LA STRAGE DI OPERAI

Redazione di Operai Contro, C’è una strage silenziosa, inarrestabile e in atto. Un’ombra perennemente in agguato. Nei cantieri, nelle fabbriche, nei campi. Un’ombra che il discorso pubblico cerca di definire con una formula neutra: “Morti bianche”. Nome che chiama in causa qualcosa che di neutro non ha nulla. Perché i 117 morti sui luoghi di lavoro nei primi tre mesi del 2015 sono stati assassinati dai padroni per i loro profitti E’ una guerra. I morti e feriti sono solo dalla parte degli operai. .Numeri che aumentano ora dopo ora: sette persone sono decedute solo nella giornata del primo […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

C’è una strage silenziosa, inarrestabile e in atto.

Un’ombra perennemente in agguato.

Nei cantieri, nelle fabbriche, nei campi.

Un’ombra che il discorso pubblico cerca di definire con una formula neutra: “Morti bianche”.

Nome che chiama in causa qualcosa che di neutro non ha nulla.

Perché i 117 morti sui luoghi di lavoro nei primi tre mesi del 2015 sono stati assassinati dai padroni per i loro profitti

E’ una guerra. I morti e feriti sono solo dalla parte degli operai.

.Numeri che aumentano ora dopo ora: sette persone sono decedute solo nella giornata del primo aprile. E a oggi, 2 aprile, i caduti di questa guerra silenziosa sono già saliti a 129.

Morti lavorando: otto in Piemonte, quindici in Lombardia, dieci in Emilia Romagna. Dieci anche in Campania, tredici in Toscana.

Non uno dei padroni assassini è stato incriminato.

Nei primi tre mesi dello scorso anno erano 116.

E’ una guerra.

“Il 20% delle vittime attiene al settore dell’edilizia”. La causa: quelle maledette cadute dall’alto. Nell’industria i morti sono il 7,6% sul totale. Nell’autotrasporto il 5,9%.

Sono diciannove le vittime nelle campagne.

Quindici dei quali sono stati schiacciati da un trattore.

Dal 28 febbraio al 31 dicembre 2014 sono morte schiacciate dalle ruote di un trattore 142 persone.

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.