VENERDÌ 28 AGOSTO, BIELORUSSIA/ GLI OPERAI IN MOVIMENTO

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l'azione autonoma degli operai.
Condividi:

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l’azione autonoma degli operai.


Cronache ricavate sulla base di messaggi apparsi su canali Telegram

Continua la situazione di calma apparente. La giornata è passata con ancora meno fatti di rilievo sebbene le forze di polizia siano sempre presenti, fermino i dimostranti, diano fastidio con telecamere e i soliti comportamenti provocatori.
Da alcune notizie e documenti si capisce che il movimento sta trascorrendo una fase di rallentamento, normale dopo un mese di mobilitazione quotidiana in manifestazioni, cortei, iniziative in situazione civili e sociali le più disparate. Si nota una minore partecipazione ed è molto probabile che in una minoranza si sia diffusa una sfiducia nella capacità di togliersi di torno Lukashenko. Perciò ci sono interventi a indicare tattiche, obiettivi, per tenere le forze compatte e alto lo spirito.
Per sabato 30 pomeriggio è prevista una manifestazione femminile a Minsk. Le donne sono sempre state la punta del movimento e anche in questi giorni punzecchiano continuamente i poliziotti che fanno servizio in piazza vestiti da Diabolik. Può darsi che questa manifestazione agisca da catalizzatore sugli spiriti. Porta bene ricordare qui che la scintilla dell’insurrezione a Pietroburgo venne da una fabbrica di donne che uscirono arrabbiate per qualche rivendicazione. Naturalmente una scintilla in una fase ampiamente pre-insurrezionale; a Minsk sono su quella strada: sono cadute barriere di comunicazione tra la gente che trova così modo di confrontarsi pubblicamente per i propri problemi o desideri: i cori che vengono intonati spontaneamente, tra sconosciuti, in luoghi chiusi, è un indicatore di tale stato d’animo di massa.
La situazione economica peggiora rapidamente: le banche oltre ad aver bloccato i prestiti non hanno contante sufficiente per soddisfare le richieste di chi preleva: si deve prenotare tale operazione. Lukashenko usa la clava anche in politica estera: ha imposto sanzioni alla Lituania, cioè non vuole più che le importazioni via mare passino dal porto lituano, ma dovrà cercarsi un altro porto dato che la Bielorussia non è sul mare.
Notizie degli operai sono sempre scarse. Da quel poco che filtra sembra che ci sia discussione al loro interno ma anche organizzazione in comitati di sciopero e tra aziende diverse. In questa fase è anche naturale che l’opposizione si concretizzi in azioni meno costose di uno sciopero; in molti hanno adottato, o discutono, lo sciopero italiano: che sarebbe lo sciopero delle mansioni e rallentamento di tutte le fasi dell’attività in fabbrica. Non so se c’è da esserne fieri; in ogni caso nel prossimo autunno sarebbe utile che gli operi italiani si esibissero in qualche sciopero bielorusso, tanto per ringraziare per la stima.

Segue il diario della giornata. Notizie scelte

ore 8:58
Dal solito canale Telegram “Basta!” commenti e consigli per la giornata
Buongiorno amici! Piano di guerriglia per oggi. Stiamo aumentando la pressione sul governo.

Le tradizioni della guerriglia vivono e lavorano in Bielorussia. Nella sola Minsk, le azioni si sono svolte in più di 15 luoghi durante il giorno. I residenti della capitale si sono schierati in una catena di solidarietà nei quartieri di Uruchye, Novaya Borovaya, Malinovka, Serebryanka, Shabany, Hrushevka, Zapad, Kuntsevshchina, Kamennaya Gorka, vicino al Teatro Kupalovsky e all’Accademia delle scienze, vicino alle stazioni della metropolitana Vostok e Pushkinskaya. Grandi azioni si sono svolte nelle piazze della Libertà e dell’Indipendenza.
Altre città non sono rimaste indietro.
Usciamo a protestare ovunque.
Proponiamo di continuare la pressione decentralizzata sulle autorità. Concordiamo promozioni nelle chat delle nostre case, quartieri e quartieri. Siamo guerriglieri e agiamo in modo guerrigliero: rapidamente, chiaramente, in modo organizzato.
Non aspettiamo leader, ma diventiamo noi stessi leader. Hai bisogno di un altoparlante e microfono portatili, streamer e bandiere: contattaci, ti diremo dove trovarli. Se vuoi aiutare con l’acquisto di apparecchiature audio o la produzione di bandiere e striscioni a Minsk, scrivi a @minsk_help.
La sera andiamo nelle vie centrali e nelle piazze delle nostre città, organizziamo una protesta sotto forma di festeggiamenti di massa.

Expanding strike
Creiamo comitati di sciopero in ogni stabilimento, in ogni organizzazione. Scegliamo i compagni più autorevoli e affidiamo loro l’organizzazione dello sciopero. Come organizzarsi? È molto semplice: smettere di lavorare, fermare macchine e impianti di produzione.
È importante il coordinamento delle azioni e lo scambio di informazioni tra scioperi di imprese e organizzazioni di ogni città e in tutto il paese. Scrivi alla hotline @zabastovka_bel – ti aiuteremo.
Non permettiamo a noi stessi di essere confusi. Non ci lasciamo ingannare. Non ci ritiriamo. Abbiamo inferto colpi seri a Sasha lo scarafaggio. Scioperi e proteste stanno esaurendo il governo, costringendolo a spendere le sue ultime risorse. Andiamo avanti: con decisione, audacia e coerenza.

Prepararsi per il fine settimana
Il 30 agosto andremo a marce di massa in tutto il paese. Ci stiamo preparando per loro adesso. Come domenica scorsa, invitiamo a Minsk i residenti delle regioni, lavoratori di imprese in sciopero. Aiutiamo con la notte.

(Lotta finanziaria !)
Prelevare contanti. Riduci al minimo l’uso delle carte di pagamento. Acquista valuta.
“Si scrive molto sugli scioperi, sulle catene di solidarietà, sugli ingorghi, sul boicottaggio di uno o di un altro marchio”, scrive il lettore.
“Per qualche ragione, molte persone pagano ancora ovunque con carte di pagamento, reintegrando così il tesoro dello Stato. L’1,5-3% viene detratto da ogni transazione e l’intero importo va ai monopolisti, il centro di elaborazione della banca. Quindi, continuiamo a sponsorizzare lo stato. Smettiamo di farlo”.
Lo ha già spiegato a tutti i suoi conoscenti.
“Prelevare contanti. Riduci al minimo l’uso delle carte di pagamento. Acquista la valuta”.

(In preparazione sciopero 1° settembre rivolto alla società e al terziario, quindi a sostegno dei lavoratori in industria e miniere)
In Bielorussia sono in corso proteste da due settimane. Le autorità stanno cercando di estinguerli, dobbiamo rafforzarli.
La nostra arma è la solidarietà. Come mostrare solidarietà agli scioperanti, oltre a sostenere con i soldi? È molto semplice: colpire te stesso!
Il 1 settembre terremo uno sciopero di massa. Non lasciare che nessuno lavori!
Se sei un imprenditore, non lavorare il 1 ° settembre. Avvisa i tuoi dipendenti e clienti che non lavori in questo giorno. Spiega che è così che esprimi solidarietà con l’intero movimento di sciopero.
Se sei un dipendente, prenditi una vacanza a tue spese. Se sei uno studente, non andare all’università.
Se sei un dipendente di una fabbrica o di un’impresa, sciopera! Tenere una riunione, tenere una manifestazione sul territorio, parlare con i colleghi. Nessuno verrà licenziato in un giorno, ma dimostrerai quanti di voi non sono d’accordo.
Lascia che i bar non funzionino in questo giorno, le palestre e i negozi di fiori chiudano. Mostriamo alle autorità che lo stato siamo noi. E se non lavoriamo, l’intero paese si ferma.

Non ci sono soldi. Già cinque banche bielorusse hanno completamente chiuso i prestiti ai privati.
Ieri si è saputo che tre banche bielorusse stanno sospendendo l’emissione di prestiti per qualsiasi scopo. Il 25 agosto, BNB-Bank ha interrotto l’emissione di prestiti e il 28 agosto BPS-Sberbank e Technobank non saranno in grado di contrarre prestiti. In precedenza, RRBank e Absolutbank hanno interrotto i prestiti ai privati.
“Dato l’aumento della domanda e il ritmo di prestito rispetto al piano industriale, la banca ha deciso di sospendere temporaneamente l’emissione di risorse di credito ai clienti privati” – ha detto in un comunicato BPS-Sberbank.
Dal 24 agosto al 15 settembre la Banca nazionale ha sospeso le operazioni di liquidità. La ragione di questa decisione è “un aumento significativo del portafoglio prestiti delle banche in rubli bielorussi, che esercita un’ulteriore pressione sul mercato dei cambi interni”.

Come iniziare uno sciopero? Fai tre semplici passaggi.
Le vie della ritirata sono state tagliate da tempo per noi. Combattiamo per noi stessi, per le nostre famiglie, per il nostro futuro.

“Nello stabilimento di trattori di Minsk (MTZ) sono in corso i lavori per espandere lo sciopero e il sabotaggio, – racconta uno degli operai – sono stati istituiti comitati di sciopero, si sono tenute riunioni e stiamo coinvolgendo più persone nella protesta.
Oggi la maggior parte dei nostri attaccanti sono “italiani” in diversi reparti. Meccanica, fonderia, ITR sono le principali, ci sono anche tecnici e progettisti in sciopero.
In una delle fonderie, tra l’altro, circa 10 persone si stanno preparando per uno sciopero attivo.
La cosa più importante che ha dato una spinta alle persone è la fiducia che non saranno lasciate sole con i problemi. Non appena i nostri compagni hanno visto che ai bisognosi veniva dato un vero aiuto, sono stati incoraggiati.
Siamo pronti ad andare fino in fondo, consideriamo Lukashenko e i suoi dirigenti incompetenti per i ​​problemi più importante del Paese e dei lavoratori, e quindi non ci tireremo indietro fino alle dimissioni.
Ogni giorno siamo in più, e questo non è solo in MTZ, ma anche in altri stabilimenti. Chiediamo a tutti i lavoratori della Bielorussia di unirsi, insieme siamo una forza!”

ore 9:32
Il dipartimento di polizia del distretto Maskouski di Minsk rilascia i detenuti in massa. Secondo quanto riferito, più di 50 detenuti sono stati rilasciati.

• Almeno 265 persone sono state arrestate ieri durante una pacifica manifestazione di solidarietà nel centro di Minsk
• Decine di giornalisti erano tra i detenuti ieri – sono stati portati fuori dal luogo apparentemente per “controllare i documenti”, ma in realtà – per privarli dell’opportunità di registrare le detenzioni. Quattro giornalisti sono ancora nell’IVS

Gli abitanti in sciopero di Soligorsk stanno creando uno sciopero unito. Oggi alle 18.00 in centro città si svolgerà un’azione a sostegno dei minatori.
Lo sciopero di Belaruskali avvia la creazione di un comitato congiunto di sciopero di Soligorsk tra le imprese, gli imprenditori e i medici della città, ci hanno detto rappresentanti del comitato di sciopero di Belaruskali.
Sempre oggi alle 18:00 nella piazza centrale di Soligorsk si svolgerà il tradizionale “incontro di amici”. Facciamo una passeggiata, discutiamo il formato della “celebrazione” del City Day e del Miner’s Day.

Dal 1 settembre – sciopero di studenti e scolari. Non è possibile portare avanti un normale processo educativo con l’usurpazione del potere da parte di uno psicopatico e di un marasmico.
“Non voglio parlare per tutti gli studenti, insegnanti e genitori bielorussi di studenti di scuole diverse”, scrive un lettore di Minsk. “non è possibile.
Come studente dell’Università di Minsk, credo e dichiaro a casa che tutti noi – insegnanti, studenti, scolari e i loro meravigliosi genitori – siamo i rappresentanti più promettenti, avanzati e altamente istruiti della società bielorussa.
Avremo sempre il futuro del paese e l’ultima parola su qualsiasi questione di importanza pubblica e statale.
Ciò che sta accadendo in Bielorussia ora: frode elettorale, detenzioni illegali, repressione sul lavoro e violenza da parte delle forze dell’ordine, merita e richiede la nostra condanna universale e una maggiore partecipazione a numerose proteste e scioperi sul posto di lavoro.
Solo tutti noi insieme saremo in grado di prendere in mano la situazione e garantire a noi, ai nostri compatrioti e alla futura generazione, la sicurezza dell’espressione della volontà e una vita libera e felice nel nostro paese.
Dobbiamo semplicemente a tutti i bielorussi uccisi e repressi, a tutti coloro che hanno sofferto durante i 26 anni del regno del folle usurpatore, per ottenere una vittoria incondizionata su di lui “.

Richiedere dalla polizia di sbloccare il telefono è illegale!
Le forze dell’ordine spesso richiedono ai cittadini detenuti di mostrare il contenuto del loro telefono.
(pratica in uso in tutti i paesi dove sono in atto scontri, la polizia obbliga ad aprire il telefono con la forza oppure usando il sistema delle impronte digitali o il riconoscimento facciale ndr)

ore 16:51
Minsk. I lettori scrivono che cellulari e veicoli militari stanno tornando nel centro della capitale. (la polizia si prepara a disturbare la riunione serale in centro dei manifestanti ndr

Ieri, 27 agosto 2020. alle 6:30 presso l’indirizzo di registrazione di un attivista civile, blogger, attivista per i diritti umani. Oleg Zhelnov a Bobruisk, due persone hanno suonato il campanello. La moglie di Oleg Petrovich si spaventò quando vide estranei in abiti civili sulla soglia in un momento simile. Uno di loro si è presentato come un agente investigativo criminale di nome Kolesnikov. Il maggiore stava cercando Oleg Petrovich e minacciò che se la porta non fosse stata aperta, sarebbe stata aperta dal Ministero delle situazioni di emergenza con un autogen. Poi la moglie di Zhelnov lo aprì. Kolesnikov ha chiesto dove si trova Oleg Zhelnov, ha registrato i dati personali di tutti coloro che sono anche registrati nello stesso appartamento. Quindi si è recato all’appartamento per ispezionarlo, senza avere motivi e documenti, per svolgere questa azione procedurale. Convinto che Oleg Zhelnov non fosse nell’appartamento, iniziò a esercitare pressioni psicologiche su sua moglie, suggerendo inequivocabilmente che se lei non avesse collaborato, avrebbero potuto cambiare.

G. Minsk. Questa sera l’auto di un funzionario di una delle imprese statali della capitale è stata cosparsa di acido.
Irrorato con un liquido specifico per rimuovere la vernice, corroso in metallo. Si presume che ciò sia dovuto ai doveri ufficiali del proprietario dell’auto, poiché in precedenza aveva ricevuto insulti.

Ore 13:09
Martin Melnikov, il figlio del famoso bardo bielorusso Andrei Melnikov, è stato arrestato.

Ore 21:29
Le ragazze, che stavano marciando in colonna da Piazza Indipendenza, si sono disperse vicino alla stazione della metropolitana Yakub Kolas. (rientro in gruppo dopo i cortei/presidi per essere meno esposti ad aggressioni, ndr)

Comunicato di REP Independent Trade Union del 27 agosto

-Il Presidium del sindacato bielorusso REP ritiene illegale perseguire i partecipanti a proteste pacifiche, il che crea “una pericolosa situazione di crisi politica e conflitto civile”.
La leadership della REP ha espresso la sua preoccupazione “per la crescente pressione delle autorità sui collettivi di lavoro; persecuzione degli attivisti del movimento operaio; e gli arresti di leader di comitati di sciopero e funzionari civili “. Le azioni di queste autorità sono “assolutamente illegali”, ha affermato il Presidio della REP.
“Con le loro azioni, coloro che hanno oggi usurpato il potere nel nostro paese, non solo violano i diritti fondamentali delle persone e le leggi attuali della Bielorussia, ma creano una pericolosa situazione di crisi politica e conflitto civile”, afferma il comunicato. “Chiediamo alle autorità e ai loro organi di potere di fermare la guerra con la loro stessa gente, di rilasciare tutti i dettagli e i prigionieri politici, di avviare un’indagine sui fatti di violenza criminale commessa dalle forze dell’ordine contro i civili in Bielorussia e di fermare detenzioni e procedimenti giudiziari di leader di comitati di sciopero e ufficiali “.
Il sindacato REP ricorda che “i lavoratori, gli operai e gli impiegati hanno tutto il diritto di rifiutare la loro adesione ai sindacati ufficiali screditati, aderire al movimento sindacale democratico indipendente e partecipare ad azioni per proteggere i loro diritti e interessi legali”.
“La responsabilità per la destabilizzazione della situazione nei collettivi di lavoro e in tutto il paese spetta interamente alle autorità attuali”, ha affermato il sindacato REP.
“La situazione attuale indica la riluttanza delle autorità ad ascoltare la loro gente. Seminando il vento, raccogli la tempesta “, ha detto Gennady Fedynich, il leader del sindacato REP.

Altro comunicato REP
Due volte condannato. Un membro del sindacato REP a Soligorsk è stato arrestato per 10 giorni
Leonid Markhotko, membro del sindacato REP di Soligorsk, è stato condannato a 10 giorni di arresto amministrativo.
Il 26 agosto, Leonid Markhotko è stato processato per la prima volta. Persone in borghese lo stavano aspettando per strada, lo hanno afferrato, lo hanno messo in macchina e lo hanno portato via in una direzione sconosciuta. Quindi hanno redatto un verbale per presunta violazione dell’ordine del raduno (articolo 23.34 parte 1 del codice dei reati amministrativi). Il tribunale ha multato con 675 rubli.
Due giorni dopo, è stato nuovamente processato e condannato a 10 giorni di arresto amministrativo per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata.

Il tenente colonnello Anna Bosko, esperto capo dell’ufficio centrale del comitato statale per gli esami forensi della Repubblica di Bielorussia, ha rassegnato le dimissioni.

Ore 00:07
I siti sono stati bloccati venerdì sera, 28 agosto. L’accesso è limitato sulla base di una decisione del Ministero dell’Informazione della Repubblica di Bielorussia. Questo è stato segnalato a TUT.BY da uno dei provider Internet.
I siti naviny.by e NN.by sono bloccati: l’accesso è limitato agli utenti bielorussi

Si dice che i vicini ora si riuniscano nel cortile ogni sera, si trattano a vicenda con pasticcini, tè / caffè. Freddo.
Non riesco nemmeno a immaginare come saranno in grado di guidare tihar in ogni cortile ora, se tutti iniziano a “fare amicizia” nei cortili (la repressione e la mobilitazione hanno fatto cadere i muri nella comunicazione, la gente ora parla e diventa più forte ! – tihar sono i poliziotti ndr)

ore 15:41
“Siamo in sciopero anche a Belkommunmash, a modo nostro”, scrive un operaio, “siamo in pieno svolgimento”, ha detto lo sciopero italiano.
Non stiamo parlando dell’attrezzatura e del suo lavoro a tutti gli effetti, tutto ciò che può volare regolarmente. Il consumo di alcuni materiali è notevolmente aumentato e la qualità dei prodotti di produzione è peggiorata.
Dal turno, al turno, al pranzo andiamo piano, creando code. Verso i luoghi di lavoro: il percorso più lungo.
Non lavoriamo troppo, riposiamoci di più, discutiamo molto sulle notizie, sulla situazione nel paese. E utile e produttivo “.

sabato 29 agosto marcia femminile
Domani, 29 agosto, si svolgerà a Minsk la grande parata delle forze femminili di mantenimento della pace per ricordare agli uomini delle forze di sicurezza che nessuna casalinga laverà il sangue degli innocenti dagli spallacci. Le donne della Bielorussia sono la frontiera pacifica che non permetterà agli pseudo-difensori dello Stato di diritto di terrorizzare persone innocenti!
Le nostre richieste:
– Indagini penali sul caso di manifestanti
– Libertà per i prigionieri politici
– Nuove elezioni
Questa è la prima parata nella storia della Bielorussia senza un comandante in capo, dove le donne più coraggiose e valorose mostreranno cosa significa il codice d’onore.
16:00 – incontro in Piazza della Vittoria
16:30 – Cominciamo a trasferirci a Piazza Indipendenza

A cura di M.B.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.