L’AQUILA: ORA ARRIVA IL GANGSTER

Redazione di operai contro, dopo sei anni l’Aquila è ancora a terra. I 309 morti sono colpa del Sig Terremoto Assolti da una solerte magistratura, esperti, politici e amministratori Dopo il puttaniere Berlusconi ora arriva il compare: il gangster Renzi. «L’Aquila, sei anni dopo. Innanzitutto un pensiero alle 309 vittime, alla loro memoria, ai loro cari. Il compito della Politica però non è solo la giusta e dovuta commemorazione ma dare risposte a lungo attese». Così Matteo Renzi, su Facebook, per il quale «dopo troppe promesse, siamo finalmente passati all’azione. I soldi adesso ci sono». Il premier ha assicurato […]
Condividi:

Redazione di operai contro,

dopo sei anni l’Aquila è ancora a terra.

I 309 morti sono colpa del Sig Terremoto

Assolti da una solerte magistratura, esperti, politici e amministratori

Dopo il puttaniere Berlusconi ora arriva il compare: il gangster Renzi.

«L’Aquila, sei anni dopo. Innanzitutto un pensiero alle 309 vittime, alla loro memoria, ai loro cari. Il compito della Politica però non è solo la giusta e dovuta commemorazione ma dare risposte a lungo attese». Così Matteo Renzi, su Facebook, per il quale «dopo troppe promesse, siamo finalmente passati all’azione. I soldi adesso ci sono». Il premier ha assicurato di fare tutto ciò che è possibile perché l’Aquila torni a vivere. Dopo «troppe promesse» ha scritto Renzi – «siamo finalmente passati all’azione. I soldi adesso ci sono: spenderli bene è un dovere in memoria di chi è morto, ma anche come segno di rispetto per i sopravvissuti che vogliono ancora credere nella cosa pubblica».

Gli abitanti dell’Aquila dovrebbero brindare alle promesse fatte dal gangster

 

Renzi promette miliardi, ma nel 2015 non è arrivato un euro

 

Un Aquilano

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.