COME ZELENSKY INDEBOLISCE LA RESISTENZA

Il capo del governo dei borghesi ucraini ha sottoscritto il 23 marzo una legge che regola i rapporti di lavoro nell'ambito della legge marziale. Naturalmente favorisce "i datori di lavoro" che ricevono più libertà di gestione della forza lavoro.
Condividi:

Il capo del governo dei borghesi ucraini ha sottoscritto il 23 marzo una legge che regola i rapporti di lavoro nell’ambito della legge marziale. Naturalmente favorisce “i datori di lavoro” che ricevono più libertà di gestione della forza lavoro. Una scelta che indebolisce la resistenza all’aggressore perché sacrifica gli interessi degli operai e della piccola borghesia urbana, dei contadini poveri, dei veri attori dell’accanita resistenza che va da Kiev alle acciaierie di Mariupol, agli interessi dei padroni ucraini e stranieri. Ma questo è solo un anticipo di quanto sia fondamentale, prima di tutto per gli operai avere un ruolo sempre più centrale nella lotta di resistenza armata, quanto sia importante costituirsi come forza organizzata indipendente dal governo e dal parlamento dei borghesi ucraini, quanto sia necessario già da oggi chiedersi quanto nell’Ucraina uscita dalla guerra conteranno gli interessi degli operai e di tutte le classi sfruttate che combattono strada per strada, casa per casa. La cosa essenziale sarà non farsi disarmare e rimandare al lavoro come se niente fosse successo.


LEGGE DELL’UCRAINA

Sull’organizzazione dei rapporti di lavoro nelle condizioni della legge marziale

____________________ 
Articolo 1. Disciplinamento delle norme di legge sul lavoro in condizioni di legge marziale 
1. Questa legge definisce le caratteristiche del rapporto di lavoro dei dipendenti di tutte le imprese, istituzioni, organizzazioni, indipendentemente dalla proprietà, dal tipo di attività e dal settore, nonché delle persone che lavorano con contratto di lavoro stipulato con persone fisiche, per il periodo di validità della legge marziale, introdotto in conformità con la legge dell'Ucraina "sul regime giuridico della legge marziale". 
2. Per il periodo di validità della legge marziale, vengono introdotte le restrizioni dei diritti e delle libertà costituzionali dell'uomo e del cittadino, di cui agli articoli 43, 44 della Costituzione. 
3. Per il periodo di validità della legge marziale non si applicano le norme della legge sul lavoro relative ai rapporti regolati da questa legge. 
Articolo 2. Caratteristiche del contratto di lavoro nelle attuali condizioni militari. 
1. Per il periodo di validità della legge marziale, le parti si accordano sulla forma del contratto di lavoro. 
2. Alla conclusione di un contratto di lavoro durante il periodo della legge marziale, le condizioni di prova per l'assunzione possono essere stabilite per qualsiasi categoria di lavoratori. 
Con l'obiettivo operativo di attrarre nuovi lavoratori a svolgere il lavoro, ma anche di eliminare la carenza di personale e mancanza di forza lavoro, come l'effettiva mancanza di lavoratori che, a causa dei combattimenti, sono stati evacuati in una località diversa, sono in congedo semplice, temporaneamente inabili o il cui destino è temporaneamente sconosciuto, i datori di lavoro possono stipulare con i nuovi lavoratori urgenti contratti di lavoro per il periodo della legge marziale o per il periodo di sostituzione di un lavoratore temporaneamente assente. 
Articolo 3. Trasferimento e cambiamenti nelle condizioni di lavoro essenziali in tempo di guerra. 
1. Per il periodo di validità della legge marziale il datore di lavoro ha il diritto di collocare un lavoratore in un'altra mansione o attività lavorativa, senza che tale decisione promani dal contratto di lavoro, senza il suo consenso (con l'eccezione del trasferimento in un'altra regione dove sono in corso le operazioni di combattimento), se non vi sono controindicazioni per motivi di salute del lavoratore, al fine di prevenire o eliminare le conseguenze delle operazioni militari, ma anche per altre circostanze che mettono o possono mettere in pericolo la vita o le normali condizioni di vita delle persone, con la retribuzione per il lavoro svolto che non sia al di sotto della media guadagni del lavoro precedente. 
2. Per il periodo di validità della legge marziale, le norme dell'articolo 32 del codice delle leggi sul lavoro in Ucraina che regolamentano il periodo di preavviso di due mesi al dipendente sui cambiamenti significativi delle condizioni di lavoro non si applicano. 
Articolo 4. Caratteristiche della risoluzione del contratto di lavoro su iniziativa del dipendente 
1. In ordine allo svolgimento dei combattimenti nelle aree in cui si trova l'impresa, l'istituzione, l'organizzazione, e alla minaccia per la vita e la salute del dipendente, egli può risolvere il Contratto di lavoro di propria iniziativa senza 
due settimane di preavviso (con l'eccezione della conservazione dei lavori socialmente utili in condizioni di guerra, e dei lavoratori chiamati a svolgere la propria prestazione sulle infrastrutture essenziali del Paese che versano in condizioni critiche). 
Articolo 5. Caratteristiche della risoluzione del contratto di lavoro su iniziativa del datore di lavoro 
1. Il datore di lavoro ha il diritto di recedere dal Contratto di lavoro con il dipendente in relazione alla liquidazione dell'impresa, istituzione, organizzazione, causata dalla distruzione di tutte le capacità produttive, organizzative, tecniche dell'impresa a seguito dei combattimenti. 
In ordine a tale licenziamento, il dipendente viene avvisato non più tardi di 10 giorni con il pagamento dell'indennità di licenziamento per un importo non inferiore alla media dei guadagni mensili. 
2. Per il periodo di validità della legge marziale è consentito il licenziamento di un lavoratore su iniziativa del datore di lavoro nel suo periodo di invalidità temporanea, ma anche nel periodo di permanenza del lavoratore in ferie, tranne quelle richieste per gravidanza e parto o ferie per la cura del bambino, con l'indicazione della data del licenziamento, che è il primo giorno lavorativo successivo alla fine del periodo di inabilità temporanea, indicati nel documento di temporanea disabilità, o il primo giorno lavorativo successivo alla fine del periodo di ferie, tranne alcuni casi eccezionali. 
3. Per il periodo di validità della legge marziale le norme ai sensi dell'articolo 43 del Codice del lavoro, non si applicano, salvo i casi di licenziamento dei lavoratori di imprese, istituzioni o organizzazioni eletti in organismi sindacali. 
Articolo 6. Definizione del tempo di lavoro e del tempo di riposo
1. Il normale orario di lavoro dei dipendenti durante il periodo della legge marziale non può superare le 60 ore settimanali. 
2. Per i lavoratori che hanno un orario di lavoro ridotto in base alla legge, la durata dell'orario di lavoro non può superare le 50 ore settimanali. 
3. La settimana lavorativa di cinque giorni o sei giorni è stabilita dal datore di lavoro in ottemperanza al comando militare che promana dalle amministrazioni militari. 
4. L'ora di inizio e fine del lavoro quotidiano (turno) è determinata dal datore di lavoro. 
5. La durata del riposo continuo settimanale può essere ridotta a 24 ore. 
6. Per il periodo della legge marziale dello Stato non si applicano le norme dell'articolo 53 (durata vigilia di festa, festivi e giorni di riposo, prima parte dell'articolo 65, parte terza - il quinto dell'articolo 67 e l'articolo 71 - 73 (festivi e giorni non lavorativi) del codice del lavoro Dell'Ucraina. 
Articolo 7. Caratteristiche dell'organizzazione dell'attività dell'Ufficio del personale e dell'archiviazione di documenti del personale presso il datore di lavoro
1. In applicazione della legge marziale, l'organizzazione dell'attività dell'Ufficio del personale e l'archiviazione dei documenti del personale viene effettuata a discrezione del datore di lavoro. 
Articolo 8. Lavoro notturno
1. Durante la validità della legge marziale non sono tenuti ad adempiere all'obbligo di lavoro notturno, salvo casi di estrema necessità, le seguenti categorie: donne incinte e donne che hanno bambini di età inferiore ad un anno, persone con disabilità, le cui condizioni di salute non lo permettono. 
2. Durante la validità della legge marziale, la prima e la seconda parte dell'articolo 54 del codice del lavoro dell'Ucraina non si applicano. 
Articolo 9. Coinvolgimento di alcune categorie di lavoratori
1. Per tutta la durata della legge marziale è consentito l'impiego del lavoro delle donne (ad eccezione delle donne incinte e delle donne che allattano un bambino di età inferiore a un anno) su lavori pesanti e su lavori in condizioni dannose o pericolose, nonché su lavori di miniera. 
2. I lavoratori che hanno figli (tranne nei casi di cui all'articolo 8 della presente Legge), per il periodo di legge marziale, possono essere impiegati per il lavoro notturno e lavori straordinari, per lavori nei fine settimana e festivi, per trasferimenti di lavoro previo loro consenso. 
Articolo 10. Retribuzione 
1. I salari sono pagati alle condizioni definite dal Contratto di lavoro. 
2. In caso di impossibilità di pagare i salari a causa delle azioni militari, il pagamento dei salari può essere sospeso fino al momento del ripristino della capacità dell'impresa di svolgere la sua attività. 
Articolo 11. Sospensione delle singole disposizioni del contratto collettivo.
1. Durante la validità della legge marziale, le singole disposizioni del contratto collettivo possono essere interrotte su iniziativa del datore di lavoro. 
Articolo 12. Ferie
1. Per il periodo della legge marziale, il congedo retribuito di base annuale è concesso ai lavoratori per una durata di 24 giorni di calendario. 
2. Per il periodo della legge marziale, il datore di lavoro può negare al lavoratore il diritto a qualsiasi tipo di ferie, ad eccezione delle ferie per gravidanza e parto o ferie per la cura del bambino, e ad eccezione dei lavoratori chiamati a svolgere la propria attività su infrastrutture essenziali che versano in condizioni critiche. 
3. Durante il periodo di legge marziale, il datore di lavoro, su richiesta del dipendente, può concedere un periodo di ferie senza retribuzione, senza tener conto delle norme del primo comma articolo 26 della legge dell'Ucraina «sulle ferie». 
Articolo 13. Sospensione del contratto di lavoro 
1. La sospensione del contratto di lavoro è l'esenzione temporanea del datore di lavoro dall'obbligo di fornire al dipendente un lavoro e l'esenzione temporanea del dipendente dall'obbligo di svolgere il lavoro in base al contratto di lavoro stipulato. La sospensione del contratto di lavoro non comporta la cessazione del rapporto di lavoro. 
2. Il contratto di lavoro può essere sospeso a causa di aggressione militare contro l'Ucraina, che rende impraticabile lo svolgimento dell'attività di lavoro. 
3. Il Rimborso delle retribuzioni, delle garanzie maturate e la compensazione dei pagamenti ai dipendenti al momento della sospensione del contratto di lavoro spetta integralmente allo Stato che effettua l'aggressione militare. 
Articolo 14. Attività sindacali
1. Nell'ambito della loro attività professionale, i sindacati devono contribuire massimamente alla difesa dello Stato e garantire il controllo pubblico sugli obblighi lavorativi previsti dalla presente Legge. 
2. Per il periodo della legge marziale, l'articolo 44 della legge dell'Ucraina «sui sindacati professionali, i loro diritti e garanzie di attività» e le norme relative ai contratti collettivi sono temporaneamente sospese. 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.