DOPO L’ILVA DI TARANTO ORA TOCCA ALL’ILVA DI CORNIGLIANO

Redazione di Operai Contro, Adesso tocca all’Ilva di Genova. Si tiene oggi (mercoledì 17 gennaio) a Roma il “tavolo tecnico” sullo stabilimento di Cornigliano. 1500 dipendenti Obiettivo del vertice odierno è approfondire i temi legati al sito produttivo alla luce dell’Accordo di programma siglato nel 2005. L’Accordo prevede che, a fronte della chiusura degli impianti a caldo per motivi ambientali, vengano garantiti i livelli di occupazione e di reddito. I nuovi acquirenti, però, sono intenzionati a non riconoscere quell’intesa, avviando la procedura per circa 600 esuberi. Il segretario generale della Fiom Cgil genovese, Bruno Manganaro, scarica gli operai dell’ILVA […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

Adesso tocca all’Ilva di Genova. Si tiene oggi (mercoledì 17 gennaio) a Roma il “tavolo tecnico” sullo stabilimento di Cornigliano. 1500 dipendenti

Obiettivo del vertice odierno è approfondire i temi legati al sito produttivo alla luce dell’Accordo di programma siglato nel 2005. L’Accordo prevede che, a fronte della chiusura degli impianti a caldo per motivi ambientali, vengano garantiti i livelli di occupazione e di reddito.

I nuovi acquirenti, però, sono intenzionati a non riconoscere quell’intesa, avviando la procedura per circa 600 esuberi.

Il segretario generale della Fiom Cgil genovese, Bruno Manganaro, scarica gli operai dell’ILVA di Taranto e afferma:”provino a mediare sui numeri, collegando la situazione di Genova con quella tarantina. Ma noi siamo gli unici ad avere l’Accordo di programma e lo faremo valere in modo determinato”..

La FIOM di Genova scarica Taranto. Veramente un grande regalo al padrone. Gli operai di Genova contro quelli di taranto.

Un operaio di Cornigliano

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.