Sardegna: contro l’occupazione militare mobilitazione di massa

Caro Operai Contro, sono iniziate le mobilitazioni contro l’occupazione militare della Sardegna, “la regione più militarizzata in Europa che ospita più del 60% delle servitù militari dello Stato italiano. Ti mando un articolo che ne riassume i contenuti. Saluti dalla Sardegna.   Da Sardinia Post “Basta occupazione militare in Sardegna, troviamo alternative economiche sociali e culturali per cambiare. A breve organizzeremo le prossime mobilitazioni a partire dai blocchi delle esercitazioni militari dal prossimo autunno”. Lo hanno annunciato a Lanusei i rappresentanti dell’assemblea generale di Aforascamp 2016 in una conferenza stampa dove hanno presentato le iniziative che si terranno a […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

sono iniziate le mobilitazioni contro l’occupazione militare della Sardegna, “la regione più militarizzata in Europa che ospita più del 60% delle servitù militari dello Stato italiano. Ti mando un articolo che ne riassume i contenuti. Saluti dalla Sardegna.

 

Da Sardinia Post

“Basta occupazione militare in Sardegna, troviamo alternative economiche sociali e culturali per cambiare. A breve organizzeremo le prossime mobilitazioni a partire dai blocchi delle esercitazioni militari dal prossimo autunno”. Lo hanno annunciato a Lanusei i rappresentanti dell’assemblea generale di Aforascamp 2016 in una conferenza stampa dove hanno presentato le iniziative che si terranno a Lanusei tra il 7 e l’11 settembre.

“La Sardegna – ha spiegato il portavoce Enrico Puddu – è la regione più militarizzata in Europa: l’isola ospita più del 60% delle servitù militari dello Stato italiano. Nel territorio sardo ormai da decenni si svolgono esercitazioni militari Nato, italiane e di stati alleati come Israele, vengono prodotte armi utilizzate negli scenari di guerra di tutto il mondo. Vogliamo costruire una mobilitazione di massa, partecipata e orizzontale che possa mettere la parola fine alle attività militari sul nostro territorio e trovare nuove risposte di occupazione per i lavoratori”.

Dopo un tour di assemblee in quaranta paesi dell’isola, il 2 giugno del 2016 a Bauladu, la maggior parte dei comitati e delle associazioni che da anni combattono su questo tema si è unita nella nuova associazione. Da qui è nato il “Campeggio” contro l’occupazione militare della Sardegna, denominato Aforascamp2016. “L’obiettivo – hanno proseguito Nicola Piras e Nadir Congiu esponenti dell’associazione – è di elaborare una conoscenza comune e condividere opinioni su diversi argomenti e per organizzare le prossime mobilitazioni.

 

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.