Migranti che affogano, diseredati e poveri, sono esclusi dalle eccezionali misure di sicurezza

Caro Operai Contro, mi chiedo che fine ha fatto l’appello del papa alle Parrocchie di ospitare le famiglie di profughi? Sono passati oltre 3 mesi, quante Parrocchie l’hanno fatto? Finora da piazza San Pietro il Papa non l’ha reso noto. A chi si rivolge il Papa che apre il giubileo della misericordia? Mentre ovunque, in nome della sicurezza vengono prese misure eccezionali, per i migranti che continuano ad affogare, né il governo Renzi né la civile Europa prendono provvedimenti per mettere fine a questa strage di innocenti. Quel minimo di sicurezza per la quale, andando incontro alle imbarcazioni in […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

mi chiedo che fine ha fatto l’appello del papa alle Parrocchie di ospitare le famiglie di profughi? Sono passati oltre 3 mesi, quante Parrocchie l’hanno fatto? Finora da piazza San Pietro il Papa non l’ha reso noto.

A chi si rivolge il Papa che apre il giubileo della misericordia?

Mentre ovunque, in nome della sicurezza vengono prese misure eccezionali, per i migranti che continuano ad affogare, né il governo Renzi né la civile Europa prendono provvedimenti per mettere fine a questa strage di innocenti. Quel minimo di sicurezza per la quale, andando incontro alle imbarcazioni in arrivo, si permetterebbe ai migranti di sbarcare, invece di affogare a pochi metri dalla costa.

Tutti questi naufragi non sono certo impreviste tragedie, ma omicidi di massa programmati dal governo Renzi, che non prende alcuna misura per impedirli, una modalità di sterminio voluta come lo furono i campi di concentramento, che si stanno riproducendo oggi nella civile Europa, in più paesi.

Da queste pagine si ricordava che, solo di bambini ne sono affogati 7 mila in un anno, mentre quasi 6 mila bambini non accompagnati, dopo essere sbarcati e registrati, sono spariti, in mano alla criminalità.

Il Papa apre porte sante da un continente all’altro, ma a chi si rivolge con il giubileo della misericordia?

E’ di questi giorni il nuovo dato della crescita dei senzatetto, sono oltre 50 mila in tutta Italia, vivono e dormono per strada. Anche per loro il governo Renzi gira la testa dall’altra parte, spera di trarne docilmente altra carne da cannone.

Tanta gente parla di misericordia, ne predica l’osservanza, per poi lavarsi la coscienza con un bel presepe, magari organizzato in Parrocchia, a grandezza naturale, dove le case finte sarebbero perfino un lusso per i migranti e i senza tetto costretti a vivere di espedienti.

Ma gli adepti della misericordia, mostrano tutta la loro sensibilità per la misericordia in finzione, come quella del presepe, sono in sintonia con le barbarie del governo Renzi.

E’ in gran parte gente che dalla Parrocchia e dalla sua sfera di politici, hanno avuto raccomandazioni e sistemazioni di ogni ordine e tipo, dal posto di lavoro sicuro, alla casa ecc. ecc. In cambio hanno dato il loro sostegno ai politici della misericordia per convenienza, ed anche loro usano la misericordia per il proprio tornaconto.

Tra quanti plaudono al Papa per l’apertura del giubileo della misericordia, sono tanti che insieme al governo Renzi, hanno le mani sporche di sangue dei migranti che affogano nell’attraversata, del loro stato di abbandono e dei sempre più numerosi diseredati sulla strada, figli della crescente e diffusa povertà, prodotta da questo sistema sociale, a cui appartiene anche la misericordia per convenienza.

Saluti operai

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.