Gli operai licenziati dalla Fiat/Fca da Di Maio. Cacciati da Roma con un Daspo.

Cronache di una lotta. Lo scorso 11 ottobre, Mimmo Mignano e Massimo Napolitano due degli operai licenziati FCA sono saliti sul tetto della prima municipalità di Roma, che sta di fronte al MISE, mentre gli altri erano sotto in presidio, per denunciare al ministro del lavoro Di Maio, il ministro “dell’abolizione della povertà”, la loro condizione di operai ridotti in miseria dopo che una sentenza della cassazione, confermando il licenziamento della FIAT, da giugno li ha lasciati senza lavoro e senza stipendio. Daspo agli operai licenziati FCA PS Facebook Comments
Condividi:

Cronache di una lotta. Lo scorso 11 ottobre, Mimmo Mignano e Massimo Napolitano due degli operai licenziati FCA sono saliti sul tetto della prima municipalità di Roma, che sta di fronte al MISE, mentre gli altri erano sotto in presidio, per denunciare al ministro del lavoro Di Maio, il ministro “dell’abolizione della povertà”, la loro condizione di operai ridotti in miseria dopo che una sentenza della cassazione, confermando il licenziamento della FIAT, da giugno li ha lasciati senza lavoro e senza stipendio.

Daspo agli operai licenziati FCA

PS

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.