GENOVA: COMUNICATO DAGLI OPERAI PORTUALI SULLA SICUREZZA

Redazione, segnalo l’intervento del Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali di Genova (CALP) sulle questioni della sicurezza nei porti. Saluti operai La sicurezza prima di tutto! Ormai diventato un noioso graffito a lettere cubitali sotto le vetrate dei ponti di comando delle navi mercantili. A bordo le apparenze potrebbero ingannare l’occhio esterno, che vede diligenti equipaggi con tute da lavoro tutte perfette, elmetti allacciati alle teste, cartellini identificativi a vista e radio con microfoni a tracolla. In effetti sembrerebbe che quell’enorme scritta abbia un certo peso sulle loro coscienze, ma non è tutto oro ciò che luccica e bisognerebbe approfondire con […]
Condividi:

Redazione,

segnalo l’intervento del Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali di Genova (CALP) sulle questioni della sicurezza nei porti.

Saluti operai

La sicurezza prima di tutto! Ormai diventato un noioso graffito a lettere cubitali sotto le vetrate dei ponti di comando delle navi mercantili. A bordo le apparenze potrebbero ingannare l’occhio esterno, che vede diligenti equipaggi con tute da lavoro tutte perfette, elmetti allacciati alle teste, cartellini identificativi a vista e radio con microfoni a tracolla. In effetti sembrerebbe che quell’enorme scritta abbia un certo peso sulle loro coscienze, ma non è tutto oro ciò che luccica e bisognerebbe approfondire con qualche marinaio in un’altra occasione.

E giù dallo scalandrone, o meglio sulle banchine, come butta portuali?

Non bene…Possiamo tranquillamente affermare che la sicurezza in porto non è tra le priorità delle aziende che ci operano ed i tragici eventi che hanno colpito negli ultimi anni i lavoratori lo testimoniano e possiamo senza timore definirli “omicidi premeditati”.

Per affermare ciò significa che conosciamo le cause che incidono sui numerosi infortuni che avvengono nell’area portuale tra cui:

· Turni estenuanti di lavoro

· Mezzi ed attrezzature obsolete o privi di un’adeguata manutenzione

· Banchine fatiscenti

· Scarsa o addirittura nulla formazione professionale del personale operante

Partendo con ordine per turni estenuanti si intende l’eccessivo lavoro straordinario, che rende apparentemente dignitosi i salari dei lavoratori, con un ridottissimo costo da parte dei padroni, ed un conseguente aumento del profitto con un un salatissimo tornaconto in merito alla scarsa lucidità dei lavoratori sulle banchine.

Mezzi ed attrezzature utilizzate a pieno regime quotidianamente dove il fermo per la sostituzione di una semplice lampadina bruciata può compromettere  la produttività e di conseguenza i profitti delle aziende.

Banchine che dall’alto sembrano dei labirinti e dal basso delle piste da fuoristrada .

Lavoratori allo sbaraglio! Soprattutto per i neo-assunti la formazione è scarsa spesso nulla.

Come sappiamo gli enti preposti per la tutela della sicurezza dei lavoratori sono edulcorati dagli interessi delle singole aziende poiché l’equazione più sicurezza determina meno profitti è sempre attuale per i padroni. Per contrastare tutto ciò e per tutelare la sicurezza dei lavoratori, nell’aprile del 2007, a seguito dell’ennesimo omicidio premeditato in porto, grazie alla determinazione di alcuni lavoratori nasce il Soi oggi Rls di sito a seguito di un decreto legge esteso a tutto il territorio nazionale ed su tutti i luoghi di lavoro, all’oggi quasi un ente sterile, sminuito dagli interessi padronali talvolta complici in fatto di scarsa prevenzione.

Il 22 dicembre è alle porte e come ogni anno vogliamo ricordare i compagni vittime del profitto che non sono più con noi ma vogliamo rimarcare che di lavoro non si deve morire e che il sacrificio dei nostri amici non è stato vano, perché sia legittimo ed un dovere tornare alle proprie case ogni giorno senza aver timore di essere uno in meno il giorno dopo.

Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali – CALP

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.