GIORNALISMO SPAZZATURA

Redazione di Operai Contro, I giornalisti sono dei servi ben pagati dei padroni Chi si ribella ai padroni viene etichettato come terrorista Fino a ieri tutti i giornali strombazzavano: Tikrit è caduta. I gloriosi guerriglieri Kurdi, l’esercito Iraniano, l’esercito del fantoccio di Bagdad, le milizie sciite, i volontari nazisti raccolti dagli USA, i bombardamenti USA e del dittatore Siriano Assad hanno sconfitto l’ISIS. I bombardamenti USA hanno massacrato centinaia di donne e bambini di TIkrit Per i nostri giornalisti non erano altro che terroristi Insomma la feccia dei padroni ha vinto Oggi devono tornare indietro Vi riporto il comunicato […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

I giornalisti sono dei servi ben pagati dei padroni

Chi si ribella ai padroni viene etichettato come terrorista

Fino a ieri tutti i giornali strombazzavano: Tikrit è caduta. I gloriosi guerriglieri Kurdi, l’esercito Iraniano, l’esercito del fantoccio di Bagdad, le milizie sciite, i volontari nazisti raccolti dagli USA, i bombardamenti USA e del dittatore Siriano Assad hanno sconfitto l’ISIS.

I bombardamenti USA hanno massacrato centinaia di donne e bambini di TIkrit

Per i nostri giornalisti non erano altro che terroristi

Insomma la feccia dei padroni ha vinto

Oggi devono tornare indietro

Vi riporto il comunicato dell’ANSA

” Le truppe irachene e le milizie di volontari sciiti hanno sospeso l’offensiva a Tikrit, che durava da oltre due settimane, lasciando per il momento il centro della citta’ nelle mani dell’Isis. Lo ha reso noto il ministro dell’Interno, Mohammed Salem al Ghabban, in una dichiarazione trasmessa dalla televisione panaraba Al Jazira. Al Ghabban ha affermato che, comunque, le forze lealiste si sono impossessate di “zone chiave” della città e che “solo una piccola parte, nel centro”, rimane sotto il controllo dello Stato islamico. Nei giorni scorsi l’offensiva era stata rallentata in particolare dalle cariche esplosive lasciate dall’Isis lungo le strade e dagli attentati con le autobomba. Altre offensive per riprendere Tikrit, città natale di Saddam Hussein, 130 chilometri a Nord di Baghdad, erano già fallite a partire dal giugno dell’anno scorso, quando era stata catturata dall’Isis.”

Adriano Sofri non potrà farci il resoconto della gloriosa vittoria dei fantocci USA

Un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.