SULLA BANDIERA DEGLI OPERAI ORA C’È SCRITTO NO

Col 91% di NO bocciato l'accordo UAW - Volvo Truck in Virginia (USA). Segue il NO alla Electrolux in Italia. Si fa strada a livello internazionale il rifiuto ad accordi di svendita, alle gestioni sindacali compromesse con le aziende. Nasce un nuovo protagonismo operaio.
Condividi:

Col 91% di NO bocciato l’accordo UAW – Volvo Truck in Virginia (USA). Segue il NO alla Electrolux in Italia. Si fa strada a livello internazionale il rifiuto ad accordi di svendita, alle gestioni sindacali compromesse con le aziende. Nasce un nuovo protagonismo operaio.


 

Dal giornale on line wsws.org.

Nota di traduzione:
“Rank and file” è un’espressione di origine militare con il quale in un esercito si intende “la truppa”, nel testo abbiamo pertanto preferito lasciare non tradotto il termine “Workers Rank-and-File” che nella nostra lingua non trova alcuna esatta corrispondenza.


 

Gli operai della Volvo Truck in Virginia hanno respinto con una maggioranza schiacciante il contratto sostenuto da UAW

di Jerry White

Gli operai di Volvo Truck a Dublino, in Virginia, domenica hanno bocciato a grande maggioranza l’accordo che United Auto Workers (UAW) stava sponsorizzando per un nuovo contratto di lavoro quinquennale. Secondo UAW Local 2069, che sosteneva l’accordo, il 91% degli operai ha votato contro.

Il 17 aprile, quasi 3.000 lavoratori hanno scioperato nello stabilimento di produzione di autocarri di New River Valley, determinati a revocare l’accordo che UAW aveva garantito alla multinazionale svedese negli ultimi quattro contratti. La UAW ha interrotto bruscamente lo sciopero che era durato due settimane il 30 aprile, annunciando di aver raggiunto un accordo con “benefici sostanziali”. L’UAW ha ordinato agli operai di tornare al loro lavoro senza poter vedere l’accordo, non certo pensando di farglielo votare.

Non appena i dettagli sono emersi, tuttavia, l’opposizione è esplosa e gli operai hanno formato il Comitato Volvo Workers Rank-and-File per guidare la lotta e respingere l’accordo di svendita. L’appello del comitato a rifiutare il contratto è stato ampiamente diffuso tra gli operai.

Nelle assemblee che hanno preceduto il voto di domenica diversi funzionari sindacali, tra cui Ray Curry tesoriere e segretario internazionale UAW che ha negoziato l’accordo, hanno risposto alle contestazioni degli operai che questo era il miglior accordo possibile, arrivando con arroganza a prevedere il 60% di consensi all’accordo.

“Tutti sono venuti per votare ‘no'”, ha detto un operaio Volvo al World Socialist Web Site .
“La sala sindacale era gremita. Uno dei miei colleghi che è qui da 15 anni ha detto di non aver mai visto un’affluenza come questa. La gente ha aspettato in fila venti minuti per votare. Il contratto era carta igienica. Se l’UAW avesse tentato di falsare il risultato, non sto dicendo che il sangue sarebbe sgorgato nelle strade, ma ci sarebbe stato un ammutinamento nella sala sindacale “.

Gli operai erano particolarmente arrabbiati per i ridicoli aumenti salariali di un’azienda che ha appena raddoppiato i suoi profitti del primo trimestre e ha pagato milioni ai suoi dirigenti e azionisti. Gli “aumenti” sono, infatti, tagli dei salari reali dato il tasso di inflazione e i forti aumenti dei costi sanitari contenuti nella proposta di contratto.

L’accordo avrebbe anche mantenuto l’odiato sistema salariale multilivello, introdotto il famigerato “Programma di lavoro alternativo” (AWS) di 10 ore al giorno e aperto la strada a ulteriori tagli ai benefici dei pensionati. Per aggiungere la beffa al danno, l’accordo avrebbe consentito a Volvo e alla UAW di riaprire il contratto in qualsiasi momento “di comune accordo” per imporre nuovi tagli.

Un altro operaio ha descritto una delle assemblee prima della votazione.
“Durante le domande e risposte, uno dei burocrati del sindacato nazionale ha detto che se avessimo votato contro, saremmo stati coinvolti in uno ‘sciopero lungo e duro’. Bene, questo è quello che avremmo dovuto fare poche settimane fa! Qui hai un alto funzionario della UAW, quello che dovrebbe difendere i nostri interessi che sostiene che questo è il meglio che si può ottenere, prendere o lasciare.
“Tra gli operai c’è la sensazione che l’intero comitato di contrattazione dovrebbe essere rimosso e un nuovo comitato eletto. Gli operai vogliono sbarazzarsi di ognuno di loro e trovare nuove persone, punto.
“Il sindacato ha detto che avrebbe inviato un sondaggio a tutti gli operai entro martedì per vedere cosa vogliamo di diverso nel prossimo contratto. Ma torneranno con lo stesso accordo, semplicemente infiocchettato in modo diverso. A molti operai, stiamo dicendo che abbiamo votato questo, voteremo il prossimo e voteremo il terzo. Possiamo ottenere molto di più con un lungo sciopero che ferma la produzione dei loro camion”.

Il World Socialist Web Site Autoworker Newsletter invita i lavoratori a unirsi al Comitato Volvo Workers Rank-and-File per chiedere che il comitato di contrattazione UAW venga rimosso e che subentri un nuovo comitato di negoziazione, nominato dagli operai .

Lo sciopero deve essere ripreso, non sotto il controllo dei dirigenti della UAW, ma sotto il controllo democratico degli operai combattivi.

Il Comitato Rank-and-File degli operai Volvo chiede:
• Un aumento salariale immediato del 25% per compensare tutte le svendite passate.
• Assistenza sanitaria completa per tutti i lavoratori, a carico dell’azienda.
• L’abolizione del sistema salariale a due livelli e il ripristino del principio “parità di retribuzione per uguale lavoro”. Il trasferimento immediato di tutti gli operai di livello inferiore al livello più alto.
• L’implementazione di una clausola di COLA (scala mobile) per far fronte all’impennata dei prezzi dei beni di consumo.

Le ingenti risorse del fondo di sciopero UAW, accumulato attraverso le quote sociali degli operai, devono essere messe a disposizione per fornire reddito intero a tutti gli operai per tutta la durata di uno sciopero, per far capire all’azienda che non sarà in grado di affamare gli operai fino alla sottomissione.

“La paga di sciopero di $ 275 a settimana è una sciocchezza”, ha detto un operaio Volvo. “L’ho calcolato. Se hai 3.000 persone fuori per due mesi, corrisponde a 6,6 milioni di dollari “salario integrato durante lo sciopero”. La UAW ha un fondo per lo sciopero di 680 milioni di dollari. È uno schiaffo in faccia, pensato per affamarci fino alla morte”.

Tutte le chiacchiere dell’UAW sulla partecipazione a un sondaggio è finalizzato solamente a tenere gli operai al lavoro il più a lungo possibile, bloccando la lotta e lo sciopero. Gli operai sanno quello che vogliono e sono pronti a lottare per questo. D’altra parte, l’UAW sa cosa non vogliono gli operai, cioè tutte le svendite che l’UAW ha incluso in questo pessimo accordo.

I tirapiedi dell’azienda nella UAW sanno che se gli operai Volvo conquistassero aumenti sostanziali e altri beneficii, questo farebbe partire un’ondata di lotte in Mack-Volvo, altri operai nella produzione di camion e operai in tutta l’industria automobilistica per eliminare il sistema a due livelli e ribaltare decenni di svendite sostenute da UAW.

La posizione militante assunta dagli operai Volvo fa parte della crescente resistenza dei lavoratori negli Stati Uniti e a livello internazionale, inclusi scioperi e altre lotte dei minatori di carbone dell’Alabama, dei lavoratori petroliferi del Texas, degli infermieri del Massachusetts e degli operai dell’acciaio in Pennsylvania e in altri stati.

Una lotta comune è necessaria da parte degli operai Volvo, Mack-Volvo e altri operai della produzione di autocarri e dell’industria automobilistica negli Stati Uniti e a livello internazionale. Per intraprendere questa lotta, esortiamo gli operai a unirsi al Comitato Rank-and-File dei lavoratori Volvo e prendere parte alla crescente rete internazionale

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.