FIAT SATA DI MELFI: E SE I TRE OPERAI REINTEGRATI FOSSERO STATI NUOVAMENTE LICENZIATI?

Redazione di Operai contro, Nell’estate del 2010, Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli erano stati licenziati, con la contestazione da parte dell’azienda di aver sabotato la produzione durante uno sciopero interno A luglio del 2012 il giudice del lavoro reintegro i tre operai, ma la FIAT non li fece rientrare Nell’ estate del 2013 fu riconfermato il loro reintegro e la FIAT dovette farli rientrare Nel 2013 Landini il venduto segretario della FIOM esultava:  “Oltre alla Costituzione in fabbrica è entrata anche la giustizia e sarebbe un atto di saggezza, per ricostruire un clima di relazione industriali serie, […]
Condividi:

Redazione di Operai contro,

Nell’estate del 2010, Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli erano stati licenziati, con la contestazione da parte dell’azienda di aver sabotato la produzione durante uno sciopero interno

A luglio del 2012 il giudice del lavoro reintegro i tre operai, ma la FIAT non li fece rientrare

Nell’ estate del 2013 fu riconfermato il loro reintegro e la FIAT dovette farli rientrare

Nel 2013 Landini il venduto segretario della FIOM esultava:  “Oltre alla Costituzione in fabbrica è entrata anche la giustizia e sarebbe un atto di saggezza, per ricostruire un clima di relazione industriali serie, abbandonare ogni discriminazione contro la Fiom”.

Landini sei un venduto, in fabbrica non c’è nessuna costituzione e nessuna giustizia, ma solo la legge del padrone.

Landini sei un venduto, somo migliaia gli operai licenziati e tu non hai mai fatto niente

Landini sei un venduto, sono anni che 5 operai di Pomigliano lottano contro il loro licenziamento e tu non hai mai detto niente e non hai mai fatto niente

Redazione,

avete ragione bisogna opporsi ai licenziamenti degli operai qualsiasi sia la motivazione del padrone

Avete ragione solo la lotta degli operai può servire contro i padroni e la loro giustizia

Per gli operai non vi è liberta, non vi sono diritti, nella società dei padroni. Ne in fabbrica ne fuori della fabbrica.

La battaglia degli operai deve essere quella di seppellire il capitalismo e imporre la dittatura degli operai

Un operaio di Milano

Barozzino che fai? Ti dimetti dal parlamento dei padroni?

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.