USA. GLI OPERAI SCAVALCANO I CAPI SINDACALI. CONTINUANO GLI SCIOPERI PER  AUMENTI DI SALARIO

È successo alla John Deere, 10.000 operai sono scesi in sciopero, hanno rimandato al mittente un accordo fra azienda e sindacato su un aumento miserabile e ripreso l'agitazione. L'esempio è forte. Fra le nebbie sulla pandemia ritorna centrale la questione del salario operaio
Condividi:

È successo alla John Deere, 10.000 operai sono scesi in sciopero, hanno rimandato al mittente un accordo fra azienda e sindacato su un aumento miserabile e ripreso l’agitazione. L’esempio è forte. Fra le nebbie sulla pandemia ritorna centrale la questione del salario operaio


 

Dal giornale on line wsws.org, Articolo pubblicato il 15 ottobre 2021. .

Nota di traduzione:
“Rank and file” è un’espressione di origine militare con il quale in un esercito si intende “la truppa”, nel testo abbiamo pertanto preferito lasciare non tradotto il termine “Workers Rank-and-File” che nella nostra lingua non trova alcuna esatta corrispondenza.


Lo sciopero  alla John Deere e le bugie dell’UAW

Di George Gallanis

Più di 10.000 operai del settore macchine agricole e movimento terra John Deere hanno completato il loro secondo giorno di sciopero venerdì [15 ottobre 2021, ndr]. I lavoratori Deere in Iowa, Illinois, Kansas, Georgia e Colorado hanno lanciato il loro primo sciopero in 35 anni dopo che un tentato accordo sostenuto dalla United Auto Workers (UAW) è stato rifiutato da oltre il 90%.

Il contratto UAW-Deere ripudiato dai lavoratori prevedeva un aumento salariale dell’11-12 % in sei anni, circa il 2 % all’anno, con conseguente notevole riduzione dei salari reali se si tiene conto dell’inflazione. Avrebbe anche posto fine alle pensioni per i lavoratori assunti dopo novembre, aggiungendo de facto un terzo livello di lavoratori all’attuale odiato sistema a due livelli accettato dall’UAW nel 1997.

Mentre l’azienda si muove per assumere lavoratori crumiri, l’UAW sta lavorando consapevolmente e sistematicamente per isolare e sconfiggere la lotta. Giovedì mattina presto, il quartier generale della UAW ha rilasciato una dichiarazione bugiarda nel tentativo di coprire il suo ruolo di agente consapevole della gestione aziendale.
Il comunicato esordisce dichiarando che lo sciopero è iniziato «dopo che l’azienda ha fallito nel presentare un accordo che soddisfacesse le richieste e le esigenze dei nostri membri. “I nostri membri di John Deere si battono per la capacità di guadagnarsi da vivere in modo dignitoso, andare in pensione con dignità e stabilire regole di lavoro eque”, ha affermato Chuck Browning, vicepresidente e direttore del Dipartimento Mezzi Agricoli dell’UAW».

L’UAW pensa che i lavoratori abbiano dimenticato quello che è successo solo la scorsa settimana? L'”accordo” che “ha fallito” nel soddisfare le richieste dei lavoratori è stato portato ai lavoratori dai funzionari dell’UAW, i quali hanno affermato all’epoca che l’accordo provvisorio conteneva “significativi guadagni economici”. I lavoratori si sono rifiutati di piegarsi alle bugie e alle minacce dell’UAW. Hanno votato con una sola voce per mandare il contratto dove doveva stare, dentro il bidone della spazzatura.

Fino all’ultimo minuto, l’UAW ha chiesto un compromesso da Deere per giustificare la sospensione dello sciopero, incontrando la società in colloqui a porte chiuse per tutto mercoledì.

La dichiarazione continua: «Il presidente della UAW Ray Curry ha dichiarato: “I quasi un milione di pensionati e membri attivi della UAW sono solidali con i membri della UAW in sciopero a John Deere”».

In realtà, l’UAW sta facendo tutto il possibile per isolare i lavoratori Deere e impedire una più ampia mobilitazione. In particolare, insieme alla United Steelworkers, sta tenendo 3.500 lavoratori di componenti per auto presso Dana Incorporated , uno dei principali fornitori di Deere, sul posto di lavoro con un’estensione del contratto giorno per giorno, dopo che i lavoratori hanno rigettato al 90% un accordo sindacale tra fine agosto e inizio settembre.

Un lavoratore Dana nel Tennessee ha detto al WSWS. «I lavoratori John Deere hanno il nostro sostegno. “Perché non possiamo scioperare come loro” è qualcosa che sento tutto il tempo».

I lavoratori hanno detto al WSWS che l’UAW sta spargendo la voce che a Dana è stato raggiunto un “nuovo” accordo provvisorio, senza dubbio altrettanto negativo o peggiore di quello che hanno rifiutato. Proprio nel momento in cui una lotta congiunta dei lavoratori di Dana e Deere rafforzerebbe enormemente entrambi, l’UAW sta cercando di stipulare un contratto con Dana per aumentare la pressione sui lavoratori di Deere a cedere.

La dichiarazione della UAW aggiunge: «Curry ha osservato che “i membri della UAW John Deere hanno lavorato durante la pandemia dopo che l’azienda li ha ritenuti essenziali, per produrre le macchine che alimentano l’America, costruisce l’America e alimenta l’economia americana”».

Deere e altri lavoratori “hanno lavorato durante la pandemia” perché l’UAW li ha costretti a farlo. Quando i lavoratori dell’auto a Detroit e in Canada hanno lasciato il lavoro durante le prime fasi della pandemia nel marzo 2020, è stata l’UAW a lavorare con le aziende per garantire la piena riapertura degli impianti entro l’estate, alimentando la massiccia ondata della pandemia nella seconda metà dello scorso anno.

Un lavoratore Dana di Toledo ha detto al WSWS che il virus mortale si sta “diffondendo a macchia d’olio” nell’impianto. Ad Auburn Hills, nel Michigan, i lavoratori di Dana hanno riferito che la diffusione del COVID-19 è stata così grave che è stato ripristinato l’uso della mascherina.

La dichiarazione si conclude citando Mitchell Smith, direttore della regione 8 della UAW, che afferma: «Gli scioperi non sono mai facili per i lavoratori o per le loro famiglie, ma i lavoratori John Deere credono di meritare una fetta migliore della torta, un posto di lavoro più sicuro e benefits adeguati».

L’UAW sta facendo tutto il possibile affinché l’impatto economico dello sciopero sui lavoratori sia il più pesante possibile, per cercare di costringerli ad accettare un accordo attraverso il ricatto economico.

I lavoratori di Deere stanno morendo di fame durante il picchetto con $ 275 a settimana con la paga di sciopero, che non inizierà nemmeno per due settimane. Hanno pagato lo stesso a 3.000 lavoratori in sciopero alla Volvo Trucks a giugno nel tentativo di rompere la ribellione dei lavoratori che hanno bocciato tre contratti pro-azienda sottoscritti dalla UAW.

I 275 dollari a settimana sono meno del salario minimo federale di 7,25 dollari l’ora, inferiore alla soglia di povertà per una famiglia di due persone. Nel frattempo, la UAW è piena di soldi. Secondo il rapporto LM-2 dell’UAW 2020 presso il Dipartimento del Lavoro, l’UAW ha un patrimonio netto di oltre 1,1 miliardi di dollari e un fondo di sciopero di 790 milioni di dollari. Mentre i lavoratori di Deere sono affamati sui picchetti, i burocrati dell’UAW ricevono la paga piena, con centinaia di funzionari che ricevono stipendi a sei cifre.

Nonostante le affermazioni di organizzazioni di pseudo-sinistra, come i Democratic Socialists of America e Labour Notes, l’UAW, come tutti i cosiddetti “sindacati” odierni, non è un’organizzazione di lavoratori, ma una forza di polizia del lavoro che lavora per conto dei gestori aziendali. I dirigenti dell’UAW, con redditi che li collocano nel 5 per cento più alto della popolazione, sono completamente distaccati e contrari ai bisogni dei lavoratori che affermano bugiardamente di rappresentare.

I lavoratori di Deere sono in una posizione di forza immensa. Fanno parte di una classe operaia globale e compatta che sta entrando in lotta negli Stati Uniti e a livello internazionale. I lavoratori di tutto il mondo, da migliaia di infermieri e operatori sanitari nel New York occidentale a oltre 150.000 lavoratori dell’acciaio e dei metalli in Sud Africa, sono in sciopero. La stessa Deere è una multinazionale, con attività in tutto il mondo, e fa parte di una catena di approvvigionamento globale che coinvolge milioni e più di lavoratori, compresi i lavoratori di Dana.

La mobilitazione di questa forza collettiva richiede la formazione di organizzazioni indipendenti della classe operaia in lotta. I lavoratori Deere hanno compiuto un importante primo passo nella formazione del John Deere Workers Rank-and-File Committee. Questo comitato deve essere ampliato, con comitati di sciopero istituiti in ogni stabilimento e magazzino Deere, al fine di collegare i lavoratori Dana, i lavoratori dell’auto e i lavoratori Deere a livello internazionale in un’offensiva comune dell’intera classe operaia.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.