ARISTOCRAZIA OPERAIA E IMPERIALISMO

Redazione di Operai Contro, avete pubblicato delle corrispondenza in cui avete parlato dell’aristocrazia operaia come nemici degli operai. Non sono bravo a spiegare il perchè della nascita dell’aristocrazia operaia. Ma considero importante capire qual’è l’attuale fase del capitalismo. Ho cercato su Internet ed ho trovato uno scritto di Lenin del 1916. Vi invio l’inizio dello scritto e allegato in pdf lo scritto di Lenin Per noi operai capire è importante Un vostro lettore Operaio Lenin È necessario cominciare dalla definizione più precisa e completa possibile dell’imperialismo. L’imperialismo è uno stadio storico particolare del capitalismo. Questa particolarità ha tre aspetti: […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

avete pubblicato delle corrispondenza in cui avete parlato dell’aristocrazia operaia come nemici degli operai. Non sono bravo a spiegare il perchè della nascita dell’aristocrazia operaia. Ma considero importante capire qual’è l’attuale fase del capitalismo. Ho cercato su Internet ed ho trovato uno scritto di Lenin del 1916.

Vi invio l’inizio dello scritto e allegato in pdf lo scritto di Lenin

Per noi operai capire è importante

Un vostro lettore Operaio

Lenin

È necessario cominciare dalla definizione più precisa e completa possibile dell’imperialismo. L’imperialismo è uno stadio storico particolare del capitalismo. Questa particolarità ha tre aspetti: l’imperialismo è 1) il capitalismo monopolistico; 2) il capitalismo parassitario o in putrefazione; 3) il capitalismo agonizzante. La sostituzione del monopolio alla libera concorrenza è il tratto economico fondamentale, l’essenza dell’imperialismo. Il monopolismo si manifesta sotto cinque aspetti principali: 1) i cartelli, i sindacati e i trusts; la concentrazione della produzione ha raggiunto il grado che genera questi gruppi monopolistici di capitalisti; 2) la situazione monopolistica delle grandi banche: da tre a cinque banche gigantesche dirigono tutta la vita economica dell’America, della Francia, della Germania; 3) la conquista delle fonti di materie prime da parte dei trusts e dell’oligarchia finanziaria (il capitale finanziario è il capitale industriale monopolistico che si è fuso con il capitale bancario); 4) la spartizione (economica) del mondo tra i cartelli internazionali è cominciata. Questi cartelli internazionali che posseggono tutto il mercato mondiale e se lo spartiscono «amichevolmente» – finché una guerra non lo ridivida – sono già più di cento! L’esportazione del capitale, come fenomeno particolarmente caratteristico, a differenza dell’esportazione delle merci nell’epoca del capitalismo non monopolistico, è legata strettamente alla spartizione economica e politico-territoriale del mondo; 5) la spartizione territoriale del mondo (colonie) è terminata.

ARISTOCRAZIA OPERAIA E IMPERIALISMO

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.