Archive for Agosto 26th, 2015

  • Redazione di Operai Contro, la crisi economica mette a nudo l’ignoranza e la delinquenza dei politici dei padroni.. Il gangster Renzi e il suo guardiaspalle  Padoan    andavano magnificando le loro riforme. Erano solo misure a favore dei padroni. I gangster del Pd in ogni dibattito ripetevano che i padroni italiani erano usciti dalla crisi grazie a Renzi La bufera delle borse li mette con il culo allo scoperto. I gangster politici dei padroni sono degli ignoranti delinquenti Un lettore   Facebook Comments 0

    LA CRISI

    Redazione di Operai Contro, la crisi economica mette a nudo l’ignoranza e la delinquenza dei politici dei padroni.. Il gangster Renzi e il suo guardiaspalle  Padoan    andavano magnificando le loro riforme. Erano solo misure a favore dei padroni. I gangster del Pd in ogni dibattito ripetevano che i padroni italiani erano usciti dalla crisi grazie a Renzi La bufera delle borse li mette con il culo allo scoperto. I gangster politici dei padroni sono degli ignoranti delinquenti Un lettore   Facebook Comments

    Continue Reading

  •   Negli ultimi tempi la condizione dei braccianti si è presa la ribalta dell’informazione nazionale e locale. Morire “di lavoro”, e non sul posto di lavoro, si pensava fosse ormai una cosa impossibile da verificarsi nei tempi moderni. Le vicende di quest’estate, invece, hanno scosso l’opinione pubblica sulla condizione di vita di chi vive vendendo la propria forza lavoro sui campi: com’è possibile nel 2015 morire sotto un tendone di uva o in campo di pomodori? Per tutta quest’estate gli intellettuali, leccapiedi di regime, sono stati impegnati in una massiccia opera di mistificazione dei fatti, è bene che il […] 1

    MORTI DA LAVORO? NO, DANNI COLLATERALI.

      Negli ultimi tempi la condizione dei braccianti si è presa la ribalta dell’informazione nazionale e locale. Morire “di lavoro”, e non sul posto di lavoro, si pensava fosse ormai una cosa impossibile da verificarsi nei tempi moderni. Le vicende di quest’estate, invece, hanno scosso l’opinione pubblica sulla condizione di vita di chi vive vendendo la propria forza lavoro sui campi: com’è possibile nel 2015 morire sotto un tendone di uva o in campo di pomodori? Per tutta quest’estate gli intellettuali, leccapiedi di regime, sono stati impegnati in una massiccia opera di mistificazione dei fatti, è bene che il […]

    Continue Reading

  • REDAZIONE VI INVIO DEGLI ARTICOLI Più affidabili, ma soprattutto più ricattabili e più facili da piegare alla volontà dei caporali: per questo chi controlla il mercato del lavoro agricolo preferisce le connazionali. Nella sola Puglia, secondo i dati della Cgil, circa 40mila braccianti sono gravemente sfruttate con paghe che non superano i 30 euro per 10 ore trascorse a raccogliere fragole o uva. “Non vogliono più stranieri perché loro si ribellano e noi no” Così metà paga finisce al caporale di RAFFAELLA COSENTINO TARANTO – Alle tre di notte le donne del Brindisino e del Tarantino sono già in […] 0

    SONO ITALIANE LE NUOVE SCHIAVE DEI CAMPI

    REDAZIONE VI INVIO DEGLI ARTICOLI Più affidabili, ma soprattutto più ricattabili e più facili da piegare alla volontà dei caporali: per questo chi controlla il mercato del lavoro agricolo preferisce le connazionali. Nella sola Puglia, secondo i dati della Cgil, circa 40mila braccianti sono gravemente sfruttate con paghe che non superano i 30 euro per 10 ore trascorse a raccogliere fragole o uva. “Non vogliono più stranieri perché loro si ribellano e noi no” Così metà paga finisce al caporale di RAFFAELLA COSENTINO TARANTO – Alle tre di notte le donne del Brindisino e del Tarantino sono già in […]

    Continue Reading

  • Redazione,Un mese prima chiamavano il loro quotidiano “La Repubblica” per pubblicizzare il mantenimento dell’articolo 18 e l’esclusione dei contratti con il “jobs act” per tutti i loro appalti.http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/07/07/news/appalti_bologna_aggira_il_jobs_act_e_resuscita_l_articolo_18-118496486/Oggi lo stesso quotidiano informa che nell’appalto “global edifici” gli operai saranno videosorvegliati attraverso il GPS: misura, quella del telecontrollo, prevista ed integrata proprio da uno dei decreti attuativi del “jobs act” approvato dal governo PD-LEGACOOP quest’anno. Ecco cos’è oggi il lavoro salariato nel tempio delle cooperative. Saluti da Bologna http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/08/23/news/bologna_il_grande_fratello_degli_operai_tutti_rintracciabili_col_gps-121435279/?ref=fbpr BOLOGNA – Poter verificare il tempo speso dagli operai in ogni singolo intervento di manutenzione e la qualità del lavoro svolto […] 0

    OPERAI SORVEGLIATI CON IL SATELLITARE

    Redazione,Un mese prima chiamavano il loro quotidiano “La Repubblica” per pubblicizzare il mantenimento dell’articolo 18 e l’esclusione dei contratti con il “jobs act” per tutti i loro appalti.http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/07/07/news/appalti_bologna_aggira_il_jobs_act_e_resuscita_l_articolo_18-118496486/Oggi lo stesso quotidiano informa che nell’appalto “global edifici” gli operai saranno videosorvegliati attraverso il GPS: misura, quella del telecontrollo, prevista ed integrata proprio da uno dei decreti attuativi del “jobs act” approvato dal governo PD-LEGACOOP quest’anno. Ecco cos’è oggi il lavoro salariato nel tempio delle cooperative. Saluti da Bologna http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/08/23/news/bologna_il_grande_fratello_degli_operai_tutti_rintracciabili_col_gps-121435279/?ref=fbpr BOLOGNA – Poter verificare il tempo speso dagli operai in ogni singolo intervento di manutenzione e la qualità del lavoro svolto […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, 62 operai licenziati alla Beretta di Desio, fabbrica di stampaggio di lamiere per il settore automobilistico, messa all’asta dall’ufficio fallimenti del tribunale di Benevento. Gli imbonitori vanno raccontando che così subentrerà un nuovo padrone e riassumerà gli operai licenziati. Finora la politica dei tavoli e delle carte bollate ha partorito 62 licenziamenti. E’ il caso che gli operai cambino copione e comincino a mettersi di traverso con la lotta ai licenziamenti. Seguendo in modo acritico sindaco e sindacalisti, finiremmo tutti come i topi che seguivano il pifferaio magico. Saluti operai   Facebook Comments 0

    62 operai licenziati: Beretta all’asta

    Caro Operai Contro, 62 operai licenziati alla Beretta di Desio, fabbrica di stampaggio di lamiere per il settore automobilistico, messa all’asta dall’ufficio fallimenti del tribunale di Benevento. Gli imbonitori vanno raccontando che così subentrerà un nuovo padrone e riassumerà gli operai licenziati. Finora la politica dei tavoli e delle carte bollate ha partorito 62 licenziamenti. E’ il caso che gli operai cambino copione e comincino a mettersi di traverso con la lotta ai licenziamenti. Seguendo in modo acritico sindaco e sindacalisti, finiremmo tutti come i topi che seguivano il pifferaio magico. Saluti operai   Facebook Comments

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, al rientro delle ferie hanno trovato la lettera di licenziamento nella casella della posta. Questo è il dramma di 12 operai della Ramallumin di Legnano, azienda che costruisce macchine per la tessitura. Niente crisi in corso, nessuna procedura di fallimento o richiesta di concordato preventivo. Anzi. L’azienda funziona e ha commesse di lavoro, ma con il governo Renzi i padroni preferiscono l’operaio usa e getta: purtroppo ci son sempre altri operai disoccupati o giovani senza lavoro, pronti a lavorare per un salario più basso. Per anni il sindacato ha concordato con padroni e governi il taglio […] 0

    Licenziati mentre erano in vacanza

    Caro Operai Contro, al rientro delle ferie hanno trovato la lettera di licenziamento nella casella della posta. Questo è il dramma di 12 operai della Ramallumin di Legnano, azienda che costruisce macchine per la tessitura. Niente crisi in corso, nessuna procedura di fallimento o richiesta di concordato preventivo. Anzi. L’azienda funziona e ha commesse di lavoro, ma con il governo Renzi i padroni preferiscono l’operaio usa e getta: purtroppo ci son sempre altri operai disoccupati o giovani senza lavoro, pronti a lavorare per un salario più basso. Per anni il sindacato ha concordato con padroni e governi il taglio […]

    Continue Reading