Giornale, Numero 3 del 3 agosto 2019

Manifesto Comunista
di Karl Marx e Friedrich Engels
(28° giorno – Filosofi, mezzo filosofi e begli spiriti)

(Filosofi, mezzo filosofi e begli spiriti) c) Il socialismo tedesco ossia il vero socialismo. La letteratura socialista e comunista francese, ch’è sorta sotto la pressione d’una borghesia dominante ed è […]

(Filosofi, mezzo filosofi e begli spiriti)

c) Il socialismo tedesco ossia il vero socialismo.

La letteratura socialista e comunista francese, ch’è sorta sotto la pressione d’una borghesia dominante ed è l’espressione letteraria della lotta contro questo dominio, venne introdotta in Germania proprio mentre la borghesia stava cominciando la sua lotta contro l’assolutismo feudale.

Filosofi, semifilosofi e begli spiriti tedeschi s’impadronirono avidamente di quella letteratura, dimenticando solo una piccola cosa: che le condizioni d’esistenza francesi non erano immigrate in Germania insieme a quegli scritti che venivano dalla Francia. Nei confronti delle condizioni tedesche, la letteratura francese perdette ogni significato pratico immediato e assunse un aspetto puramente letterario. Non poteva non apparire un’oziosa speculazione sulla vera società, sulla realizzazione dell’essere umano. Allo stesso modo le rivendicazioni della prima rivoluzione francese avevano avuto per i filosofi tedeschi del secolo XVIII soltanto il senso di essere rivendicazioni della “ragion pratica” in generale, e le manifestazioni di volontà della borghesia francese rivoluzionaria avevano significato ai loro occhi di leggi di pura volontà, della volontà come deve essere, della volontà veramente umana.
Il lavoro dei letterati tedeschi consistette unicamente nel concordare le nuove idee francesi con la loro vecchia coscienza filosofica, o, anzi, nell’appropriarsi delle idee francesi dal loro punto di vista filosofico.
Questa appropriazione avvenne nella stessa maniera che si usa in genere per appropriarsi una lingua straniera: mediante la traduzione.
E` noto come i monaci ricoprissero di insipide storie di santi cattolici i manoscritti che contenevano le opere classiche dell’antichità pagana. Con la letteratura francese profana i letterati tedeschi usarono il procedimento inverso; scrissero le loro sciocchezze filosofiche sotto l’originale francese. Per esempio, sotto la critica francese dei rapporti patrimoniali essi scrissero “alienazione dell’essere umano”, sotto la critica francese dello stato borghese scrissero “superamento del dominio dell’universale in astratto”, e così via.
Battezzarono questa insinuazione del loro frasario filosofico negli svolgimenti francesi con i nomi di “filosofia dell’azione”, “vero socialismo”, “scienza tedesca del socialismo”, “motivazione filosofica del socialismo” e così via.

<27° giorno>                                                                                                 [continua]

Lascia una risposta