Poletti il servo dei padroni prepara nuove stangate agli operai.

Redazione Operai Contro, Squinzi il presidente di Confindustria non è soddisfatto degli ultimi dati di crescita del Pil italiano nel 2015 : ” il valore dello 0,8 % è ancora poco, per riavvicinarsi alla media UE dobbiamo recuperare almeno un altro punto e per raggiungere l’obbiettivo ci vogliono altre misure”. Poletti il ministro del lavoro e negriero delle cooperative rosse è già al lavoro per altre misure antioperaie che soddisfino i profitti dei padroni, ma non si capisce cosa vuole fare. Come aveva dichiarato ai giornalisti una settimana fa: “Se cambia il modo di lavorare può cambiare anche il […]
Condividi:

Redazione Operai Contro,

Squinzi il presidente di Confindustria non è soddisfatto degli ultimi dati di crescita del Pil italiano nel 2015 : ” il valore dello 0,8 % è ancora poco, per riavvicinarsi alla media UE dobbiamo recuperare almeno un altro punto e per raggiungere l’obbiettivo ci vogliono altre misure”.

Poletti il ministro del lavoro e negriero delle cooperative rosse è già al lavoro per altre misure antioperaie che soddisfino i profitti dei padroni, ma non si capisce cosa vuole fare.

Come aveva dichiarato ai giornalisti una settimana fa: “Se cambia il modo di lavorare può cambiare anche il modo di definire la retribuzione” , aggiungendo che l’idea è quella di abolire l’ora lavoro perché obsoleta ma la paga sarà in base agli obiettivi”.

Che va cercando Poletti forse una variante del lavoro a cottimo?

Forse un taglio del salario in base ai tempi morti degli impianti di produzione?

O magari, una riforma dei contratti nazionali con nuovi parametri di retribuzione legati all effettivo obiettivo o risultato e non all’ora lavorata.

Poi tre giorni fa, Poletti in un convegno in Regione Lombardia è tornato di nuovo in argomento : “mai parlato di cottimo, l’orario di lavoro deve restare ma bisogna leggere in positivo i cambiamenti della tecnologia. Penso anche a strumenti di partecipazione in cui aziende e lavoratori condividono i risultati”.

Ma quando mai gli operai hanno condiviso gli stessi profitti dei padroni e quando mai i padroni hanno condiviso le stesse fatiche degli operai?

Operai una cosa è certa, Poletti il servo di Squinzi e dei padroni ci sta preparando altre stangate per le feste natalizie, altri metodi di sfruttamento, maggiore flessibilità, sempre finalizzato agli interessi dei padroni.

Operai allora organizziamoci in ogni fabbrica per liberarci una volta per sempre dalla schiavitù del lavoro salariato.

Giovanni operaio di Milano

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.