Addio PENSIONE di reversibilità: ITALIANI in ginocchio, ecco il provvedimento!

Redazione di Operai Contro, i delinquenti al servizio dei padroni del governo e del parlamento devono far cassa per difendere i profitti dei padroni Un provvedimento destinato a far discutere, quello che lo Stato ha intenzione di applicare per fare cassa su una colonna portante del welfare. Secondo quanto riporta ‘La Legge Per Tutti’, infatti, il disegno di legge sul riordino delle prestazioni assistenziali ha due disposizioni che, se mantenute così come sono, causeranno un vero e proprio terremoto sociale: – in primo luogo, qualsiasi trattamento di assistenza sarà legato all’Isee della famiglia; – in secondo luogo, la pensione di reversibilità diverrà una prestazione assistenziale, e non […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

i delinquenti al servizio dei padroni del governo e del parlamento devono far cassa per difendere i profitti dei padroni

Un provvedimento destinato a far discutere, quello che lo Stato ha intenzione di applicare per fare cassa su una colonna portante del welfare. Secondo quanto riporta ‘La Legge Per Tutti’, infatti, il disegno di legge sul riordino delle prestazioni assistenziali ha due disposizioni che, se mantenute così come sono, causeranno un vero e proprio terremoto sociale:
– in primo luogo, qualsiasi trattamento di assistenza sarà legato all’Isee della famiglia;
– in secondo luogo, la pensione di reversibilità diverrà una prestazione assistenziale, e non più previdenziale.
Quindi in pratica la pensione di reversibilità spetterà soltanto a chi possiede pochissimo o nulla, in quanto dipende dall’Isee. Questo significa che basta avere qualche risparmio in banca, o la convivenza con una persona con un minimo di reddito, per non averne diritto.
Cosa aspettiamo a seppellire il parlamento sotto una montagna di pietre?
Cosa aspettiamo a seppellire i padroni?
Operai prepariamoci
Un pensionato
dal Sole 24 ore

Scoppia la polemica sul disegno di legge che riordina le prestazioni di natura assistenziale e previdenziale come strumento unico, nell’intenzione del governo, di contrasto alla povertà con misure legate al reddito e al patrimonio. Nel ddl, tra le altre misure si prevede la possibilità di rivedere lepensioni di reversibilità, ovvero quelle erogate agli eredi alla morte del pensionato o del lavoratore che muore avendo maturato i requisiti per l’assegno, agganciandole all’Isee, per il quale conta il reddito familiare e non quello individuale.Di conseguenza il numero di coloro che vi avranno accesso inevitabilmente si ridurrà.

«Approda alla Camera – accusa Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera – la delega del Governo sul tema del sostegno alla povertà, in sé positivo, ma che prevede la possibilità di tagliare le pensioni di reversibilità. Per noi questo non è accettabile. Si tratterebbe dell’ennesimo intervento dopo quelli, pesanti, del Governo Monti». In precedenza il leader della Lega Salvini si era scagliato contro questa eventualità.

P.Chigi,reversibilità? Delega dà non toglie 
In serata arriva la replica di Palazzo Chigi: «Se ci saranno interventi di razionalizzazione saranno solo per evitare sprechi e duplicazioni, non per fare cassa in una guerra tra poveri. La delega del Governo dà non toglie». Fonti del Governo sottolineano come nella delega dell’esecutivo ci sia una clausola esplicita secondo la quale qualsiasi intervento di razionalizzazione (per evitare duplicazioni con la nuova misura unica anti povertà) varrà solo sulle prestazioni future e non su quelle in essere. Se ci saranno interventi di razionalizzazione saranno solo per evitare sprechi e duplicazioni, non per far cassa in una guerra tra poveri. La delega del governo dà e non toglie – assicurano le stesse fonti -, stanziando per la prima volta 1mld strutturale su una misura unica di lotta alla povertà.

Il tema era stato sollevato dalla Cgil.«Dopo la nostra denuncia sulle pensioni di reversibilità – scrive su Facebook il segretario generale dello Spi-Cgil Ivan Pedretti – si è acceso il dibattito politico. Ora poche chiacchiere. Quel disegno di legge va modificato» sottolinea Pedretti.

Questione ripresa anche dal leader della Lega Matteo Salvini. «Il Governo – denuncia Salvini – vuole tagliare le pensioni di reversibilità. In Commissione Lavoro alla Camera è arrivata la proposta renziana di legare all’Isee le pensioni di reversibilità, fregando così migliaia di persone, soprattutto donne rimaste vedove. Rubando contributi effettivamente versati, per anni. Un governo che fa cassa sui morti mi fa schifo». Dal palco del congresso piemontese del Carroccio Salvini ha parlato anche della “Rimborsopoli” ligure che vede l’assessore del Carroccio tra i rinviati a giudizio. «Se so che qualcuno, nella Lega, sbaglia sono il primo a prenderlo a calci nel c… e a sbatterlo fuori. Ma Rixi è un fratello e lo difenderò fino all’ultimo da quella schifezza che è la magistratura italiana. Si preoccupi piuttosto della mafia e della camorra che sono arrivate fino al Nord» ha detto Salvini.

Gasparri: da Renzi vergognosa aggressione a vedovi 
«La confusione cresce in Italia oltre livelli tollerabili – afferma il senatore di Fi Maurizio Gasparri – Mentre si pensa di regalare pensioni a coppie gay, stravolgendo principi fondamentali dello stato sociale, lo stesso Pd che vuole fare questa concessione attraverso il governo Renzi vuole tagliare le pensione dei vedovi eterosessuali. Siamo alla distorsione di ogni principio di giustizia sociale. Ci opporremo a questa vile aggressione. Noi tuteliamo i soggetti deboli e vedovi e vedove lo sono. È veramente vergognosa questa ultima sortita di Renzi».

Binetti: (Ap): occorrono chiarimenti su reversibilità 
«Ci piacerebbe proprio sapere cosa c’è di vero in un annuncio che minaccia di destabilizzare la già fragile economia delle famiglie italiane» ha chiesto Paola Binetti, deputato di Area popolare (Ncd- Udc) . «Il governo – aggiunge – vuole tagliare le pensioni di reversibilità. In commissione Lavoro alla Camera è arrivata la proposta di legare all’Isee le pensioni di reversibilità: ecco un altro punto da approfondire anche in funzione del dibattito sul ddl Cirinnà, a proposito di unioni civili».

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.