15-17 SETTEMBRE, BIELORUSSIA/ GLI OPERAI IN MOVIMENTO

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l'azione autonoma degli operai.
Condividi:

È allucinante registrare quanto interessi poco alla piccola borghesia, che si definisce antagonista, ciò che sta succedendo in Bielorussia. Riempiono i loro siti di fantomatiche lotte, di mobilitazioni da “portare avanti”, di fronti anticapitalisti da costituire ma si guardano bene dal riferire, ragionare ed umilmente imparare dallo scontro in atto in una nazione nel centro dell’Europa, di studiare come viene combattuta lì la lotta fra le classi. Operai Contro ha fatto invece la scelta di seguire gli eventi dalle loro stesse fonti, di riferirli e commentarli ad uso e consumo degli operai che per istinto di classe o per scelta consapevole, hanno voglia di capire cosa stia succedendo e come tutta questa esperienza possa servire nel caso in cui la lotta fra le classi si manifesti anche da noi, facendola finita con i minestroni riscaldati dai soliti “anticapitalisti” da tastiera.


 

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l’azione autonoma degli operai.


Cronache ricavate sulla base di messaggi apparsi su canali Telegram

Bielorussia dal 15 al 17 settembre
Le tre giornate hanno fatto perno su mercoledì 16, giorno in cui era stato convocato sciopero generale in tutto il paese nel pubblico, privato, servizi, scuole ecc. Non ci sono resoconti sull’esito complessivo della giornata, solo cronache di fatti locali e mancano commenti. In compenso il 17 sono apparsi messaggi che implicitamente segnalano difficoltà nelle fabbriche e stasi nell’ampliamento del movimento.
In dettaglio: per le fabbriche si fa notare che i comitati di sciopero originari sono stati privati di tutti i membri più attivi, la maggioranza arrestati con accuse le più varie e sembra che gli operai siano adesso meno disposti a scioperare, dopo 40 giorni filati di agitazione, tanto che i messaggi sull’argomento enfatizzano l’uso dello sciopero “italiano” che costa meno all’operaio seppure viene a ridurre l’energia delle mobilitazione collettiva. Un passo indietro che consentirebbe di tenere il motore al minimo e riorganizzarsi in attesa di prossima occasione.
Per le attitudini del movimento si nota che la gente nei quartieri di Minsk e delle altre città più grandi vive un momento di euforia per la libertà creata in zone (rioni, condomini,caseggiati) dove si consolidano i legami di solidarietà e iniziativa collettiva e dove la polizia ora è meno presente o assente del tutto. Sembra però che la gente tenda ad adagiarsi in queste situazioni, tanto che vi sono messaggi di critica per comportamenti quale il focalizzarsi su feste serali, cibo musica, di vicinato; critica anche alla pratica di annodare bandiere che pare sia una mania. Sembra che stiano perdendo di vista l’obiettivo generale e principale di liberarsi di Lukashenko e liberare i prigionieri politici.
Dai messaggi traspare anche il fatto che la provincia, in particolare le zone agricole, sia poco o niente toccata da questo movimento.
Dunque apparentemente una condizione meno reattiva del movimento cui ne fa da contrappeso una simile da parte del governo. Il regime non è in grado di sviluppare una dialettica politica con l’opposizione, anzi ogni giorno giunge notizia di qualche quadro, funzionario, diplomatico che si dimette o è licenziato oppure arrestato: così facendo vengono poco a poco tagliati possibili canali per negoziare. E ciò avviene in un quadro in cui la situazione economica si fa difficile: il bilancio statale è appesantito dalle perdite di fatturato delle aziende pubbliche (chimico/minerarie e meccaniche) a causa delle agitazioni. Alcune di queste già prima erano in cattive acque, ridotte a farsi finanziare dai clienti con pagamento all’ordine. Il miliardo e mezzo di dollari promesso da Putin, miliardo nel 2020 e mezzo l’anno prossimo, sarà presto assorbito dal debito: pagare le truppe d’assalto, cui non è mai mancato lo stipendio, pagare lo stipendio di tanti dipendenti pubblici che pare non lo ricevano da luglio, intervenire sui debiti a breve delle fabbriche…. purché le fabbriche tornino a produrre regolarmente! Ecco, gli operai potrebbero trovarsi improvvisamente al centro dello scontro.

Diario del 15 settembre

MESSAGGI da Баста!

Buongiorno amici! Oggi ci stiamo preparando per la Giornata della Solidarietà di domani.
Le autorità spaventate stanno cercando di ritardare l’inevitabile: la loro partenza. Ecco perché attaccano codardi i manifestanti, arrestano i leader del movimento operaio e organizzano provocazioni in cortei pacifici. Non capiscono una cosa importante: siamo milioni! E non guarderemo in silenzio cosa sta succedendo.
I primi giorni delle proteste hanno dimostrato che una delle leve di pressione più efficaci sul governo è lo sciopero. Non appena le fabbriche principali si sono mobilitate, gli agenti hanno smesso di picchiare e i ministri sono venuti a parlare con gli operai.
Vediamo che il governo ha paura degli operai. Sappiamo che gli scioperanti hanno bisogno di sostegno. Pertanto, le direzioni chiave della nostra offensiva di oggi sono la protesta di guerriglia decentralizzata e i preparativi per la Giornata della solidarietà del 16 settembre.

Protesta di guerriglia.
Usiamo tutte le forme di protesta: blocchi stradali, concerti in luoghi affollati, bandiere e striscioni appesi.
Solidarity Day 16 settembre
Domani terremo uno sciopero di massa. Invitiamo tutti a sostenere le proteste e a non mettersi al lavoro con nessun pretesto. Oggi diffondiamo il più possibile informazioni sulla Giornata della Solidarietà. Parliamo con vicini, amici e parenti.

Le forze di sicurezza hanno paura delle persone, testimoniano in tribunale con passamontagna, senza fare nomi. Durante le detenzioni, se uno di loro si toglie la maschera, corrono immediatamente ai loro autobus, cercando di coprirsi il viso.
Le forze di sicurezza sono demoralizzate. Sono costretti a girare per i cortili e tagliare i nastri / sorvegliare la cabina in via Chervyakova / sorvegliare la sabbia su Pushkinskaya. Avranno la pazienza di farlo per molto tempo?
Solo le nonne all’ingresso credono nella propaganda di stato. E poi ogni giorno sempre meno.
Anche molti agenti di sicurezza non sono contenti di ciò che stanno facendo. Non c’è da stupirsi che Lukashenko sia andato all’ufficio del procuratore generale l’altro giorno, cercando di convincerli che stavano facendo tutto bene. Sente il loro umore.
La forza, il denaro, le persone e la forza del sistema diminuiscono ogni giorno. Domani non crollerà, ovviamente, perché è stato costruito per 26 anni. Ma se continuiamo con lo stesso spirito, le resta poco tempo “.

DIARIO 16 settembre

MESSAGGI da Баста!

Ore 7:50
Sabotaggio generalizzato – fino al completo collasso dell’economia. Tutti conoscono i punti deboli del loro posto di lavoro e come paralizzare la produzione.
“Lo sciopero e il sabotaggio sono completamente paralizzanti per le autorità”, scrive il lettore.
Non eseguire ordini e ritardarne l’esecuzione, disabilitare attrezzature e meccanismi, portare le attrezzature in condizioni inutilizzabili, creare emergenze, fermare nastri trasportatori, negozi e produzione. Tutti conoscono i punti deboli del loro posto di lavoro e come paralizzare la produzione: quale filo deve essere scollegato e quale filo deve essere accorciato. Quale dado svitare e quale no, in quale ingranaggio rompere un dente e quale inceppare. Specialisti IT e programmatori, il virus è nelle tue mani, questa è la tua arma.
Non pagare o tirare con il pagamento di tasse e multe, bollette, interessi alle banche, ritirare depositi, acquistare solo l’essenziale.
Lavorando oggi, fornisci allo scarafaggio i soldi che servono per pagare i picchiatori che ci colpiscono sulla testa con dei bastoni.
Sabotaggio generalizzato – fino al completo collasso dell’economia. Noi sopravviveremo e lo scarafaggio morirà o scapperà! E’ già durato a lungo. Spingiamo e i muri crolleranno! “

Notizie operaie
Meno 129.420 tonnellate. Sciopero a Belaruskali in numero.
“L’11 settembre 2020, il tribunale regionale di Minsk ha stabilito che lo sciopero a Belaruskali era illegale”, ha detto il rappresentante del regime.
A partire dal 19 agosto, i lavoratori delle miniere della 1a e 2a amministrazione mineraria hanno deciso di agire secondo “lo sciopero all’italiana” .
Che cos’è uno sciopero all’italiana o “italiano”, come viene comunemente chiamato? Questa è una forma di protesta, quando il lavoro viene eseguito rigorosamente nel rispetto delle norme di protezione e sicurezza del lavoro, il che rallenta notevolmente il processo di produzione. Diamo un’occhiata ai risultati della prima gestione del minerale nell’agosto di quest’anno.
Prodotti finiti (SOF-1).
Il piano è di 270.000 tonnellate. La produzione effettiva è di 221.303 tonnellate. Meno 48.697 tonnellate.
Miniera della 1a gestione del minerale.
Il piano è di 545.000 tonnellate. La produzione effettiva è di 468.776 tonnellate. Meno 76.224 tonnellate.
Sezione Berezovsky della miniera della prima gestione del minerale.
Il piano è di 667.600 tonnellate. La produzione effettiva è di 538.880 tonnellate. Meno 129.420 tonnellate.
Ad agosto il deficit totale di minerale è stato pari a 205.644 tonnellate (16,96% del piano), per la produzione di fertilizzanti 48.697 tonnellate (18,04%).
Di conseguenza, molti ingegneri della prima gestione del minerale sono stati privati ​​dei bonus per agosto. Il piano per i prossimi mesi è stato potenziato, il che interesserà comunque le attrezzature minerarie. In ogni caso, le conseguenze economiche dello sciopero all’italiana sono evidenti.

Sabotaggio di Grodno Azot. Un dipendente dell’azienda ha raccontato della chiusura di ieri dell’impianto Ammonia 3 e delle sue conseguenze.
L’officina ha potuto iniziare a produrre i prodotti solo a mezzogiorno di oggi, – racconta l’operaio. – L’arresto della forcella è stato causato dal blocco automatico dovuto all’azionamento “accidentale” dell’allarme di massimo livello in una delle vasche. Ha causato l’arresto di due compressori e un “cedimento” piuttosto profondo in modalità tecnologica.
La produzione di ammoniaca è stata interrotta alle 17:30 del 15 agosto, il che ha portato alla necessità di bruciare gas naturale per 80mila dollari. Gli abitanti di Grodno potevano vedere la torcia tutta la sera e tutta la notte.
Per capire che la chiusura temporanea del capannone Ammonia 3 e il successivo scarico dei magazzini di urea non è casuale, basta sapere che al JSC “Grodno Azot” ieri un giorno c’è stato un salto di pressione nel capannone Ammonia 4 e una perdita di scambiatore di calore nel reparto Urea 4.
Le persone semplicemente non vogliono nutrire questo regime e continueranno gli atti di sabotaggio.
È importante sottolineare che tutti questi incidenti non hanno rappresentato alcuna minaccia per i residenti e i dipendenti della città.

Impianto di trattori di Minsk, oggi reparto cabine.
“Siamo con la gente, siamo con i compagni in sciopero, siamo con gli eroi di Belaruskali”, scrivono gli operai.



Pensi che tutte le proteste saranno fatte per te da altri? Credi che le marce della domenica saranno sufficienti per rovesciare un bandito malato? Ti sbagli, non abbastanza.
“Voglio ricordarvi che il paese è ancora governato da un fascista”, – ha scritto uno dei leader delle proteste nel distretto di Minsk di Sukharevo a Minsk. “O te ne sei dimenticato in un mese?”
Vuoi che rimanga, riscriva la costituzione ancora una volta o ci venda a Putin? Pensi che tutte le proteste saranno fatte per te da altri? Credi che le marce della domenica saranno sufficienti per rovesciare un bandito malato?
Ti sbagli, non abbastanza.

MESSAGGI da Беларусь бастует!

“Vediamo tutti quanto sia cresciuta in queste settimane la solidarietà dei nostri amati bielorussi!”, Ci scrive Belaruskali dallo Stachkom.
Eppure, alcuni ancora non ci credevano. Ma ora tutto è cambiato: tutti i partecipanti allo sciopero sono stati risarciti per le perdite materiali effettive, cioè, multe, avvocati, privazioni di bonus, prestiti. L’assistenza materiale è stata fornita per l’importo dei guadagni medi e dei bonus non pagati per la giornata dello Shakhtar. L’assistenza è stata fornita anche sotto forma di materiale scolastico ai bambini di ciascuno dei partecipanti allo sciopero.
Grazie a tutti i bielorussi interessati per il loro aiuto.
Gli operai non devono più aver paura della privazione materiale. L’intero paese ci sostiene! Ogni partecipante allo sciopero riceverà assistenza materiale in base ai suoi guadagni medi durante tutto il tempo dello sciopero e prima della vittoria!
Esiste un sostegno morale, legale, legale e materiale a tutti i residenti della città di Soligorsk che sono stati illegalmente feriti, licenziati, ecc. La nostra forza è nella solidarietà “.

Valentin Terenevich, un rappresentante della società di sciopero Khimvolokno e un assistente caposquadra, ha detto che i lavoratori hanno continuato a protestare, riferisce Radio Svaboda.

I dipendenti di Khimvolokno e Grodno Azot (il primo fa parte del secondo, ndr) hanno guidato una colonna di protesta a Grodno il 13 settembre. Alcuni indossavano abiti da lavoro, anche se la direzione proibiva di portare l’uniforme fuori dallo stabilimento. In totale, Grodno Azot impiega più di 13.000 persone, di cui circa 2.800 a Khimvolokno.


“Operai, amici, compagni, è ora che lanciamo un ultimatum a questo governo criminale!”. Scrive il lettore, “vediamo solo quanti siamo di noi”.
Minsk Tractor Plant, 15.000 di noi.
Minsk Automobile Plant, 15.000 di noi.
Belaruskali, 19.000 di noi.
Stabilimento metallurgico bielorusso, 11.000 di noi.
BelAZ – 10.000 di noi.
Naftan – noi 10.000 persone.
Belshina – noi 10.000 persone.
Gomselmash, noi 8.000 persone.
GrodnoAzot – 7.000 di noi.
Atlant – 7.000 di noi.
Mozyr Oil Refinery, 5.000 di noi.
In totale – più di 100.000 persone. E questa è solo una parte delle fabbriche del paese.
OMON –( forze di repressione) 2000 persone per l’intera Bielorussia.
Operai della Bielorussia, un intero esercito di noi, quanto può essere tollerata l’illegalità delle autorità? Come si può permettere ai fascisti di arrestare il presidente del comitato di sciopero in uno stabilimento con una popolazione di 19.000 abitanti?

MESSAGGI da Отряды гражданской самообороны Беларуси (Arruolamento nelle forze di autodifesa)Colleghi, abbiamo creato un bot speciale per i vostri appelli riguardo all’adesione alle forze di autodifesa con una ripartizione per città della Bielorussia.
Se vuoi entrare nella chat segreta delle forze di autodifesa della tua città, scrivi al nostro bot: @ogsb_bot (un bot è un robot software che compie azioni per le quali è programmato, ad esempio raccogliere informazioni su un dato argomento, oppure rispondere a messaggi, ndr).
Il bot sistematizzerà i tuoi messaggi e risponderà almeno una volta al giorno.

Analisi di questo video. Corsi teorici di tattica per reclute di “Forze di autodifesa”.
L’ OGSB avvisa in modo anonimo l’ex addetto alla sicurezza. Le sue raccomandazioni sono le seguenti: le forze di sicurezza resistono facilmente a un colpo frontale dei manifestanti. Il punto debole sono i fianchi delle forze di sicurezza. In questo video si vedono fianchi aperti, ma i manifestanti non prestano alcuna attenzione a questi fianchi aperti. Questo è un errore. Una parte dei manifestanti sferra un colpo frontale e due gruppi colpiscono i fianchi. E se c’è un’opportunità per circondare le forze di sicurezza, allora questa è la cosa peggiore per loro. Per qualsiasi manifestante, questo dovrebbe diventare una sorta di paradigma rivoluzionario: è possibile circondare le forze di sicurezza? Surround! Ma ricorda che OGSB è autodifesa, non una folla aggressiva assetata di sangue. Hanno circondato gli agenti di sicurezza, hanno offerto loro di togliersi i caschi e piegare i manganelli con scudi – li hanno lasciati andare senza percosse e umiliazioni, altrimenti la prossima volta combatteranno con te fino alla fine.



Chiediamo a tutte le potenziali reclute alle Forze di Autodifesa, che oggi hanno chiesto di prendere in considerazione la loro candidatura per entrare a far parte dell’ OGSB, di comprendere il nostro livello “oltraggioso” (secondo alcuni) di cospirazione e la durata del periodo di risposta a voi (risponderemo a tutti). Ricorda cosa ha posto fine allo sciopero iniziato in Bielorussia – è iniziato e finito molto rapidamente. E perché? E perché il regime ha prontamente decapitato il movimento di sciopero, arrestando la maggior parte dei leader dei comitati di sciopero.
Il nostro principio è che rispettiamo la tua sicurezza, tu rispetti la nostra.

MESSAGGI da altri canali

Una donna di Grodno, che sabato ha strappato una maschera a un uomo sconosciuto con una macchina fotografica, è stata condannata per tre articoli.
Lyudmila Taranok, residente a Grodno, è stata condannata a 10 giorni di carcere e multata di 405 rubli.
È stata dichiarata colpevole di aver violato tre articoli del codice amministrativo: 10.9 (Distruzione intenzionale o danni alla proprietà – molto probabilmente una maschera), 17.1 (teppismo meschino), 23.34 (Violazione della procedura stabilita per lo svolgimento di eventi di massa). (stipendio operaio 600 rubli al mese, ndr)
Abbiamo avvertito: non sarà possibile nascondersi sotto i passamontagna. Lukashenko, Karaev, Sheiman e i sanguinari generali stanno trasformando le forze dell’ordine in bande anonime, ordinando loro di agire al di fuori della legge e di limitarle. La guerra è stata dichiarata ai cittadini civili della Bielorussia. Ma ne soffrono anche le stesse forze di sicurezza, che trasformano in criminali – e molti che non hanno sottoscritto il crimine quando sono andati a lavorare. Le persone troveranno sicuramente un modo per proteggersi dai criminali.
Abbiamo già scritto che ora abbiamo un database del ministero dell’Interno, estratto dalla cyber-guerriglia. E che la polizia ha tempo fino alla fine della settimana prima di iniziare a pubblicarlo. (IMPORTANTE: se hai lavorato presso il Ministero dell’Interno, ti sei dimesso in agosto-settembre o ti dimetti adesso, invia urgentemente al bot @militsiya_s_narodom_bot una foto del certificato di servizio in modo da poterti escludere dal database. Centinaia di tuoi colleghi lo hanno già fatto). Dimettiti per non assumerti i crimini del regime. Quando verrà l’ora della resa dei conti, le forze di sicurezza più stupide e ostinate borbotteranno qualcosa sull’esecuzione dell’ordine, ma nessuno li ascolterà.

DIARIO 15 settembre

MESSAGGI da Баста!

Notizie operaie
Oggi alle 12.30 sarà processata la coraggiosa e rispettosa dipendente MTZ Ulyana Gorbacheva.
Luogo: Tribunale distrettuale di Zavodsky, Prospettiva Partizansky, 75A, ufficio 37 (vicino alla stazione della metropolitana Partizanskaya).
La riunione è aperta – tutti possono supportare.
Importante! Porta con te un passaporto o un altro documento di identità e preferibilmente una maschera. È meglio arrivare 15 prima, se sei in ritardo – non aver paura, puoi andare in aula durante le pause.

Non arrenderti! Il futuro è vicino, la nostra vittoria è vicina.
Video – da uno dei leader del Comitato di Sciopero di MTZ

Cosa possiamo fare?

Blocco del sistema finanziario fino a quando le nostre richieste non saranno soddisfatte. Vale a dire, per bloccare pacificamente tutti gli ingressi ai dipartimenti principali e regionali della Banca nazionale e della Banca bielorussa. Non consentiremo ai dipendenti della banca di andare a lavorare fino a quando tutti i prigionieri politici non saranno rilasciati. La paralisi del sistema finanziario li costringerà a soddisfare le nostre richieste. Ciò richiede solo da cinque a settemila persone; possiamo ruotare per estendere il blocco delle istituzioni finanziarie per diversi giorni. Riusciranno a disperdere 7.000 persone nell’attacco? No.

Blocco delle fabbriche. Nelle fabbriche in sciopero, bloccate pacificamente tutti i posti di blocco e impedite alla leadership di Lukashenko di entrare nello stabilimento fino al rilascio dei prigionieri politici. Se irrompono, portali educatamente fuori dal recinto. Lascia che conducano dalla strada.

Verranno inviati 50 poliziotti antisommossa? E cosa faranno con duemila lavoratori? Oseranno colpirli con i manganelli? Che ne dici di un potente pugno da lavoro?

MESSAGGI da Беларусь бастует!

Sciopero italiano vs. sciopero ordinario: qual è più efficace?
Effetto economico
Dal punto di vista dell’effetto economico, il risultato di uno sciopero può essere espresso sia in termini quantitativi che finanziari.
Quantitativamente, non importa se hai prodotto prodotti al rallentatore o non hanno funzionato per un po’ di tempo. Naturalmente, se l’intera impresa sciopera, non produce affatto. Ma se solo una parte dell’impresa va in sciopero e il resto lavora, la differenza tra i due tipi di sciopero viene cancellata.

Ci sono imprese a ciclo continuo che è impossibile fermare senza conseguenze. In alcuni casi, senza conseguenze per l’ambiente. Per questo motivo, gli scioperi sotto forma di arresto dell’impresa sono impossibili. Ma l’ “italiano” – è abbastanza possibile.
La partecipazione
Lo “sciopero italiano” sembra più pericoloso in termini di impatto sul quadro finanziario in uno sciopero parziale che se solo una parte della società fosse in sciopero. La direzione dell’azienda non ha alcun motivo formale per licenziare i dipendenti, se questo non è un lavoro part-time, deve pagare lo stipendio per intero, mentre la produzione cala, il che influisce sul risultato finanziario complessivo. Se l’azienda è solo in sciopero, ci sono ragioni per non pagare gli stipendi.
Uno sciopero ordinario è complicato dalla presenza di diversi interessi dei partecipanti allo sciopero, il che porta a contraddizioni nello scopo, nella durata e nella portata del fenomeno. Sono necessari forti collegamenti orizzontali tra i lavoratori. Questo è difficile da ottenere nelle grandi imprese a causa della rara intersezione di lavoratori in aree diverse.
Lo “sciopero italiano” è più pericoloso in quanto un piccolo gruppo di lavoratori in aree chiave può effettivamente paralizzare l’intera impresa. Un esempio condizionale: un incidente in una sottostazione elettrica arresta l’azienda indipendentemente dal fatto che i lavoratori volessero lavorare o meno. O problemi di spedizione, rottura dell’utensile. Nella produzione del trasportatore, un guasto in una delle sezioni paralizza l’intero trasportatore, soprattutto se non è la fase finale. Lo “sciopero italiano” può essere avviato da qualsiasi dipendente in qualsiasi giorno, non è prevista alcuna procedura di coordinamento con gli altri partecipanti.
Protezione dei lavoratori
Lo “sciopero italiano” è meno visibile ad alcuni partecipanti, potrebbe non essere coordinato e potrebbe essere decentralizzato, senza un unico centro, rendendo difficile l’individuazione e il contrasto. Inoltre, i dipendenti non coinvolti possono aderirvi a causa di una retribuzione ingiusta. È più difficile influenzare un dipendente, soprattutto se giustifica la sua lentezza con azioni di terzi o cattiva gestione da parte del management.
Legalità
In assenza di un campo legale, la legalità di uno sciopero normale viene immediatamente annullata. Cosa non si può dire dello “sciopero italiano”. Allo stato piace multare, le violazioni della sicurezza possono essere trovate in qualsiasi azienda, nessuno ha eliminato i problemi con l’emissione di tute, il paese sta combattendo per ridurre gli infortuni nelle imprese, per giustificare il rallentamento – una questione di tempo e desiderio di comprendere i documenti. E poi inizia l’inferno per tutti i tipi di ingegneri della sicurezza. E sì, è probabile che il tribunale si schieri con il dipendente perché la multa per l’azienda è molto più pesante di quella per il dipendente. E il budget deve essere reintegrato. E i politici non sono visibili qui.
Copertura mediatica
Le pubbliche relazioni sono il punto forte di uno sciopero regolare. Si diffonde come torte calde sui media, uscire ammanettati o lasciando l’azienda in massa provoca l’effetto di seguire l’esempio, in più produce la voglia di sostenere gli scioperanti per risolvere una serie di problemi finanziari prodotti dalla mobilitazione.
Lo “sciopero italiano” in questa parte è meno evidente, non è chiaro chi sia coinvolto e gli aiuti molto probabilmente non seguiranno.
Lo “sciopero italiano” è essenzialmente simile all’azione di guerriglia e al sabotaggio silenzioso, che ben si adatta alle abitudini preferite dei bielorussi. Apparentemente, questo è uno dei motivi per cui il movimento di sciopero di massa non è visibile, ma i fichi nelle tasche di molti sono piegati. E come questo influenzerà la produzione – questa è un’altra domanda …

MESSAGGI da Отряды гражданской самообороны Беларуси
ore 10:26
Un membro del Comitato di sciopero di Belaruskali, Roman Bondarovets, è stato arrestato. Ora è nel ROVD di Soligorsk.

A cura di M.B.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.