GRECIA IL NEMICO NASCOSTO

E’ interesse di tutti rappresentare il problema della Grecia come contrasto fra Europa e Grecia, fra creditori cattivi e debitori strangolati.                                                                                                                                                             […]
Condividi:

E’ interesse di tutti rappresentare il problema della Grecia come contrasto fra Europa e Grecia, fra creditori cattivi e debitori strangolati.                                                                                                                                                                 Così appare la vicenda, così la raccontano, così per duemila anni si è creduto che la terra fosse piatta.  Ma cerchiamo di guardare le cose dal punto di vista degli operai : i padroni greci non esistono più? Esistono solo le banche tedesche? E gli operai tedeschi sono diventati tutti banchieri centrali? Se il contrasto è fra nazioni, viene cancellato, sommerso il vero contrasto che divide ogni nazione in due campi nemici: i borghesi, padroni ricchi sfondati da una parte contro gli operai, attivi o pensionati e i lavoratori poveri che vivono nella miseria dall’altra.                                                                                               Ma quale è la classe che agisce in tutti i modi per negare la presenza dei contrasti fra borghesi ed operai in ogni paese? la piccola borghesia. In Grecia alza la bandiera della lotta all’Europa dei banchieri, in Germania alza la bandiera del creditore contro la Grecia che non mantiene gli impegni.                                                                                              Facciamola finita con questi nazionalisti che sono sempre pronti a fomentare i contrasti fra nazioni o gruppi di nazioni per difendere gli interessi dei loro padroni.                                                                                                                                             Chi sono in Grecia quelli che si sono fatti fare i prestiti dal Fondo Monetario Internazionale ed hanno usato questi soldi per arricchirsi? Le quattro banche Greche, gli industriali dei cantieri navali, la grande e piccola borghesia che gestisce il turismo su larga scala. Sono questi che hanno dato in pegno ai borghesi europei la pelle degli operai e dei lavoratori poveri greci.                                                                                                                                                  Se il governo Tsipras fosse stato veramente “ popolare “ avrebbe chiesto di pagare i debiti ai padroni greci che se ne erano avvantaggiati. 1,7 MLD non sono niente per l’oligarchia greca.                                                                                    Il problema è uno solo, i rappresentanti degli oligarchi Tspiras c’è l’ha nel governo, la piccola borghesia fascista c’è l’ha nel governo : è tutto più facile nascondere il nemico interno per attaccare quello esterno.                                                             Finita la buriana di un referendum farsa, i creditori , i borghesi europei che con gli interessi sul debito hanno fatto affari accetteranno pagamenti dilazionati. I debitori, la borghesia greca impone ed imporrà agli operai attivi ed in pensione, ai lavoratori poveri altri sacrifici ma ne scaricherà la responsabilità sulle grandi borghesie europee.                                                                                                                                                                                            Il nemico nascosto dei Greci, i loro padroni, continueranno a fare profitti con i finanziamenti europei, i banchieri e industriali europei continueranno a fare profitti intascando gli interessi sul debito. E’ tempo che gli operai di tutti i paesi facciano i conti con il loro nemico nascosto : i borghesi di ogni nazione.

 

IL PARTITO OPERAIO                                                                                                                                   4  luglio 2015

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.