BOLOGNA: SESTO GIORNO DI SCIOPERO HOLIDAY INN

Redazione, Sesto giorno di sciopero delle operaie delle pulizie in appalto con la cooperativa presso Holiday Inn Express di Bologna Fiera.Anche oggi si lotta con cacerolazo nel piazzale dell’hotel insieme a tante e tanti solidali tra cui Social Log Bologna, Laboratorio Crash e Si Cobas Pavia ; abbiamo nuovamente denunciato il ricatto del consorzio cooperativo, capace di portare una nuova cooperativa con 150 euro di capitale sociale e finto contratto di lavoro UGLTerziario (in)disciplinato dal jobs act dei gangster Renzi-Poletti o PD-LEGACOOP che dir si voglia. Dopo un’intera settimana consecutiva di proteste portate fino ai tavoli della colazione e del pranzo dell’albergo, le operaie […]
Condividi:
Redazione,
Sesto giorno di sciopero delle operaie delle pulizie in appalto con la cooperativa presso Holiday Inn Express di Bologna Fiera.
Anche oggi si lotta con cacerolazo nel piazzale dell’hotel insieme a tante e tanti solidali tra cui Social Log BolognaLaboratorio Crash e Si Cobas Pavia ; abbiamo nuovamente denunciato il ricatto del consorzio cooperativo, capace di portare una nuova cooperativa con 150 euro di capitale sociale e finto contratto di lavoro UGLTerziario (in)disciplinato dal jobs act dei gangster Renzi-Poletti o PD-LEGACOOP che dir si voglia.
Dopo un’intera settimana consecutiva di proteste portate fino ai tavoli della colazione e del pranzo dell’albergo, le operaie hanno voluto proseguire la lotta anche di domenica, pensando bene di rispettare la tradizione dell’italiano medio, a spasso la domenica al centro commerciale.
Così, armate di striscione e bandiere, hanno pensato bene di organizzare sul momento un corteo per fare conoscere la lotta in corso ad un pubblico più ampio, facendo la giusta e dovuta pubblicità a chi insiste nel volere restare indifferente. Anche oggi, molti attestati di solidarietà e sostegno, con decine di automobili che incontrando il corteo lungo la strada hanno raccolto ben volentieri il volantino e le parole delle operaie in lotta.
Come promesso, il fronte di lotta si allarga sempre di più nei numeri, nei contenuti e nell’area di azione. Non saremo soddisfatti fino al reintegro sul legittimo posto di lavoro per tutte e 12, con contratto di lavoro decente e cancellazione del jobs act. Il padronato si prepari a nuove e più intense iniziative di lotta nelle prossime ore: anche dopo una settimana, la lotta è solo all’inizio per chi non ha più nulla da perdere. Ai nostri posti continuerete a trovarci.
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.