La buona scuola di Renzi crolla senza terremoto

Caro Operai Contro, la città metropolitana di Milano comprende anche il comune di Cernusco sul Naviglio. Crollano i controsoffitti delle scuole, ma non c’è ombra di terremoto. Dopo il tintinnio delle manette che ha accompagnato i fasti e le sbrodolate sull’Expo, Milano grande città, ha allertato i tecnici per “risalire all’origine dell’infiltrazione”. Forse daranno la colpa all’acqua piovana, responsabile delle filtrazioni nei muri. Saluti da Vimercate   Vi mando l’articolo del Giorno della Martesana Cernusco sul Naviglio (Milano), 31agosto 2016 – Al secondo piano della scuola primaria Don Milani il personale in servizio ha rilevato il distaccamento di parte […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

la città metropolitana di Milano comprende anche il comune di Cernusco sul Naviglio. Crollano i controsoffitti delle scuole, ma non c’è ombra di terremoto. Dopo il tintinnio delle manette che ha accompagnato i fasti e le sbrodolate sull’Expo, Milano grande città, ha allertato i tecnici per “risalire all’origine dell’infiltrazione”. Forse daranno la colpa all’acqua piovana, responsabile delle filtrazioni nei muri.

Saluti da Vimercate

 

Vi mando l’articolo del Giorno della Martesana

Cernusco sul Naviglio (Milano), 31agosto 2016 – Al secondo piano della scuola primaria Don Milani il personale in servizio ha rilevato il distaccamento di parte del controsoffitto di una delle aule che, con tutta probabilità, è avvenuto dopo le precipitazioni della notte. È stato lo stesso personale ad allertare i tecnici del Comune e i Vigili del fuoco per effettuare le verifiche necessarie e individuare la causa del distacco.

Dal sopralluogo, a cui ha preso parte anche il sindaco Eugenio Comincini, è emerso che con tutta probabilità il cedimento del controsoffitto è stato provocato da una infiltrazione sul tetto. «I nostri tecnici e la ditta incaricata – spiega il primo cittadino – hanno avviato gli interventi per rimuovere il controsoffitto ceduto, risalire all’origine dell’infiltrazione e intervenire su di essa per escludere ogni ulteriore criticità. Si procederà poi alle verifiche di sicurezza in via precauzionale su tutte le aule attigue alla zona coinvolta e al ripristino dell’agibilità dell’aula e degli spazi dove si verificheranno interventi. Il fatto che il personale avesse effettuato le pulizie in quelle aule senza notare alcuna traccia infiltrazione, fa pensare che il problema sia emerso in queste ultime settimane giorni e quindi non fosse presente prima della chiusura degli edifici».

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.