OPERAI CINESI

30 dicembre 2015 Il segretario del locale  Partito Comunista Cinese e il capo della Contea di Pingyi , nello Shandong, sono stati entrambi revocati in seguito al crollo il 25 dicembre 2015 verificatosi nella miniera di gesso della contea. Un minatore è stato ucciso dal crollo e 17 operai risultano cinque giorni dopo il crollo, ancora intrappolati nella miniera. Il crollo della miniera, le cui cause son ancora da chiarire, sono state precedute dall’esplosione nella stessa contea, in un impianto chimico che ha ucciso nove operai e gravemente ferito altri  due. Intanto un tribunale in un’altra contea dello Shandong […]
Condividi:
30 dicembre 2015
Il segretario del locale  Partito Comunista Cinese e il capo della Contea di Pingyi , nello Shandong, sono stati entrambi revocati in seguito al crollo il 25 dicembre 2015 verificatosi nella miniera di gesso della contea.
Un minatore è stato ucciso dal crollo e 17 operai risultano cinque giorni dopo il crollo, ancora intrappolati nella miniera.
Il crollo della miniera, le cui cause son ancora da chiarire, sono state precedute dall’esplosione nella stessa contea, in un impianto chimico che ha ucciso nove operai e gravemente ferito altri  due.
Intanto un tribunale in un’altra contea dello Shandong , Lijin, ha condannato il presidente della Binyuan Chemicals, Li Peixiang a sei anni di prigione per il ruolo avuto nell’esplosione del 31 agosto 2015 a Dongying Tredici operai erano  morti a seguito dell’esplosione e diverse dozzine sono rimasti gravemente feriti, alcun in maniera molto grave.  L’incidente ha causato una perdita economica di 43 milioni di Yuan. .
28 dicembre 2015
Oltre 70 persone si pensa siano morte nel crollo della discarica a Shenzen
Oltre 70 persone  si presumono morte  sotto l’enorme onda che ha travolto un polo industriale, il 20 dicembre 2015 nella periferia nord di Shenzen. L’onda ha distrutto e sepolto circa 33 costruzioni.
La maggior parte dei dispersi, travolti da un’enorme onda di fango e calcinacci si pensa siano operai degli stabilimenti industriali travolti o  residenti molti che  sopravvivevano riciclando materiali della discarica crollata.
Una settimana dopo il disastro, solamente una persona è stata estratta viva  e alcuni corpi sono stati  recuperati in una massiccia operazione che sta impiegando circa 5000 operai.
(Traduzione da China Labour Bulettin a cura di MC)
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.