CCN TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Redazione di Operai contro, i sindacati FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FAISA CISAL e UGL FNA e i padroni ci hanno fatto il regalo di Natale E’ stato firmato, dopo 7 anni di trattative, il contratto collettivo nazionale del Trasporto pubblico locale. Lo fa sapere la Fit-Cisl: “un successo sindacale di straordinaria importanza, soprattutto in questa fase storica”, lo ha definito il segretario generale Giovanni Luciano. “La conclusione positiva di questa vicenda – commenta Luciano – è un successo sindacale di straordinaria importanza, soprattutto in questa fase storica”. “Nel momento in cui in tanti provano a delegittimare la contrattazione […]
Condividi:
Redazione di Operai contro,
i sindacati FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FAISA CISAL e UGL FNA e i padroni ci hanno fatto il regalo di Natale
E’ stato firmato, dopo 7 anni di trattative, il contratto collettivo nazionale del Trasporto pubblico locale. Lo fa sapere la Fit-Cisl: “un successo sindacale di straordinaria importanza, soprattutto in questa fase storica”, lo ha definito il segretario generale Giovanni Luciano.

“La conclusione positiva di questa vicenda – commenta Luciano – è un successo sindacale di straordinaria importanza, soprattutto in questa fase storica”. “Nel momento in cui in tanti provano a delegittimare la contrattazione e il ruolo delle parti sociali – aggiunge – la firma di un contratto nazionale come questo è un segnale fortissimo, anche e soprattutto per i contenuti di grande innovazione che contiene. Dopo sette anni finalmente chiudiamo questa vicenda, ma la chiudiamo portando a casa: il recupero salariale, in un settore ‘pubblico’, un welfare contrattuale di qualità, soprattutto per i giovani ma non solo, con la previdenza contrattuale a carico delle sole aziende e la previsione dell’assistenza sanitaria integrativa, la piena entrata in funzione del fondo bilaterale di solidarietà, il miglioramento della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. A ciò si aggiungono garanzie sulle clausole sociali a maggior tutela dei lavoratori e moltissimi passaggi positivi che chiudono una vicenda rimasta aperta troppi anni”.

Tante parole per dire che ci hanno inculati.
– Cento euro in più in busta paga 
Dovevano darci 2500 euro di arretrati. Ma il contratto firmato, prevede, nella sua parte retributiva, un’«una tantum» di 600 euro per il periodo gennaio 2012- ottobre 2015, pagabile in due tranche (a gennaio e aprile 2016).
L’aumento in busta paga è di 100 euro al parametro 175( cioè al livello più alto) gli aumenti per la maggioranza sei ferrotranvieri sarà più basso.
35 euro erogati alla firma, 35 euro a luglio 2016, l’ultima tranche di 30 euro a ottobre 2017. Ciò vuol dire che l’aumento lordo sarà meno di 80 euro e scatterà da ottobre 2017
L’ipotesi di accordo di rinnovo del ccnl è stata siglata con riserva dalle segreterie nazionali e sarà sciolta in esito alla consultazione referendaria dei dipendenti di tutte le aziende del settore che si svolgerà dal 15 al 17 dicembre
Io sono un ferrotranviere di Milano e voterò NO al referendum
In ogni caso i sindacati FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FAISA CISAL e UGL FNA diranno che abbiamo approvato l’accordo.
Per questo motivo dobbiamo organizzarci per indire autonomamente degli scioperi
Un Ferrotranviere di Milano
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.