la campagna vaccinale non decollava, si scopriva che milionate di vaccini inoculati, sono rimasti senza nome e cognome.
Un anonimato di massa a copertura di quella parte della borghesia, che ha voluto mettersi al riparo dal covid. Non è un caso che, sia il commissario Figliuolo, sia il governo Draghi, non riconoscano le categorie di vaccinati sotto il nome di “altri”, e “saltafila”, per non dover dire pubblicamente chi vi si nasconde dietro.
Se hai tante medaglie sul petto come il commissario Figliuolo, puoi sparare a raffica una serie di dichiarazioni senza tante spiegazioni e senza alcun contraddittorio, poi ci pensa Pierpaolo Sileri sottosegretario alla salute a tagliar corto: “Basta critiche, stiamo andando bene”.
Messasi al riparo dal covid, la borghesia non poteva cancellare con un colpo di spugna, quello che ha provocato non interrompendo le attività non indispensabili, e ritardando i vaccini agli anziani. Con questa preoccupazione, forse temendo proteste fuori programma, la borghesia si è sentita più sicura facendo vaccinare con lei, anche i corpi armati dello Stato, inserendoli nelle “categorie essenziali”.
Il commissario Figliuolo, ancora una volta subordina le promesse di una vaccinazione che potrà proseguire spedita, “se arriviamo ad altre 30 milioni di dosi consegnate”. Stesse cose che diceva quando fissò l’obiettivo delle 500 mila inoculazioni al giorno per la seconda decade di aprile, poi sono state raggiunte a fine aprile e solo per 2 giorni.
In ogni caso niente e nessuno può cancellare la responsabilità della borghesia in Italia, che col suo governo, come visto sopra, ha incrementato pesantemente la strage dei morti per covid.
Saluti Oxervator

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.