BORSE A PICCO

Redazione di Operai Contro, avevate ragione. Renzi e Padoan so no due imbroglioni al serviuzio dei padroni Un lettore Piazza Affari a picco con il Ftse Mib che perde il 4%. Dieci i titoli sospesi dal fronte delle banche popolari fino a Finmeccanica, Poste, Saipem e Unipolsai. Wall Street affonda. Il Dow Jones perde il 2,09% a 15.867,65 punti, il Nasdaq cede il 2,31% a 4.261,77 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 2,05% a 1.841,05 punti. Petrolio ancora in sofferenza, possibile ritorno del tema ‘Grexit’, tensione sui titoli di Stato dei Paesi più esposti alla speculazione: […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

avevate ragione. Renzi e Padoan so no due imbroglioni al serviuzio dei padroni

Un lettore

Piazza Affari a picco con il Ftse Mib che perde il 4%. Dieci i titoli sospesi dal fronte delle banche popolari fino a Finmeccanica, Poste, Saipem e Unipolsai.

Wall Street affonda. Il Dow Jones perde il 2,09% a 15.867,65 punti, il Nasdaq cede il 2,31% a 4.261,77 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 2,05% a 1.841,05 punti.

Petrolio ancora in sofferenza, possibile ritorno del tema ‘Grexit’, tensione sui titoli di Stato dei Paesi più esposti alla speculazione: un cocktail velenoso per le Borse europee.

Spread sopra 140 punti base – Si amplia ancora lo spread tra Btp e Bund e supera anche la soglia dei 140 punti base, a 142, toccando i massimi da luglio scorso. Il rendimento del decennale italiano torna sopra l’1,6%, a 1,65%, mentre il tasso del Bund è in ulteriore calo allo 0,23%. Il differenziale tra i titoli spagnoli e tedeschi tocca i 150 punti base e sale la tensione sui Bond del Portogallo con lo spread che ha superato la soglia dei 300 punti base (a 310) per la prima volta da marzo 2014.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.