Giornale, Numero 17 del 17 maggio 2017

130 operai senza stipendio da novembre

Caro Operai Contro, 130 operai senza stipendio da novembre! Dipendenti della Leali Steel di Odolo (Bs), sono in cassa integrazione da un anno, ma da oltre sei mesi non prendono […]

Caro Operai Contro,

130 operai senza stipendio da novembre! Dipendenti della Leali Steel di Odolo (Bs), sono in cassa integrazione da un anno, ma da oltre sei mesi non prendono neanche più l’assegno della cassa integrazione! Il padrone vuole vendere: sia questa fabbrica di Odolo, sia un’altra a Borgo Valsugana, in provincia di Trento.

Finora il sindacato chiede al padrone “risposte sul futuro dell’azienda”, ma non ha preso alcuna decisione di organizzare una vera risposta di lotta, che non sia il solito fuoco di paglia. Eppure il padrone ha dichiarato di voler chiudere le due fabbriche. Forse c’è qualcosa che non torna, o forse sono io a essere fuori dal mondo.

Saluti da un lettore

 

Articolo da Brescia Today

Fuori dalla fabbrica, la protesta: “Non prendiamo lo stipendio da novembre”

Operai in agitazione fuori dai cancelli dell’acciaieria Leali Steel di Odolo: lamentano il mancato pagamento degli stipendi addirittura dallo scorso novembre

Non si ferma la protesta degli operai della Leali Steel di Odolo, in questi giorni in agitazione davanti ai cancelli della fabbrica. In Valsabbia sono rimasti in circa 130, in cassa integrazione da un anno esatto ma senza stipendio addirittura da novembre.

I sindacati chiedono risposte sul futuro dell’azienda, di proprietà del gruppo svizzero Klesch. L’intenzione della società è quella di vendere: nelle ultime settimane si è parlato di almeno due offerte, la prima da parte del gruppo algerino Cevital, la seconda dai bresciani della Ori Martin (da 39 milioni di euro).

La Leali Steel è presente non solo a Brescia, ma anche a Borgo Valsugana, in provincia di Trento. Anche lo stabilimento trentino è in vendita, anche in questo caso ci sarebbe un’offerta. Ma il destino dei lavoratori è ancora appeso a tanti, tantissimi dubbi.

 

Lascia una risposta