Giornale, Numero 7 del 7 agosto 2019

Manifesto Comunista
di Karl Marx e Friedrich Engels
(32° giorno – I borghesi sono borghesi nell’interesse della classe operaia)

(I borghesi sono borghesi nell’interesse della classe operaia) Il socialismo borghese giunge alla sua espressione adeguata solo quando diventa semplice figura retorica. Libero commercio! nell’interesse della classe operaia; dazi protettivi! […]

(I borghesi sono borghesi nell’interesse della classe operaia)

Il socialismo borghese giunge alla sua espressione adeguata solo quando diventa semplice figura retorica.
Libero commercio! nell’interesse della classe operaia; dazi protettivi! nell’interesse della classe operaia; carcere cellulare! nell’interesse della classe operaia. Questa è l’ultima parola, l’unica detta seriamente, del socialismo borghese.
Il loro socialismo consiste appunto nell’affermazione che i borghesi sono borghesi -nell’interesse della classe operaia

3. Il socialismo e comunismo critico-utopistico

Qui non parleremo della letteratura che ha espresso le rivendicazioni del proletariato in tutte le grandi rivoluzioni moderne (scritti di Babeuf e così via).
I primi tentativi del proletariato di far valere direttamente il suo proprio interesse di classe in un’età di generale effervescenza, nel periodo del rovesciamento della società feudale, non potevano non fallire per la forma poco sviluppata del proletariato stesso, come anche per la mancanza delle condizioni materiali della sua emancipazione, che sono appunto solo il prodotto dell’età borghese. La letteratura rivoluzionaria che ha accompagnato quei primi movimenti del proletariato è per forza reazionaria, quanto al contenuto; insegna un ascetismo generale e un rozzo egualitarismo.
I sistemi propriamente socialisti e comunisti, i sistemi di Saint-Simon, di Fourier, di Owen, ecc., emergono nel primo periodo, non sviluppato, della lotta fra proletariato e borghesia, che abbiamo esposto sopra (vedi: Borghesia e proletariato).
Certo, gli inventori di quei sistemi vedono l’antagonismo delle classi e anche l’efficacia degli elementi dissolventi nel seno della stessa società dominante. Ma non vedono nessuna attività storica autonoma dalla parte del proletariato, non vedono nessun movimento politico proprio e particolare del proletariato.
Poiché lo sviluppo dell’antagonismo fra le classi va di pari passo con lo sviluppo dell’industria, essi non trovano neppure le condizioni materiali per l’emancipazione del proletariato, e vanno in cerca d’una scienza sociale, di leggi sociali, per creare queste condizioni.
Alla attività sociale deve subentrare la loro attività inventiva personale, alle condizioni storiche dell’emancipazione del proletariato, devono subentrare condizioni immaginarie, e alla organizzazione del proletariato in classe con un processo graduale deve subentrare una organizzazione della società da essi escogitata a bella posta. La storia universale futura si dissolve per essi nella propaganda e nell’esecuzione
pratica dei loro progetti di società.

 (i titoletti fra parentesi tonde sono della redazione)
<31° giorno>                                                                                                 [continua]

Lascia una risposta