INDUSTRIALI UNTORI, LE PROVE SU RAI TRE. DALLA TRASMISSIONE REPORT DEL 6 APRILE

OPERAI CONTRO sostiene da alcune settimane la responsabilità diretta di Confindustria e dei suoi industrialotti associati nello sviluppo del coronavirus nella zona di Bergamo e Brescia. Li abbiamo chiamati untori.

OPERAI CONTRO sostiene da alcune settimane la responsabilità diretta di Confindustria e dei suoi industrialotti associati nello sviluppo del coronavirus nella zona di Bergamo e Brescia. Li abbiamo chiamati untori.


Ora dalla trasmissione del 6 aprile di RAI 3 viene in chiara luce il ruolo che hanno avuto i padroni delle fabbriche del territorio nell’impedire che si dichiarasse zona rossa, con il conseguente fermo di tutte le attività. Hanno fatto rischiare la vita, e non solo rischiare, visto il numero dei morti, ai dipendenti, alle famiglie e conoscenti. Hanno costretto gli operai a continuare a muoversi per recarsi in fabbrica per lavorare.

OPERAI CONTRO è un giornale di parte, un giornale fatto e gestito da operai che per scelta è contro i padroni e il loro sistema, le sue posizioni possono essere giudicate dagli esponenti benpensanti delle altre classi “faziose, preconcette, insostenibili”. Ma ora è RAI 3, la rete nazionale, che porta prove inconfutabili sulla scelta dei padroni bresciani e bergamaschi di sacrificare la vita di tante persone pur di garantirsi la continuità dei propri guadagni.

RAI 3 si ferma alla denuncia, la circoscrive ad un caso isolato, non tocca loro arrivare alle conclusioni più logiche di quello che hanno fatto vedere. Noi invece possiamo trarne le prove inoppugnabili che siamo di fronte, non a singoli individui un po’ cinici ma ad una classe che è capace di sacrificare tutta la società pur di difendere i suoi particolari interessi di profitto. Una classe del genere non ha il diritto di comandare sulla produzione, non ha il diritto di comandare sulla società. Il coronavirus ne ha scoperto l’intima natura, agli operai e a tutti coloro che vengono sacrificati sull’altare del profitto il compito di trarne le inevitabili conseguenze.

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.