19 extracomunitari regolari ridotti in schiavitù

REGGIO CALABRIA – Vivevano in condizioni disumane, praticamente in stato di schiavitù. Diciannove lavoratori extracomunitari regolari erano costretti a vivere in un caseggiato adibito a dormitorio, in locali fatiscenti e privi di ogni benché minimo requisito igienico. L’affitto mensile loro imposto dal proprietario, che è stato denunciato, era di 40-50 euro al mese. «Nelle imprese agricole sottoposte a controllo – ha spiegato il questore Raffaele Grassi – dove sono stati scoperti 36 operatori agricoli utilizzati illegalmente, 18 dei quali extracomunitari, regolari. Sono state elevate tre sanzioni amministrative per violazioni della normativa sulle assunzioni ed effettuate 13 perquisizioni personali e […]
Condividi:

REGGIO CALABRIA – Vivevano in condizioni disumane, praticamente in stato di schiavitù. Diciannove lavoratori extracomunitari regolari erano costretti a vivere in un caseggiato adibito a dormitorio, in locali fatiscenti e privi di ogni benché minimo requisito igienico. L’affitto mensile loro imposto dal proprietario, che è stato denunciato, era di 40-50 euro al mese.

«Nelle imprese agricole sottoposte a controllo – ha spiegato il questore Raffaele Grassi – dove sono stati scoperti 36 operatori agricoli utilizzati illegalmente, 18 dei quali extracomunitari, regolari. Sono state elevate tre sanzioni amministrative per violazioni della normativa sulle assunzioni ed effettuate 13 perquisizioni personali e tre domiciliari, che hanno permesso di scoprire tre caseggiati adibiti a fatiscente ed inospitale dormitorio, in contrada Croce Gatto di Rizziconi».

Fonte: Quotidiano del Sud

san

la barracopoli di SanFerdinando

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.