DOMENICA 13 SETTEMBRE, BIELORUSSIA/ GLI OPERAI IN MOVIMENTO

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l'azione autonoma degli operai.
Condividi:

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l’azione autonoma degli operai.


Cronache ricavate sulla base di messaggi apparsi su canali Telegram

Al di là della grande partecipazione alla mobilitazione in tutto il paese, a Minsk si parla di 200mila persone in strada, sotto sotto sembra sia stata una giornata interlocutoria dove il grande assente dalle notizie è stato il prossimo incontro Putin Lukashenko e quel che ne potrebbe venire.
Nessuna delle due parti ha spinto più di tanto, sebbene la giornata sia stata segnata da molti scontri e numerosi arresti La polizia ha ripetuto la tattica di domenica scorsa, cioè disturbare i cortei in movimento presso i luoghi maggiori di concentramento obbligando i cortei a deviazioni e portando a casa delle prede. Ma, forse scottati dalla giornata di ieri, la manifestazione delle donne nella quale sono”andati sotto” alcune volte, oggi gli omon in nero si muovevano in branchi più consistenti e avevano il supporto di numerose compagnie pesantemente coperte casco, giubbotto antiproiettile e tutta l’apparecchiatura del caso che stavano dietro di loro e isolavano la zona nella quale stavano facendo razzia, evitando che venissero accerchiati alle spalle. Più in generale al mattino presto avevano fatto sfilare blindati e controllavano la gente in uscita dalle stazioni metro. Procedura adottata per la prima volta. Sono comparsi anche due fucili a pompa, documentati da foto/video ed in alcuni casi sono stati utilizzati granate stordenti e idranti. Il regime non ha la capacità di manovra politica, niente carota, solo bastone.
I manifestanti non sono stati da meno, sorretti invece dal progetto di liberarsi di Lukashenko e del suo entourage. Innanzitutto l’intervento politico sulle forze di polizia: nella mattinata un messaggio di Баста! ricordava che in un paese cosi piccolo si viene riconosciuti prima o poi, malgrado le maschere, e che non sarà permesso il superamento della linea del sangue. Svetlana Tikhanovskaya (ex candidata alla presidenza) ha invitato i membri della polizia a pensare a quel che stanno facendo e ad allontanarsene. Poi sulla strada i manifestanti erano più reattivi alle aggressioni e hanno sperimentato a livello di massa la difesa, a volte trasformatasi in attacco, tramite i cordoni stretti che hanno dato buoni risultati innanzitutto dissuadendo gli aggressori. In un paio di casi i poliziotti se la sono vista brutta e hanno dovuto essere soccorsi.
In campo operaio c’è stata l’organizzazione di un corteo degli operai della Belaruskali in sciopero al monumento in memoria dei minatori morti in produzione e sono stati diffusi due video di due mogli di minatori che incitano alla mobilitazione.
Un panorama molto vario che costituisce la forza di questo movimento al suo 36mo giorno.

Diario della giornata

MESSAGGI da Баста!
Ore 7:01
Buongiorno amici! Oggi, 13 settembre, andremo a marce di massa in tutto il paese. Inizio – alle 14.00. Minsk è Piazza Indipendenza, tutte le città del paese sono piazze centrali.
Stiamo marciando per chiedere le dimissioni di Lukashenko e il rilascio dei prigionieri politici. Protesta a tempo indeterminato – ogni giorno fino alla vittoria!

Il lettore ….furbacchione
Come creare problemi ai ladri di bandiere e nastri. Un semplice trucco proposto da parte di un lettore.
“Se vedi che vengono tolti nastri bianchi e rossi, una chiamata alla polizia può capovolgere la situazione”, ci scrive. “Basti dire che qualcuno sta appendendo i nastri. I poliziotti corrono, così un paio di impiegati dei servizi comunali, rimuovendo i nastri, sono finiti nel dipartimento di polizia. E ci sono voluti un paio d’ore per convincere i funzionari che non erano stati loro ad appenderli “

Ore 11:02
Il lettore..…
Nessuno al mondo si aspettava che il popolo bielorusso alzasse la testa e dicesse: “Basta”. Sasha lo scarafaggio non c’è più, niente tornerà alla normalità.
“La nostra nazione ha una pazienza straordinaria”, scrive il nostro lettore. “Abbiamo sopportato bugie per 26 anni, la nostra pazienza è finita quest’anno. Ora è il periodo della rivoluzione pacifica. tornare ai loro sensi.
Tutti capiscono già che Sasha lo scarafaggio non c’è più, niente tornerà alla normalità. E tutte le nostre forze sono dirette alle forze di sicurezza in modo che capiscano che per vivere accanto a noi, siamo tutti vicini di casa, da una casa, da un ingresso. Il nostro paese è molto piccolo, non puoi nasconderti da nessuna parte. Nessuno vuole sangue, nessuno vuole oltrepassare quest’ultima linea.
Nessuno al mondo si aspettava che il popolo bielorusso alzasse la testa e dicesse: “Basta”. Se il governo supera l’ultima linea, se il cervello delle forze di sicurezza non si accende e la gente accende il meccanismo del sacrificio di sé (come hanno fatto i nostri nonni nel 41esimo) e la gente smette di avere paura della morte, allora sarà spaventoso.
Non c’è bisogno di illudersi che le persone non saranno pronte a morire. In ogni momento, le persone sono morte per la verità, per la coscienza, per la giustizia, per il futuro dei loro figli: questo è ciò che è stabilito, come legge, nelle nostre anime “.

Notizie operaie ore 11:07
I nostri mariti sono i più forti, con un carattere d’acciaio.
L’impiegata di Belaruskali Alesya Loginova si è rivolta a tutte le mogli dei minatori di Soligorsk.
“I nostri mariti sono gli uomini più forti, più resistenti, più coraggiosi, con un vero carattere d’acciaio”, dice. “Per favore, non stare lontano, sostieni il tuo uomo con tutte le tue forze, perché ora il mondo intero ci sta guardando”.

Ore 12:29
Teniamoci in contatto. Come aggirare il blocco di Internet durante l’odierna March of Heroes.
Collega il tuo proxy in anticipo.
Aggiungi anche una dozzina di altri proxy dall’elenco delle scorte.
– Se Internet non funziona con VPN (Tachyon, Psiphon) e Telegram tramite un proxy, imposta Internet sul telefono in modalità 2G. Internet sarà molto lento, ma sarai in grado di scaricare informazioni di testo.
Impostazioni – Tipo di rete – solo 2G.
Condividi queste istruzioni con i tuoi amici, parenti e conoscenti con i quali desideri rimanere in contatto.

Ore 13:13
Il distretto industriale, i lavoratori MAZ, MMZ, MTZ vanno al centro di Minsk

Ore 13:15
I residenti della regione di Mosca respinsero con successo l’attacco dei banditi e avanzarono nel centro di Minsk.



Ore 13:31
Colonne di residenti dei distretti di Minsk sono già nel centro della città.
Amici, concentratevi su grandi gruppi di persone, andiamo. I banditi non attaccano una colonna se ci sono più di 200 partecipanti, hanno paura. Unire!

Ore 13:36
I residenti del distretto Frunzensky di Minsk, dopo un piccolo scontro con la polizia antisommossa, hanno iniziato a spostarsi dalla stazione della metropolitana Molodezhnaya al centro della città. A loro si uniscono persone di Vesnyanka e dell’area di Pobediteley Avenue.

Ore 13:37
Amici, se avete dubbi con chi concordare il movimento della colonna e il coordinamento delle azioni durante la marcia, cercate i nostri volontari. Punto di riferimento: bandiere rosse con Chase (cavaliere ndr) e magliette con la scritta “Баста!”. (dialettica tra virtuale e presenza sul campo, primo messaggio di questo tipo ndr)

Ore 14:34
Minsk. La colonna del quartiere Leninsky ha sfondato eroicamente l’assedio di Mayakovsky e lo stadio Dynamo ed è ora nel centro della città.
“Ci collegheremo con il nostro su Nemiga”, hanno detto i partecipanti alla processione.

Ore 16:16
Interfax: Più di centomila persone si sono radunate per un’azione di protesta a Minsk. (interfax è una delle principali agenzie di stampa non governative russe. Seguirà tutta la giornata di Minsk. E’ la prima volta che è riportata nei canali Telegram bielorussi – ndr)

La parte principale dei manifestanti è già in Pobediteley Avenue. Ci sono più di 150mila persone.

Ore 16:51dal canale Водители 97% (Autisti 97%, ndr), ritrasmesso da Баста!
Attenzione
A tutti i conducenti che sono a Minsk e leggono il messaggio, di bloccare le strade con urgenza!
Blocca le strade verso la vittoria!
Non lasciare nessuno, passa l’ambulanza solo dopo esserti assicurato che non ci sia polizia antisommossa! Ripubblicazione massima

Ore 17:22
Minsk. Tutte le colonne di manifestanti si sono ora unite all’avvicinamento a Drosdam. Ci sono più di 150mila persone. La strada è bloccata da un cordone di Lukashenko e da attrezzature speciali.

Ore 17:40
Novopalosk Ci fu una colluttazione tra i cittadini e gli sconosciuti in passamontagna. Persone sconosciute sono arrivate con due minibus e hanno cercato di prendere diverse persone. Tuttavia, i manifestanti hanno spinto le persone in passamontagna e hanno picchiato i propri (gli omon mascherati iniziano a capire che non è più tanto liscia, i manifestanti utilizzano la tattica a catena per resistere e rispondere).

Ore 17:54
Brest. Qualcuno ha perso la pazienza e ha cercato di disperdere i manifestanti con un cannone ad acqua. Non ha aiutato. I residenti di Brest si sono riuniti di nuovo nel centro.

Ore 18:28
Minsk. Ci sono più di 200.000 manifestanti in Pobediteley Avenue e nelle strade vicine.

Notizie operaie ore 10:02
“Cari cittadini di Soligorsk, amici!
Domenica 13 settembre, i partecipanti allo sciopero di Belaruskali si recheranno alla stele “Memoria dei minatori morti in produzione” nel villaggio di Chizhevichi, distretto di Soligorsk, per deporre fiori, si legge nel comunicato del comitato di sciopero di Belaruskali. – Iniziamo il nostro viaggio dal monumento a Lenin alle 14.00. Chiunque può unirsi a noi. Porta con te solo fiori”.


Shafranovich Natalia, operaia di Belaruskali, 4a gestione del minerale:
“Sono in sciopero perché voglio un futuro migliore per i miei figli, in cui non ci sarà spazio per l’illegalità e l’arbitrio”.

MESSAGGI da “Distaccamenti di autodifesa civile della Bielorussia”
Due foto con dimostranti braccio sotto braccio
Video omon con fucile.

MESSAGGI da altri canali

Notizie operaie ore 13:05
Roman Leonchyk, un rappresentante del Comitato di sciopero di Belaruskali, è stato arrestato.
“Al momento si trova nel dipartimento degli affari interni del distretto di Soligorsk in via Kozlova 64, chiediamo a tutti i nostri colleghi e cittadini di venire a sostenere Roman”, ci ha scritto un dipendente di Belaruskali.

“Ieri i lavoratori della BZD hanno organizzato un piccolo sabotaggio“, scrive il lettore. “Di conseguenza, Osipovich non ha avuto treni a Minsk per più di due ore”.
Lavoro anche sulla ferrovia e sapevo che si stava preparando qualcosa del genere, ma non sapevo cosa fosse. Ieri era un giorno libero, stavo guidando da Rudensk a Minsk. Ma, a partire dalle quattro, non c’erano treni. Né Stadlers, né ordinario. Sono riuscito a sedermi solo più vicino alle 18:00.
Allo stesso tempo, quando ho acquistato un biglietto, non ho ricevuto alcuna informazione sul fatto che non ci saranno treni, quindi la nostra gente ha fatto quello che voleva.
C’era molta gente alla stazione, nessuna informazione sui rilevatori è stata data. La gente è andata a chiedere al botteghino e ha ricevuto informazioni che ci sarà un treno quando non si sa”.

Ore 19:44
Il ministero dell’Interno ha parlato delle azioni di oggi
• Alle 19:00, più di 400 persone sono state detenute a Minsk, per un totale di “diverse centinaia di persone” in Bielorussia.
• A proposito della sparatoria a Minsk: “La polizia ha arrestato diversi partecipanti attivi in ​​Pobediteley Avenue. A quel tempo, altre persone nella protesta, almeno un centinaio di persone, hanno cercato di respingerle. Per prevenire azioni illegali, un colpo di avvertimento è stato sparato in aria da un fucile a pompa”.
• Non sono state usate granate rumorose.

Minsk. A Hrushevka, i minibus si avvicinavano alle persone riunite, da cui di solito scappano persone sconosciute in passamontagna e trascinano indietro le persone con la forza. Le persone riunite hanno avuto un intoppo, i minibus hanno guidato un po’ in avanti. Successivamente, una colonna di bandiere bianco-rosso-bianche si spostò verso il centro. (dalle catene di agitazione, lasche, alle catene di autodifesa, strette – ndr).


“Non dobbiamo permettere a tutti i tipi di bande e bande di criminali di vagare per il paese con le maniche rimboccate, e la gente, Dio non voglia, penserà che la Gestapo è tornata, che la guerra è iniziata”.

Svetlana Tikhanovskaya ha invitato le forze di sicurezza a fare una scelta in questo momento dalla parte di cui stare, fino a quando la legittimità di Lukashenko non sarà completamente esaurita. Ha offerto loro due opzioni su come farlo:
“Spero che la polizia capisca che stanno violando la legge della Repubblica di Bielorussia e il diritto internazionale. E in generale, sono molto interessato a come vivono adesso … È tempo che prendano una decisione da soli, perché dopo il tentativo di inaugurare illegalmente Lukashenko, la sua legittimità finirà completamente. E ora i dipendenti devono fare una scelta.

Se vogliono andare dalla parte del popolo, dalla parte della legge, allora è il momento di dichiarare che sono con la gente. Ci sono diversi modi per farlo: dimettersi e dichiarare pubblicamente che non supportano il regime, o contattare il nostro quartier generale di coordinamento e dire che non supportano il regime, ma per qualche motivo non possono dimettersi – e noi li aiuteremo “.

A cura di M.B.

Condividi:

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.