I MINATORI DI MARIKANA

Redazione di operai Contro, deve ancora svolgersi in Sud Africa il processo per la strage dei minatori di Marikana. Il Massacro di Marikana è stato il singolo più tragico uso della forza da parte delle forze di sicurezza sudafricane contro i civili dal 1960. Descritto come un massacro dai giornali sudafricani, esso è stato paragonato al massacro di Sharpeville nel 1960. Ebbe luogo il 16 agosto 2013, nel venticinquesimo anniversario di uno sciopero nazionale dei minatori sudafricani. Le forze di polizia (South African Police Service) aprirono il fuoco sui lavoratori dell’azienda britannica Lonmin (multinazionale del platino presenti in Sudafrica). […]
Condividi:

Redazione di operai Contro,

deve ancora svolgersi in Sud Africa il processo per la strage dei minatori di Marikana.

Il Massacro di Marikana è stato il singolo più tragico uso della forza da parte delle forze

di sicurezza sudafricane contro i civili dal 1960.

MARIKANA1

Descritto come un massacro dai giornali sudafricani, esso è stato paragonato al massacro di Sharpeville nel 1960.

Ebbe luogo il 16 agosto 2013, nel venticinquesimo anniversario di uno sciopero nazionale dei minatori sudafricani.

Le forze di polizia (South African Police Service) aprirono il fuoco sui lavoratori dell’azienda britannica Lonmin (multinazionale del platino presenti in Sudafrica). Furono uccise 34 minatori e

feriti gravemente almeno 78.

Gli scioperi spontanei e non diretti dal sindacato erano iniziati per chiedere aumenti salariali e migliori condizioni di vita.

Il rapporto Farlam, pubblicato nel mese di giugno dal presidente Sud Africano Jacob Zuma,
addossa la colpa alla multinazionale Lonmin, alla polizia e ai sindacati  per la strage.
Quello che è successo a Marikana non può essere dimenticato dagli operai
Ha ricordato al popolo la peggiore brutalità dell'apartheid, la polizia ha aperto il fuoco sui 
manifestanti. E' questo è successo sotto un governo di maggioranza nera 

Gli omicidi hanno spinto a ricercare la responsabilità della borghesia nera (cioè: Ramaphosa) 
è stato accusato di essere troppo vicino al settore, troppo accogliente, troppo protettivo dei propri 
interessi finanziari - per volere di neri poveri: i minatori.

Le immagini dei minatori morti e morenti, vorticoso di polvere attorno a loro, ora sono bruciati 
nella coscienza della nazione.

Persone indietreggiarono in tutto il paese che questa fetta straziante del vecchio Sud Africa 
dovrebbe essere ancora parte del nuovo Sud Africa.
Marikana ha messo in evidenza i collegamenti tra politica e le grandi imprese , e il crescente divario
 tra l'elite nera e dei milioni di sudafricani che ancora , molti anni dopo la fine dell'apartheid ,
 ancora poveri e ancora le vittime della brutalità della polizia .

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.