Renzi vuole imporci le Corporazioni?

Caro Operai Contro, Renzi vuole imporci la strada delle Corporazioni di mussoliniana memoria, che cancellano la possibilità di organizzarsi in sindacato? In discussione nella legge di Stabilità, prevede per retribuzioni fino 50 mila euro l’anno, una tassazione agevolata al 10%, per i premi di produttività fino 2.500 euro l’anno, a secondo dei risultati raggiunti in base agli accordi tra azienda e lavoratori. (Accordi senza sindacato, c’è scritto nel titolo del Corriere del 1° dicembre). Sembra che da questi accordi ne sia escluso il sindacato, e che sul modello tedesco, presuppongano in ogni azienda con più di 10 dipendenti, comitati […]
Condividi:

Caro Operai Contro,

Renzi vuole imporci la strada delle Corporazioni di mussoliniana memoria, che cancellano la possibilità di organizzarsi in sindacato? In discussione nella legge di Stabilità, prevede per retribuzioni fino 50 mila euro l’anno, una tassazione agevolata al 10%, per i premi di produttività fino 2.500 euro l’anno, a secondo dei risultati raggiunti in base agli accordi tra azienda e lavoratori. (Accordi senza sindacato, c’è scritto nel titolo del Corriere del 1° dicembre).

Sembra che da questi accordi ne sia escluso il sindacato, e che sul modello tedesco, presuppongano in ogni azienda con più di 10 dipendenti, comitati di lavoratori per migliorare la produttività e i risultati dell’azienda stessa. In Germania all’interno di questi comitati, ci sono lavoratori eletti dall’azienda, che non sono quindi espressione del sindacato.

Tutto ciò nella legge di Stabilità, va sotto il nome di “partecipazione paritetica”.

Cesare Damiano, presidente della commissione lavoro della Camera del Pd, ha depositato un emendamento – che come dice lui stesso – “ va nella direzione dell’esplicito coinvolgimento del sindacato quando si parla di <<partecipazione paritetica>> all’organizzazione del lavoro”, perché così com’è scritto nella legge di Stabilità, “lascia spazio a comitati dei lavoratori extra sindacali”.

Quindi per Damiano va bene la partecipazione paritetica con l’azienda all’organizzazione del lavoro, purché i comitati con i delegati eletti dall’azienda, siano composti da lavoratori iscritti al sindacato.

Sempre nel Pd l’economista parlamentare Carlo Dell’Aringa, sostiene invece che i comitati sul modello tedesco, possono tranquillamente essere composti da lavoratori anche non iscritti al sindacato, e convivere con il sindacato nei problemi dell’azienda.

Nel modello partecipativo aggiunge Dell’Aringa “bisogna mettere da parte la conflittualità per non arrivare al conflitto aperto”. Nei prossimi giorni se ne discuterà in parlamento.

Noi operai dobbiamo discuterne in fabbrica per capire bene di cosa si tratta. Se come sembra a prima vista ci vogliono portare sulla strada delle Corporazioni e seppellire la possibilità di organizzarci in un sindacato, bisogna mobilitarsi subito per non far passare questo disegno.

Saluti operai

 

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.