Operai a Melfi

Dibattito Redazione di Operai Contro, Da qualche settimana è iniziata la sperimentazione dei nuovi turni alla FCA di Melfi ed è già possibile descrivere una situazione tutt’altro che felice per noi donne. Si lavora sei mattine, dalle 6 alle 14, da lunedì a sabato; poi si riattacca domenica sera alle 22, per quattro notti di seguito; poi due giorni di riposo, tre pomeriggi di lavoro (compresa una domenica), due giorni di riposo, tre notti di lavoro, due riposi e altri quattro pomeriggi di lavoro. Finalmente una domenica di sosta, ma lunedì alle 6 si ricomincia daccapo. È come vivere […]
Condividi:

Dibattito

Redazione di Operai Contro,

Da qualche settimana è iniziata la sperimentazione dei nuovi turni alla FCA di Melfi ed è già possibile descrivere una situazione tutt’altro che felice per noi donne. Si lavora sei mattine, dalle 6 alle 14, da lunedì a sabato; poi si riattacca domenica sera alle 22, per quattro notti di seguito; poi due giorni di riposo, tre pomeriggi di lavoro (compresa una domenica), due giorni di riposo, tre notti di lavoro, due riposi e altri quattro pomeriggi di lavoro. Finalmente una domenica di sosta, ma lunedì alle 6 si ricomincia daccapo. È come vivere in un continuo cambio di fuso orario.

Già i primi dieci giorni ci hanno sfinite, le ore in fabbrica si trascorrono in piedi davanti a una catena sempre più veloce perché, grazie al “sistema migliorativo Ergo uas”, tutto il materiale ci arriva direttamente in postazione su carrellini trainati dai robot automatizzati che spesso perdono pezzi per strada o si fermano e non vogliono saperne di ripartire. Loro non sentono le minacce dei capi, decidono di non lavorare più e così è se vi pare.

Le operazioni sono tutte cronometrate e le postazioni saturate; in teoria dovremmo star ferme ad assemblare comodamente tutto ciò che ci arriva ma in realtà si cammina, anzi, si insegue la linea e ci si “imbarca”, ossia ci si allontana sempre di più dai confini della postazione disegnati sul pavimento. Basta un qualunque imprevisto, una vite sfilettata o un semplice starnuto, per rendere spasmodica la risalita. A volte ci paragoniamo ai salmoni e speriamo che non ci attenda la stessa sorte.

Quando si avvicina la pausa c’è il conto alla rovescia dei minuti e scherzando ci chiediamo cosa riusciremo a fare in quei dieci minuti: andiamo al bagno, fumiamo o mangiamo qualcosa? Magari potremmo fare la fila davanti al bagno mangiando il panino, nella peggiore delle ipotesi almeno una cosa l’avremo fatta!

I bagni sono pochi rispetto al numero delle persone, così anche i distributori di caffè e merende circondati da sei o sette sedie – pochissime – a creare una piccola area relax; le file sono lunghe e il caffè conviene dividerlo con uno o due colleghi. Abbiamo chiesto più bagni o qualche minuto in più di pausa: qualche capo spiritoso ci ha suggerito di non bere per ridurre le esigenze fisiologiche. Chi trascorre la pausa in postazione si appoggia ai cassoni o si siede su una cassettina vuota e, anche se non si potrebbe fare, mangia qualcosa.

I primi dieci giorni consecutivi di lavoro sono stati devastanti, avevamo i polsi, i polpastrelli e tutti i muscoli indolenziti. I due giorni di riposo li avremmo dedicati alle faccende di casa, in teoria, ma la stanchezza era tanta e non siamo riuscite a fare tutto. Al rientro in fabbrica avevamo la sensazione di non esserne mai uscite, nessuna di noi è riuscita a realizzare tutti i propositi in quei due giorni e qualche capo, sempre più spiritoso, ha suggerito di mettere “un aiuto in casa”. Magari che si occupi anche dei nostri affetti? No grazie!

Seguire i bambini e aiutarli nei compiti è un’altra impresa: durante il turno di pomeriggio non riusciamo quasi a vederli, mentre con i turni di mattina e notte cerchiamo di recuperare e di dare il massimo. A volte tentiamo di colmare l’assenza facendo loro dei regali, oppure siamo eccessivamente tolleranti, altre volte invece ci si arrabbia per poco o niente a causa del nervosismo e della stanchezza. Sono molti i casi di coniugi che si sono separati e lavorano in squadre diverse per far sì che uno dei due sia a casa in assenza dell’altro, ma con la nuova turnazione ci ritroviamo a fare anche due turni diversi nella stessa settimana e se uno dei coniugi è stato posizionato sulla linea di produzione della Grande Punto, dove si lavora una settimana di mattina e una di pomeriggio, capita di ritrovarsi nello stesso turno per cui bisogna cercare una persona affidabile che accudisca i bambini in nostra assenza e che abbia la possibilità seguire questi nuovi orari.

Intanto sono arrivati i nuovi assunti, tanti ragazzi e ragazze che potrebbero avere l’età dei nostri figli; alcuni hanno iniziato con entusiasmo, altri con rassegnazione: tutti hanno portato una ventata di freschezza e di novità. I loro giovani volti sono già segnati dalle occhiaie, spesso l’auto dell’infermeria passa per soccorrerli, qualcuno ha già mollato, qualcun altro è stato più fortunato e si trova a svolgere un lavoro meno faticoso. Lavorare con questi ragazzi in difficoltà mette una grande tristezza e la voglia di aiutarli in qualche modo, ma non poterlo fare ci da un senso di impotenza.

È opinione comune che noi topolini di questo grande laboratorio siamo fortunati: a Melfi si lavora! E in effetti ci sentiamo stanche e indolenzite ma anche fortunate. Viene da chiedersi se non sarebbe più giusto ripartire questa “grande fortuna” con altri operai, diminuendo le ore di lavoro e aggiungendo altri turni come hanno fatto i nostri colleghi tedeschi in passato, con ottimi risultati. Siamo come i salmoni che risalgono la corrente quando cerchiamo di recuperare la postazione; siamo i robot instancabili che non devono conoscere le festività; siamo i topolini di un nuovo

esperimento. Siamo le fortunate operaie di Melfi.
(ape operaia)

Redazione di Operai Contro,

avete già pubblicato notizie della visita, ma vi chiedo ugualmente di pubblicare la mia corrispondenza.

Alla Sata gli operai si lamentano, ma arriva Renzi e Marchionne e non riescono ad organizzare la protesta.

Pesa molto la repressione del padrone e il leccaculismo dei sindacalisti di fabbrica.

Basta che gli operai non stringono la mano a Renzi e il meno che gli capita è di essere trasferito

Pesa molto il ricatto del posto di lavoro. Lavorare da schiavi ci permette di sopravvivere

E’ questo il problema che dobbiamo affrontare

Moltissimi operai alla Fiat di Melfi si lamentano dei ritmi, dei carichi di lavoro, del regime di caserma che vige in fabbrica, poi arriva Marchionne, amministratore delegato della Fiat che intasca una montagna di soldi grazie allo sfruttamento operaio, insieme a Renzi, capo del PD, promotore della riforma del lavoro che divide e indebolisce gli operai e corrono fra le loro braccia.

Molti sono i video comparsi su youTube e sui social network in cui si vedono gli operai entusiasti di fotografare Renzi e Marchionne.

Molti sono i video delle strette di mano e degli abbracci.

Alcuni operai hanno pensato di dedicargli anche le poesie:

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/05/28/renzi-a-melfi-poesia-delloperaio-crederci-fino-in-fondo-per-vendere-in-tutto-il-mondo/377050/

Non sono capi, non sono capetti, sono operai in carne e ossa che se da una parte si lamentano, dall’altra parte cambiano atteggiamento e idea anche in base a piccoli cambiamenti di postazione.

Molti si fanno influenzare dal momento, dall’occasione.

Sono operai che si lamentano per le cose che non vanno, che peggiorano, poi votano per chi il peggioramento delle condizioni degli operai le legifera, le sostiene, le applica.

Si lamentano dei sindacati collaborazionisti, poi puntualmente si recano alle urne in massa.

Si lamentano dei politici, poi la stragrande maggioranza li vota e ha il proprio referente locale.

In queste ore i risultati delle urne nei vari comuni confermano di nuovo il PD in testa, in Basilicata e tanti sono gli operai che l’hanno votato.

Sono pochi i casi evidenti di rigetto, in cui si evince la voglia di non festeggiare, di non farsi immortalare con quelli che contano come Renzi e Marchionne.

Come l’operaia intenta a fotografare Marchionne, trovatasi quasi per caso, che si è rifiutata di dare la mano a Renzi: https://www.youtube.com/watch?v=Gl2Pnw4iHj0&feature=share subito individuata e informata di dover cambiare mansione.

Certo ogni volta che c’è una visita alla Fiat di Melfi, tutto è preparato, pianificato.

Tutto deve apparire bello, pulito e molti sono i lavoratori che vengono preparati per l’eventuale evento.

Una operaia raccontava che durante la visita di Renzi non si poteva andare al bagno perché dovevano rimanere puliti e la pausa è stata concessa dopo ore e dopo che il capo del PD è andato via.

Ma è altrettanto vero che tantissimi operai vogliono apparire in prima fila, nelle sfilate dei visitatori di turno che “contano”, magari facendosi immortalare, salvo poi il giorno dopo continuare a lamentarsi per le cose che non vanno!

E’ una questione che deve fare riflettere, che deve essere tenuta presente e che non può essere nascosta.

Agli operai forse non è ancora chiaro che con il lamento non si va da nessuna parte, si fanno passi indietro mentre il padrone avanza nei suoi obbiettivi.

Un operaio della Fiat di Melfi

 

Redazione di Operai Contro
Nascondere la verità non è la strada per cambiare lo stato attuale delle cose, ma quale è la verità? Quella costruita appositamente della classe dominante per dimostrare che anche le ultime ruote del carro (gli operai) in fondo in fondo nella crisi abbracciano il padrone e i loro rappresentanti del governo?
Sottostare ad un ricatto non vuole dire collaborare con il ricattatore.
Quello che costantemente ci viene propinato sulla stampa e sui media è tutta propaganda al servizio dei padroni.
Sostenere che gli operai della fiat abbracciano Renzi e Marchionne, solo perché youtube e alcuni programmi televisivi ci mostrano operai entusiasti che si fanno fotografare con il capo del governo e con il capo della fiat, è solo una campagna mediatica orchestrata ad uso e consumo dei padroni, che vogliono dimostrare come gli operai siano ormai parte integrante e felice del sistema che li sfrutta.
Tutte balle!
Mussolini lo face già nel 1932, ed a dimostrazione che è solo mera propaganda, su youtube qualche cameriere dei padroni ha pubblicato il filmato della visita. Viceversa, sempre su youtube, non c’è nessuna traccia degli scioperi del marzo 1944.
Anche allora si poteva fare la stessa equazione, gli operai stanno con Mussolini e appoggiano il fascismo.
La dimostrazione che fu solo ed esclusivamente una campagna propagandistica ad uso e consumo dei padroni , fu nel fatto che gli stessi operai della fiat, sotto una terribile dittatura e con una guerra che gravava sulle loro spalle, scioperarono per i loro salari e per migliori condizioni di vita e contro la fine della guerra, ponendo di fatto i prodromi della caduta del fascismo.
Perciò conviene opporre alla propaganda alla stampa completamente asservita una propaganda operaia basata sulla realtà.
E qui sta la nostra capacità di dimostrare che esistono momenti di contrasto di ribellione anche individuale, che possono essere il preludio di lotte di ben altra portata.
Prima dello sciopero di 21 giorni Melfi non esisteva, poi si impose sulla scena operaia con forza!
Se abbiamo un compito come partito degli operai è scoprire dove e come serpeggia il malcontento e lavorare perché emerga ancora di nuovo e con più determinazione.
L’esercito operaio e lì, oggettivo, disperso, individualizzato, influenzato da mille opportunismi individuali, ma è li, oggettivo.
D.C. operaio di Milano
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.