LIBIA: LO SCONTRO TRA IMPERIALISTI

Redazione di Operai Contro, lo scontro tra i diversi padroni occidentali è sempre più chiaro. I padroni italiani e il gangster Renzi avevano puntato su Fayez Al Sarraj, il premier designato dall’ONU. Renzi sperava che Fayez Al Sarraj potesse rappresentare una unità dei padroni libici.Si sbagliava nessuno riconosce Fayez Al Sarraj. Neanche tutti i gruppi armati libici di Tripoli che sono pagati e armati dai padroni italiani. l generale Khalifa Haftar, capo delle forze armate libiche che rispondono al parlamento di Tobruk, ha dichiarato che non riconosce il nascente governo di unità nazionale (Gna) del premier designato Fayez Al […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

lo scontro tra i diversi padroni occidentali è sempre più chiaro.

I padroni italiani e il gangster Renzi avevano puntato su Fayez Al Sarraj, il premier designato dall’ONU. Renzi sperava che Fayez Al Sarraj potesse rappresentare una unità dei padroni libici.Si sbagliava nessuno riconosce Fayez Al Sarraj. Neanche tutti i gruppi armati libici di Tripoli che sono pagati e armati dai padroni italiani.

l generale Khalifa Haftar, capo delle forze armate libiche che rispondono al parlamento di Tobruk, ha dichiarato che non riconosce il nascente governo di unità nazionale (Gna) del premier designato Fayez Al Sarraj, né ha tempo da perdere con l’Onu. “Non m’importa nulla delle decisioni del Gna, le sue decisioni sono solo pezzi di carta”, ha detto Haftar come riportano tweet dell’emittente Libya’s Channel. “Non penso che questa soluzione imposta dall’Onu avrà successo”, ha affermato.Nell’intervista alla tv libica Haftar ha anche espresso indifferenza per l’inviato speciale dell’Onu in Libia, Martin Kobler: “Non ho tempo da perdere con Kobler, faccio conto sull’esercito e la polizia e non su un funzionario dell’Onu”. Haftar ha attaccato verbalmente anche i Fratelli musulmani sostenendo che “sono dietro a tutti gli attentati terroristici del mondo”. Una decina di giorni fa Haftar aveva rifiutato di incontrare Kobler.

Il generale Haftar ha dietro gran Bretagna, Francia, Egitto e Arabia Saudita e può permettersi di dire ciò che vuole.

In Libia è sempre più aperto lo scontro tra diversi padroni

Un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.