GLI OPERAI DI STELLANTIS SERBIA BLOCCANO L’AUTOSTRADA PER BELGRADO

Ieri, mercoledi 22/6/22, gli operai sono scesi in strada bloccando tutto. Protestano contro il piano aziendale che prevede di fatto licenziamenti di una parte di loro. Lo stesso piano in attuazione negli stabilimenti in Italia, ma qui ci beviamo ancora le rassicurazioni dei dirigenti sindacali collaborativi.
Condividi:

Ieri, mercoledi 22/6/22, gli operai sono scesi in strada bloccando tutto. Protestano contro il piano aziendale che prevede di fatto licenziamenti di una parte di loro. Lo stesso piano in attuazione negli stabilimenti in Italia, ma qui ci beviamo ancora le rassicurazioni dei dirigenti sindacali collaborativi.

I GRANDI PROGETTI DI UNA NUOVA ERA

21/4/22 Sarajevo, 28 aprile (Reuters) – Giovedì 21 aprile la Serbia ha firmato un accordo da 190 milioni di euro (199,67 milioni di dollari) con la casa automobilistica franco-italiana Stellantis per la produzione di un veicolo elettrico nello stabilimento di Kragujevac. La Serbia sta investendo 48 milioni di euro nel piano.
Una nuova era inizia oggi“, ha detto il presidente Aleksandar Vucic dopo la cerimonia della firma. Ha affermato che la produzione di veicoli elettrici dovrebbe iniziare all’inizio del 2024.
Fiat Chrysler (FCA), che fa parte di Stellantis, produce autoveicoli nello stabilimento di Kragujevac ed è tra i primi dieci esportatori della Serbia.


LA NUOVA ERA DURA LO SPAZIO DI UN MESE

24/5/22 Belgrado, (Reuters) – Stellantis ha offerto ad alcuni lavoratori del suo stabilimento in Serbia la scelta tra trasferirsi all’estero per due anni per riqualificarsi nella produzione di auto elettriche, o licenziarsi, comunicato martedì 17/5
L’azienda non ha detto quanti dei 2.000 lavoratori dello stabilimento di Kragujevac hanno ricevuto questa proposta.

E ALLORA SI LOTTA

Belgrado, 22/6/22. (Reuters) – I lavoratori dello stabilimento serbo della casa automobilistica Stellantis hanno bloccato mercoledì l’autostrada principale nella capitale Belgrado per protestare contro i licenziamenti programmati nell’ambito del passaggio alla produzione di veicoli elettrici.
Il mese scorso, l’azienda ha offerto ad alcuni dei suoi 2.000 dipendenti nello stabilimento serbo la scelta tra trasferirsi all’estero per due anni per riqualificarsi nella produzione di auto elettriche, o prendere un licenziamento, una mossa che è stata osteggiata dai sindacati.
Circa 300 lavoratori, guidati da attivisti sindacali, hanno fermato l’autostrada principale di Belgrado mercoledì 22, dicendo che si opponevano alla scelta loro data e che il governo dovrebbe offrire pacchetti di fine rapporto o opzioni di lavoro per i licenziati. “Se loro (il governo) hanno 48 milioni di euro per i padroni stranieri, hanno anche la somma molto più bassa di denaro necessaria per coprirci fino a quando non troveremo un altro lavoro”, ha detto Zoran Miljkovic, un attivista sindacale. Un portavoce del gruppo in Serbia non ha commentato.

CON UMORISMO

(Reuters, 22/6/22). Martedì il primo ministro uscente Ana Brnabic ha criticato i lavoratori per aver protestato invece di tenere colloqui. “Non capisco cosa stiano cercando per strada, invece che nel governo”, ha detto ai giornalisti. 😂

Stellantis in Serbia ha semplicemente replicato quanto già fatto in Italia ma là ha trovato una resistenza tra gli operai che hanno iniziato bloccando l’autostrada. E come operai nelle fabbriche Stellantis in Italia cosa stiamo aspettando? E’ il momento di una risposta generale, sovranazionale. Se non rispondiamo anche noi con la lotta nelle nostre fabbriche come potremmo raccordarci e unire le forze con gli operai Stellantis degli altri paesi?

M.B.

Condividi:

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.