SCIOPERO RIDERS IN RUSSIA

Russia e Bielorussia, i lavoratori cominciano a soffrire la condizione di guerra: licenziamenti o riduzione dell'orario di lavoro settimanale si stanno facendo strada nei due paesi.
Condividi:

Ci sono segnali che, a causa delle sanzioni e del ritiro di molte aziende occidentali da Russia e Bielorussia, i lavoratori cominciano a soffrire la condizione di guerra: licenziamenti o riduzione dell’orario di lavoro settimanale si stanno facendo strada nei due paesi.
Qui c’è una notizia  precisa tramite il canale TG bielorusso  ЗабастовкаВУ дискуссии (discussioni di scioperi) sui riders di Mosca in agitazione per tagli al salario e sottoposti a repressione poliziesca.

Primo messaggio 26/4 – da un privato
“Le forze di sicurezza hanno appena sfondato le porte dell’appartamento di Kirill Ukraintsev, co-presidente del sindacato Kurier. C’è una perquisizione.
Apparentemente, ciò è dovuto allo sciopero di 4 giorni in corso dei corrieri del Delivery Club a Mosca, a cui si stanno unendo anche i corrieri Yandex Food. C’è bisogno di rendere pubblico quanto succede.
Brevemente sullo sciopero stesso. A causa della guerra, del calo della domanda effettiva e della chiusura di alcune catene popolari (McDonald’s), i profitti aziendali sono diminuiti. I top manager decisero di non privare se stessi, ma di trasferire le difficoltà della guerra sui corrieri, che a volte ne facevano 3.000 per turno (3000 rubli, pari a ca. 37$ – ndt)
Delivery Club ha cambiato la formula per calcolare la remunerazione dei corrieri per un ordine completato in modo che in alcuni casi specifici sia diventata un po’ di più. Ma nella stragrande maggioranza delle situazioni, è notevolmente diminuito. I corrieri affermano che le entrate sono diminuite del 20-30%.
Yandex Eda, secondo il sindacato, per risparmiare denaro, ha trasferito i corrieri automuniti alle tariffe dei corrieri pedonali e ciclistici, il che ha portato anche a un calo delle entrate. E questo sullo sfondo dell’aumento dei prezzi di beni e servizi.
I corrieri stanno cercando di organizzare e difendere i propri interessi. 4 giorni consecutivi di sciopero, i corrieri si rifiutano di evadere gli ordini e si riuniscono per riunioni di massa per attirare l’attenzione e la pressione sulle aziende.
Sono convinto che né i corrieri né i lavoratori assunti di altre industrie dovrebbero pagare di tasca propria la guerra. Lasciamo che corporazioni, oligarchi e top manager paghino per i crimini del regime, sotto la calda ala di cui hanno fatto ottimi soldi per molti anni.
Seguiremo il destino di Kirill Ukraintsev e cercheremo di aiutarlo. Da un anno e mezzo le forze di sicurezza lo fermano costantemente, mandandolo in un centro di detenzione speciale, cercando di regolare i conti per il successo del sindacato Courier. Ma la lotta dei corrieri per i loro interessi continua e noi la sosteniamo”.


Secondo messaggio 27/4 – DICHIARAZIONE SINDACALE “KURIER”.
“I corrieri in Russia non sono protetti dal diritto del lavoro. Soffriamo di multe illegali da parte dei datori di lavoro, licenziamenti arbitrari e salari bassi.
Il nostro  sindacato indipendente “Corrieri”  si batte per il riconoscimento e la protezione dei diritti del lavoro degli addetti alle consegne. Aumentando la consapevolezza dei lavoratori delle consegne sulla protezione dei diritti del lavoro e sostenendo il diritto a migliorare le condizioni di lavoro, il sindacato cerca di migliorare la qualità dei servizi per i clienti.
Lo scoppio della crisi economica è diventato il motivo del prossimo attacco delle multinazionali ai nostri diritti. In molte città russe, i corrieri stanno perdendo il lavoro a causa del calo della domanda. Gli aggregatori, al fine di ridurre i costi, manipolano le tariffe di consegna, di conseguenza, le nostre entrate stanno rapidamente diminuendo. Ciò provoca conflitti di lavoro, sia spontanei che organizzati, in diverse città della Russia.
Avvalendosi del sostegno delle autorità, i datori di lavoro hanno deciso di infliggere un colpo di ritorsione e doloroso ai corrieri che protestavano contro l’ingiustizia. Il 25 aprile è stato arrestato il presidente del nostro sindacato, Kirill Ukraintsev.
Formalmente è accusato di aver violato le regole per lo svolgimento di manifestazioni pubbliche. Ma il vero motivo della detenzione è la volontà degli aggregatori di impedire l’aumento delle proteste. Con l’arresto di Kirill, sperano di decapitare e demoralizzare il movimento sindacale.
Pertanto, enunciamo le nostre esigenze:
1. Liberazione immediata di Kirill Ukraintsev, presidente del sindacato dei corrieri.
2. Organizzazione di negoziati tra i rappresentanti della campagna “O2O” e i rappresentanti dei corrieri, compreso il rilasciato Kirill Ukraintsev.
3. Restituzione delle precedenti condizioni di lavoro: sia la paga che lo stato dei corrieri. Interrompere immediatamente il blocco irragionevole dei corrieri nelle app di lavoro e sbloccare quelli che sono già stati bloccati.
In caso di mancato adempimento di tali requisiti entro il 1 maggio 2022, il Sindacato Corrieri avvia azioni collettive attive.
Se non siete indifferenti al caso dei corrieri, alla persecuzione di Kirill Ukraintsev e del Sindacato Courier nel suo insieme, diffondete questo messaggio.
In questo momento difficile, abbiamo davvero bisogno del vostro supporto e della massima pubblicità! In gioco c’è la libertà di una persona che aiuta gli altri senza cercare vantaggi per se stesso.
La solidarietà è la nostra arma!
#UnionCourier #CouriersNotSlaves #UnionNotCrime

A cura di M. B.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.