MERCOLEDÌ 26 AGOSTO, BIELORUSSIA/ GLI OPERAI IN MOVIMENTO

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l'azione autonoma degli operai.
Condividi:

Cronache di manifestazioni e scioperi, la lotta contro il regime e l’azione autonoma degli operai.


Cronache ricavate sulla base di messaggi apparsi su canali Telegram

La notizia di ieri sera tardi che Lukashenko fosse disposto a negoziare la ritirata, trasmessa da vari canali e ripresa questa mattina presto, non è stata confermata come si è visto.
La giornata è trascorsa in una apparente tranquillità. In realtà dalle notizie raccolte sembra sia in corso un’operazione di consolidamento delle posizioni di entrambe le parti.
I manifestanti a livello di pratica hanno ormai adottato una routine “rivoluzionaria” cioè piccoli cortei al mattino che si riuniscono in punti dove dare sostegno a qualche iniziativa o semplicemente per sfilare gridando slogan e sventolando le bandiere bianche rosse. Oggi hanno iniziato ad organizzarsi per richiedere la destituzione dei deputati che avevano eletto (evidentemente sottomessi a Lukashenko, ndr). La procedura prevede richiesta scritta firmata. Si sono così formate lunghe file per accedere agli uffici elettorali di competenza: un’iniziativa di tutto rispetto perché oltre al tempo che perdono in coda, in pratica si autodenunciano con possibili conseguenze se il governo alla fine la spunta. La sera poi verso le 19 confluenza nella piazza centrale del paese o città (a Minsk piazza dell’Indipendenza) per incontrarsi, scambiarsi informazioni e idee, divertirsi anche con canti e balli.
Il consiglio di coordinamento non ha avuto particolari iniziative e tiene contatti con estero da dove evidentemente si attende un aiuto politico diplomatico, in particolare da EU.
Sembra che l’attenzione verso le fabbriche sia diminuita perché non arrivano notizie ma sicuramente è in corso un braccio di ferro tra direzioni e scioperanti: è indicativo ad esempio che il nuovo governatore di Grodno la prima cosa che ha fatto è stata di incontrarsi con la direzione della Grodno Azot (fabbrica chimica, ndr) dove lo sciopero è stato partecipato.
Da parte governativa procedono con arresti o fermi di partecipanti alle catene o cortei. I poliziotti non vestono più armamentario da antisommossa, solo maschere nere: l’impressione è che vogliano abbassare l’impatto visivo, far dimenticare le brutalità pubbliche, per ridurre la tensione in piazza mentre continuano nelle operazioni per intimidire i manifestanti. Vi sono continui movimenti di colonne militari. E’ in corso la lotta delle bandiere: il governo tenta di far sparire le bandiere bianco rosse ma queste ricompaiono dove sono state tolte. Altri membri del consiglio di coordinamento sono stati ascoltati da inquirenti su vari fatti e i tribunali amministrativi stanno velocemente giudicando i casi “più leggeri” originati nelle manifestazioni

Il 25 agosto sono stati arrestati dai 15 ai 30 partecipanti a proteste di massa pacifiche. La polizia antisommossa aveva abbastanza persone con bandiere bianco-rosse-bianche a Minsk, Grodno e in altre città della Bielorussia.

Di seguito lista di fatti e documenti della giornata.

Da “BASTA!” (nome di un canale Telegram, ndr)

Piano del giorno
Buongiorno amici!
Aumentiamo ogni giorno la pressione sul governo. Apriamo nuovi fronti di resistenza, applichiamo tattiche di guerriglia, usiamo tutte le possibili forme di lotta. Continuiamo ad andare avanti, ad aumentare le proteste di piazza ed espandere lo sciopero all-Belarusian.

Pianifica per oggi: protesta ovunque
Il motto di oggi è il massimo decentramento. Andiamo alle azioni locali in qualsiasi punto delle città e degli insediamenti in qualsiasi momento. Scaviamo potere da tutti i lati.
Concordiamo promozioni nelle chat delle nostre case, quartieri e quartieri. Siamo guerriglieri e agiamo in modo guerrigliero: rapidamente, chiaramente, in modo organizzato.
Non aspettiamo leader, ma diventiamo noi stessi leader. Hai bisogno di un altoparlante e microfono portatile, streamer e bandiere: contattaci, ti diremo dove trovarli. Se vuoi aiutare con l’acquisto di apparecchiature audio o la produzione di bandiere e striscioni a Minsk, scrivi a @minsk_help.

Creiamo comitati di sciopero in ogni stabilimento, in ogni organizzazione. Scegliamo i compagni più autorevoli e affidiamo loro l’organizzazione dello sciopero. Come organizzarsi? È molto semplice: smettere di lavorare, fermare macchine e impianti di produzione.
È importante il coordinamento delle azioni e lo scambio di informazioni tra scioperi di imprese e organizzazioni di ogni città e in tutto il paese. Scrivi alla hotline @zabastovka_bel – ti aiuteremo.

Non permettiamo a noi stessi di essere confusi. Non ci permettiamo di essere ingannati. Non ci ritiriamo. Abbiamo inferto colpi seri a Sasha lo scarafaggio. Scioperi e proteste stanno esaurendo il governo, costringendolo a spendere le sue ultime risorse. Andiamo avanti: con decisione, audacia e coerenza.

Le nostre richieste:
dimissioni di Lukashenko;
liberazione di prigionieri politici;
protesta a tempo indeterminato – ogni giorno fino alla vittoria!

Informazioni importanti per tutti i bielorussi.
Le percosse di manifestanti pacifici, donne, anziani e persino bambini sono la realtà della vita in questi giorni in Bielorussia.
Stanno cercando di nasconderci attentamente la verità, quindi è stato deciso di creare un canale Criminal Belarus.

Questo non può essere perdonato, non c’è modo di tornare indietro. Sciopero – alla vittoria. Resistiamo – alla vittoria.
“Mi chiamo Irina, e quest’anno sono entrata nella BSU”, scrive un lettore di Minsk. “Ma la mia vita adulta è iniziata sulle barricate di Riga il 10 agosto.
Ho visto sangue, ho visto bielorussi feriti e forse uccisi. Le granate sono esplose accanto a me e le pallottole hanno fischiato. Non consiglierò a nessuno di passare quello che ho passato io al Dipartimento degli Affari Interni del Distretto Centrale Okrestin. È stato un inferno. E ora dovrei andare a lezione, ascoltare parole false sulla stabilità e la prosperità? Mai! Facciamo colpo. Chiedo a tutti gli studenti, a tutti quelli che erano con noi lì, a “Riga”, a “Pushkinskaya”, in altre città – pensa! Questo non può essere perdonato, non c’è modo di tornare indietro. Sciopero – alla vittoria. Resistiamo – alla vittoria. “

Circa 700 dipendenti di aziende farmaceutiche e farmacie hanno firmato una petizione per chiedere la fine di brutali percosse e detenzioni, torture spietate e persecuzioni di civili.

I lavoratori in protesta di Zhodino BelAZ hanno marciato in colonna verso il negozio “Green”.
La direzione dell’impianto ha cercato di interrompere la riunione dei lavoratori e ha mandato tutti via dall’impianto mezz’ora prima, motivando la decisione con l’urgenza della disinfezione nei negozi, ma la gente si è comunque radunata.
“Le nostre richieste rimangono le stesse: le dimissioni di Lukashenko e il rilascio di tutti i prigionieri politici”, ci hanno detto i manifestanti.

Esortazione ai lavoratori indecisi
Non sarà possibile sedersi, mettersi, da parte. Chi, se non noi, gli operai, conosce le leve economiche di influenza sui padroni.
“Voglio rivolgermi ai manifestanti” di casa “, quelli che sono pronti a scioperare solo a casa loro” scrive il lettore. “Inizia in piccolo – con lo sciopero italiano!”
Sì, non tutti sono pronti per andare al raduno centrale delle loro fabbriche. Ma chi, se non noi, gli operai, conosce le leve economiche di influenza sui padroni.
Quando le autorità hanno un piano, vengono da noi e si offrono di fare gli straordinari in violazione di tutte le leggi sul lavoro, di uscire il sabato per una doppia paga e un bonus.
Gli scioperi, non importa quale – italiano o bielorusso – hanno lo stesso impatto economico, solo la scala è diversa e, di conseguenza, il prezzo è diverso.
Inizia in piccolo – con lo sciopero italiano! Niente straordinari e lavoro il sabato per il doppio o il triplo.
In questa situazione, non puoi di sederti da parte.- Lascia che Ivanov lo scarafaggio colpisca e così il bilancio familiare sarà ripristinato- non funzionerà. Più lunga è l’agonia, più difficile sarà uscirne”.

Almeno tre dipendenti Belshina hanno perso il lavoro, secondo loro, a causa del loro tentativo di organizzare uno sciopero. Tra loro c’è Vitaly Krasnitsky, un operaio di una fabbrica di pneumatici. Il 25 agosto gli è stato comunicato il licenziamento per assenteismo. L’uomo non ha ancora ricevuto l’ordine, ma dice che il suo rapporto di lavoro verrà terminato il 18 settembre.

Rapporto da interrogatorio polizia, (solito gioco controinformazione per infamare i dimostranti, ndr)
– Per quale scopo sei andato alle manifestazioni?
– Beh, volevo solo uscire.
“Cosa ti è stato richiesto?”
– Hanno chiesto di gridare: “Crediamo, possiamo, vinceremo!” e “Lukashenko in un carro di risaia!”.
Un partecipante nelle miniere di Pervomaiskaya durante l’interrogatorio racconta come è stato pagato 50 rubli e altri partecipanti – 20 rubli per aver gridato slogan dell’opposizione.

L’appello del politico contro gli scioperi: “Scioperi e interruzioni della produzione porteranno alla distruzione dell’economia bielorussa”. Il presidente del Partito repubblicano del lavoro e della giustizia Vasily Zadnepryany ha richiamato l’attenzione su questo punto. “Perché non possiamo scioperare, fermare la produzione? L’economia è il fondamento. Distruggere il nostro Paese è la cosa più semplice. Calpestiamo il nostro orgoglio e ascoltiamoci a vicenda. Non solo cerchiamo di essere ascoltati, ma anche di ascoltare gli altri. Allora raggiungeremo un consenso”. , – il politico è convinto.

Ore 21:30
A1 (gestore locale per aver accesso a Internet, ndr) riduce la velocità di Internet per volere delle agenzie governative.
“Secondo l’ordine degli organi statali autorizzati, la capacità dell’Internet mobile sarà ridotta sul territorio di Minsk il 26 agosto alle 20:40. L’adempimento di questo requisito comporterà un significativo deterioramento della qualità del servizio dati o una temporanea indisponibilità del servizio ”, ha affermato il servizio stampa dell’azienda.
“Anche Mts (altro gestore locale per accesso a Internet, ndr) è “caduto” da Internet. Anche le Sim di roaming straniero non funzionano”.

Il nuovo governatore della regione di Grodno, Vladimir Karanik, lascia Grodno Azot dopo aver incontrato lo staff.
Si è rifiutato di parlare con i giornalisti. Ha detto che sarebbe stato pronto a incontrare la stampa quando “si fosse fatto la propria impressione sulla situazione”.

Minsk. Oggi, coreografi e ballerini moderni hanno eseguito improvvisazioni contro la violenza in Piazza Yakub Kolas.

Ore 22:32
La Confederazione russa del lavoro si è schierata a sostegno dei nostri lavoratori in sciopero.
Il Comitato esecutivo della Confederazione russa del lavoro (KTR) ha adottato una dichiarazione sulla situazione nella Repubblica di Bielorussia. Il più grande sindacato del paese vicino ha espresso solidarietà alle richieste dei lavoratori bielorussi in sciopero di ripristinare l’istituzione di elezioni eque nel paese, il rilascio dei prigionieri politici e dei cittadini detenuti durante le proteste.
Il Comitato Esecutivo della CTE ha chiesto che le attuali autorità bielorusse a tutti i livelli, le amministrazioni delle imprese e dei loro servizi di sicurezza interrompano ogni pressione sugli scioperanti e sulle loro famiglie, oltre a fermare i licenziamenti illegali e rilasciare tutti i detenuti in relazione ad azioni collettive sindacali.
“La Confederazione russa del lavoro chiede ai lavoratori in Russia, Ucraina, Moldova, Kirghizistan, Kazakistan e altri paesi post-sovietici di opporsi alle intenzioni delle autorità bielorusse di sostituire i lavoratori in sciopero con gli scioperanti dei nostri paesi”, afferma il comunicato.

ATTENZIONE! Sciopero mattutino per la vittoria!
Ogni mattina dalle 6 alle 10 fermiamo il flusso di traffico in tutti i distretti di Minsk per fermare il flusso di risorse nel sistema del dittatore.

Tutti, comprese le fabbriche, avranno un motivo per scioperare insieme, non per lavorare.

A cura di M.B.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.