DOMENICA 30 AGOSTO, BIELORUSSIA/ GLI OPERAI IN MOVIMENTO

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l'azione autonoma degli operai.
Condividi:

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l’azione autonoma degli operai.


Cronache ricavate sulla base di messaggi apparsi su canali Telegram

Si è stimato che alla manifestazione di oggi a Minsk abbiano partecipato circa 200mila persone e che altre migliaia abbiamo dato vita con successo a manifestazioni in città minori, alcune delle quali erano state visitate la settimana scorsa da Lukashenko nel tentativo di galvanizzare i propri, poco numerosi, sostenitori. Il corteo principale, nel quale erano confluiti almeno 4 cortei minori provenienti da diversi punti di raccolta, ha marciato sino a piazza Indipendenza al solito bloccata da schieramento di Omon, furgoni con reti antipersona, mezzi blindati e gli odiati cellulari in retrovia.
Questa volta le avanguardie del corteo si sono portate quasi a contatto dei poliziotti, domenica scorsa erano rimaste a 200m, e Maria Kolesnikova, consiglio di coordinamento, ha provato a trattare il passaggio del corteo. Chi gli stava di fronte non ha neanche aperto bocca. Evidentemente i poliziotti avevano ordine di non dialogare e di restare in silenzio. Forse Lukashenko ha il timore che nel dialogo si possano aprire brecce a suo svantaggio. Si parla di qualche problema etico nelle fila della polizia, che sarebbe normale dopo un periodo così lungo di tensione e confronto con cittadini disarmati. Comunque le organizzazioni antagoniste oggi hanno tenuto a chiarire, usando una “lettera al direttore” credo fatta ad hoc, che nel caso di vittoria per tutti i militari che si sono macchiati di violenze la strada sarà processo e carcere. Il regime oggi non poteva commettere brutalità e mal ne sarebbe venuto, anche perché era il 66° compleanno di Lukashenko. Ha comunque provato ad intimidire i manifestanti: numero maggiore di truppe antisommossa, vie laterali stipate di blindati, trasporto truppe e cellulari, una colonna di carri armati in periferia, ben lontana dal corteo ma ben visibile a tutti via media. Non si sono fatti mancare niente, anche piccoli gruppi di poliziotti su autobus che, come squali davano la caccia a singoli manifestanti. Qui forse i manifestanti hanno commesso un errore tattico: all’inizio della giornata ci sono documentazioni di fermi che avvenivano in mezzo ai manifestanti senza che le vittime e gli astanti reagissero. Nel corso della giornata la musica è cambiata: in almeno tre casi ci sono state reazioni, liberazioni dei fermati prima che fossero caricati sul cellulare e in uno delle donne hanno picchiato un poliziotto. Il regime non è più in grado di amministrare il terrore compiutamente e sta perdendo il completo controllo sociale mettendosi contro anche quei gruppi della società civile che quantomeno potrebbero restare neutrali. Oggi è stato il turno degli sportivi: 400 atleti, anche di alto livello, hanno sottoscritto un documento che aderisce alle proposte del movimento e si sono mossi con un loro striscione. In risposta sono stati arrestati due calciatori “Krumkachok” Kozek e Rassolko che rientravano dall’allenamento.
Degli operai delle fabbriche alla periferia si sa che hanno raggiunto il loro concentramento e hanno poi proseguito con il resto del corteo.
Domani sarà giornata di riposo ma anche di intensa preparazione per martedì 1° settembre data nella quale è stato indetto uno sciopero generale.

66° compleanno di Lukashenko-vediamo che auguri avrà dai bielorussi

ore 8:43 Беларусь бастует! La Bielorussia è in sciopero!
Buongiorno amici!
Oggi, 30 agosto, andremo alle marce di massa in tutto il paese. L’inizio è alle 14.00. Minsk è Piazza Indipendenza, tutte le città della Bielorussia sono piazze centrali.
Le nostre richieste:
dimissioni di Lukashenka,
rilascio di prigionieri politici.
In questo momento stiamo aggirando tutti i vicini all’ingresso, chiamando tutti i nostri parenti e amici, ricordandoci dell’azione. Minskers, ci incontriamo nei nostri quartieri, alziamo bandiere, apriamo striscioni e ci spostiamo in centro città.
I punti di raccolta intermedi si trovano vicino alle uscite delle stazioni della metropolitana Mikhalovo, Pushkinskaya, Accademia delle scienze e Partizanskaya alle 12.30. Da lì andiamo a Piazza Indipendenza con musica, canzoni, canti. Supportiamo i lavoratori in sciopero. Ci fermiamo in luoghi affollati, aspettiamo gente.
Protesta a tempo indeterminato – ogni giorno fino alla vittoria!

Dichiarare non validi i risultati delle elezioni presidenziali in Bielorussia. 2700 studenti dell’Università statale bielorussa di informatica e radioelettronica hanno lanciato un appello aperto.
“Noi, studenti e laureati della BSUIR, stiamo seguendo gli eventi politici in Bielorussia e non vogliamo farci da parte. Le elezioni presidenziali nella Repubblica di Bielorussia si sono svolte con molte violazioni e tentativi di falsificazione, non riconosciamo i loro risultati”, hanno detto gli autori dell’appello.
Secondo gli studenti della BSUIR, le persone, indignate da questa procedura per lo svolgimento delle elezioni e dei loro risultati, hanno partecipato a proteste pacifiche in tutto il paese. Per questo sono stati sottoposti a crudeltà senza precedenti nella storia della Repubblica di Bielorussia.
Gli autori dell’appello chiedono di fermare le azioni violente contro manifestanti pacifici, di rilasciare detenuti e prigionieri politici, nonché di dichiarare non validi i risultati delle elezioni presidenziali in Bielorussia.

Ore 12:23
Le donne hanno rotolato le zucche al Palazzo del Governo
In Bielorussia esiste un’usanza così antica secondo la quale, se un ragazzo si propone a una ragazza, ma non è nel suo cuore, la ragazza tira fuori una zucca a casa dello sposo respinto.

Ore 14:39
Consiglio per i blocchi nelle comunicazioni
Ci sono informazioni che dalle 15:00 le comunicazioni mobili saranno interrotte per tutti gli operatori (forse anche Internet da casa).
Sul telefono cellulare: prova a trasferire su 2G se Internet è perso. Ad alcuni è stato utile.

Educazione stradale a Brest! La gente in manifestazione rispetta tutti i semafori e fa passare i mezzi pubblici. (manifestazioni in tutte le città – Brest ha avuto momenti duri di scontro ma qui, come tutti gli altri cortei nel paese, rispettano la viabilità: camminare sul marciapiede e passare col verde, comunque lasciar passare i mezzi pubblici. Se scatta il rosso il corteo si spezza. E’ una dimostrazione di forza di disciplina ndr)

ore 16:04
Minsk Tutte le stazioni della metropolitana sono state aperte per l’ingresso e l’uscita. (vittoria dei manifestanti, ndr)

ore 16:14
Ministero dell’Interno: 125 persone arrestate per partecipazione ad azioni di protesta alle 16:00 (segno di debolezza del regime, ndr).

ore 16:48
Diverse migliaia di manifestanti si sono avvicinati alle forze di sicurezza al Palazzo dell’Indipendenza (come domenica 23 quando Lukashenko ha fatto il cowboy in elicottero, ndr)

Gli autori della canzone “Mamma Belarus” hanno vietato l’uso della loro traccia, che spesso viene suonata nelle manifestazioni filogovernative, perché non sostengono il regime!

Ore 16:42
Minsk. Maria Kolesnikova (consiglio coordinamento), Maxim Znak, Lilia Vlasova sono venute al Palazzo dell’Indipendenza. Maria Kolesnikova si è avvicinata al cordone delle forze di sicurezza, chiede di chiamare il loro leader o di lasciarli entrare per i negoziati. Non la lasciano passare.
“Noi bielorussi abbiamo il diritto di girare per la città, non capiamo perché la strada sia stata bloccata per noi, vogliamo chiedere perché non possiamo camminare per la città”, ha spiegato Maria Kolesnikova.
Maria Kolesnikova annuncia in un megafono:
“Facciamo una tranquilla passeggiata per la città, non cadiamo nelle provocazioni. Si prega di allontanarsi di 10 metri dalla recinzione”. Le persone ascoltano e se ne vanno.
Maria Kolesnikova ha chiesto ancora una volta ai funzionari della sicurezza se i loro capi avessero intenzione di negoziare, ma non ha ricevuto risposta.
Dopo di che, ha camminato lungo la recinzione prima di rientrare nella folla.

Ore 16:44
Evacuazione al centro commerciale Zamok. Si trova vicino al palazzo (dell’Indipendenza, ndr).

Grodno. La gente veniva all’edificio della Psichiatria-Narcologia e cantava “Prendi Sasha!”(cioè ricoveratelo, ndr).

Il cordone è stato avvicinato da persone con un poster “Sportivi con la gente”. Tra loro ci sono Alexandra Gerasimenya e la cestista Elena Levchenko. Gridano: “Giochiamo lealmente”, “Il popolo ha vinto”.

L’addetto stampa di Lukashenka, quando gli è stato chiesto dove si trovava il presidente, ha inviato a RIA Novosti la sua foto con una mitragliatrice di fronte al Palazzo dell’Indipendenza.

Ode alla marcia delle donne del 29 agosto
“Metterai in ginocchio qualsiasi regime dittatoriale davanti a te”. La marcia delle donne a Minsk ha mostrato la forza delle donne bielorusse.
“Siete i nostri bielorussi!” Scrive il lettore “Madri, figlie, sorelle, nonne, vi adoro!

Non sei come i poliziotti antisommossa in corno di montone, metterai in ginocchio qualsiasi regime dittatoriale davanti a te.
Ti amo, ti rispetto e ti abbraccio. Siete le nostre care ragazze”.

Agiremo in solidarietà.
400 atleti hanno sostenuto le proteste e hanno minacciato di boicottare la nazionale.
“Noi sottoscritti, essendo persone coinvolte nello sport bielorusso, partecipando ai campionati nazionali e ai campionati del paese, oltre a difendere gli interessi della Repubblica di Bielorussia nell’arena sportiva internazionale, condanniamo categoricamente numerosi fatti di falsificazione dei risultati elettorali del Presidente della Repubblica di Bielorussia, nonché la manifestazione di grave violenza con la forza in risposta alla protesta pacifica dei cittadini ” – è scritto in un appello firmato da 400 noti atleti.

(Un poliziotto ha scritto una lettera dicendosi colpito dopo aver fatto servizio in piazza contro le donne il 29 – qui sotto una risposta che presenta un punto di vista nel movimento in merito a come trattare la polizia, ndr)
Questo è solo l’inizio per te. Sei un simbolo di illegalità, violenza e codardia. Non stai stringendo la mano.
“Caro poliziotto antisommossa, con le lacrime agli occhi ho letto la tua lettera su come il tuo castello di carte, o meglio, la tua mangiatoia, sta crollando”, scrive il nostro lettore. “Dici sul serio? Vuoi immaginare la tua futura moglie – così coraggiosa, decisa e ispirata? Hai capito che una madre simile può allevare un degno cittadino?
E ti sei chiesto se una ragazza si sarebbe seduta con te sullo stesso prato dopo tutte quelle ferite e delusioni che le tue azioni hanno portato?
Un cittadino degno deve avere un padre e le donne non ti permetteranno di avvicinarti ai loro corpi per molto tempo. Non partoriranno da te. Sei un simbolo di illegalità, violenza e codardia. Sei di quelli che hanno usato violenza contro i nostri uomini e le nostre donne e preso a calci quelli che protestavano contro le menzogne. Non stai stringendo la mano a nessuno di noi.
Quando tutto questo sarà finito – ma per te è solo l’inizio! Cerca attivamente oggi una ragazza sciocca che servirà per portarti i cracker in prigione. Le ragazze coraggiose, attive e determinate non ti andranno bene. Abbiamo valori e linee guida di vita diversi. Non puoi attirare intellettualmente ragazze del genere. E non ti perdoneranno le atrocità”.


Una colonna di operai delle più grandi fabbriche di Minsk – MTZ, MAZ, MZKT, MZET – sta marciando nei pressi della fabbrica di Kommunarka.

ore 14:36
Alcuni dei partecipanti alla marcia sono stati bloccati dalle forze di sicurezza nell’area della GUM. Serve aiuto. Chi è vicino – vieni!

Ore 14:43
Minsk. L’atmosfera al GUM alle 14.30. La polizia antisommossa ha bloccato il viale, la gente si è messa in strada.

Sciopero generale 1° settembre, non solo la scuola
ore 22:06
Basta! Amici, abbiamo nuovamente dimostrato la nostra forza e determinazione. Centinaia di migliaia di bielorussi hanno partecipato alla marcia per la pace e l’indipendenza in dozzine di insediamenti del paese. Oggi siamo stati i padroni delle nostre città.
Ogni giorno di protesta è un duro colpo per lo scarafaggio e il suo sistema. Diventiamo più forti e lui perde le sue ultime risorse, sostenitori e resti di influenza.
Continuiamo l’offensiva!
Le direzioni chiave sono le azioni quotidiane di strada “partigiane” e la preparazione di uno sciopero di massa il 1 ° settembre.

Finché hai Internet (c’è info che presto verrà disconnesso), ti consiglio di scaricare applicazioni per VPN.

ore 16:44
L’operatore di comunicazione A1 ha confermato che il throughout di Internet mobile a Minsk è stato ridotto per ordine delle agenzie governative.

Ore 20:18
Il ministero degli Affari interni ha riferito che alle 18:00 il numero di coloro che sono stati arrestati durante l’azione di protesta a Minsk ha raggiunto 140. La maggior parte di loro è stata arrestata durante le prime due ore dell’azione di protesta.
Il centro per i diritti umani di Viasna, privato della registrazione, ha raccolto i nomi di oltre 50 persone detenute a Minsk. Puoi vederli tutti qui. Tra loro ci sono diversi minori, un cittadino della Russia. Alcuni dei detenuti sono stati rilasciati.
Ci sono stati anche detenzioni a Grodno, Pinsk, Orsha, Zhodino, Mogilev.

A cura di M.B.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.