GLI SCHIAVI SALARIATI PRODUCONO LA RICCHEZZA DEL PAESE CHE I PADRONI DISTRIBUISCONO:

Redazione di Operai Contro, Reddito dei servi della sovrastruttura Servi funzionali ai padroni Schiavi salariati (mese) Guidi 278.000 euro Marchionne 31 milioni di euro Carlo 30 anni da metalmec. 1200 Padoan 213.000 euro Raffaele Bonanni ex CISL 8.593 euro al mese Maria chimica 1200 Poletti 185.000 euro Angeletti, ex UIL segreto sulla pensione Filippo edile 1200 Lupi 181.000 euro Camusso, stipendio 3.800 euro al mese Anna cuoca 1000 Galletti 171.000 euro Capo di stato maggiore della difesa 482.019 anno Paolo CIG circa 700 Franceschini 156.000 euro Alessandro Pansa capo della polizia 301.344 anno Ugo mobilità 700 Gentiloni 109.600 euro […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

Reddito dei servi della sovrastruttura Servi funzionali ai padroni Schiavi salariati (mese)

Guidi 278.000 euro Marchionne 31 milioni di euro Carlo 30 anni da metalmec. 1200

Padoan 213.000 euro Raffaele Bonanni ex CISL 8.593 euro al mese Maria chimica 1200

Poletti 185.000 euro Angeletti, ex UIL segreto sulla pensione Filippo edile 1200

Lupi 181.000 euro Camusso, stipendio 3.800 euro al mese Anna cuoca 1000

Galletti 171.000 euro Capo di stato maggiore della difesa 482.019 anno Paolo CIG circa 700

Franceschini 156.000 euro Alessandro Pansa capo della polizia 301.344 anno Ugo mobilità 700

Gentiloni 109.600 euro Ammiragli 22.705 al mese Antonio giovane metalmec. circa 900

Orlando 123.300 euro Carabiniere da 1300 a 1500 Rita chimica precari 800

Martina 111.000 euro Poliziotto da 1300 a 1500 Yuri immigrato edile 700

GIANNINI 108.300 FRANCO disoccupato 000 Pinotti 99.200 Giulia disoccupata 000 RENZI 98. 961 Paola pensionata 282 Lorenzin 98.400 Dario pensionato 680 Alfano 98.000 Boschi 94.488 Madia 94. 471 Operai: più o meno questa è la realtà della società capitalista che si basa sulla schiavitù del lavoro salariale, ci saranno politicanti e manager che guadagnano di più, una cosa è certa: i salari degli schiavi sono quelli riportati nella colonna di dx. Operai, siamo noi che produciamo la ricchezza del paese e quando alla TV parlano di PIL fanno vedere gli operai che lavorano nelle fabbriche; con gli altri paesi scambiamo merci da noi prodotte e non scambiamo politicanti o servi funzionali alla dittatura economica capitalista. Con la crisi del sistema capitalista la merce forza lavoro vale sempre meno: licenziamenti di massa, ritmi nelle fabbriche che diventano sempre più insostenibili, i giovani sono precari e disoccupati, i padroni ci stanno rendendo la vita un inferno e se lottiamo contro i licenziamenti o contro gli sfratti e difendiamo il territorio, veniamo massacrati di botte, denunciati e condannati ad anni di galera da una magistratura che assolve i padroni per le tantissime morti sul lavoro e per il lavoro ( le chiamano morti bianche cioè nessun colpevole). I padroni fanno la bella vita: ville con piscine olimpioniche, maneggio per i cavalli, centinaia di ettari di terreno, aerei, elicotteri personali, yacht che sembrano delle navi, macchine di tutti i tipi. I padroni per perpetrare il loro dominio e garantirsi questi privilegi foraggiano una sovrastruttura asservita di dx e di SX, hanno fatto una costituzione a loro immagine e somiglianza, la democrazia dei padroni prevede che ogni 5 anni possiamo scegliere il tiranno che ci governerà per i prossimi 5 anni, gli schiavi non vanno a votare ma loro governano anche solo con 1%. Nelle fabbriche si avvalgono della collaborazione di sindacati asserviti che firmano accordi anche se gli operai non sono d’accordo Operai, i padroni e i loro servi non sono invincibili, la loro forza deriva dal fatto che noi siamo divisi e che ognuno di noi pensa di cavarsela da solo o affida la difesa dei propri interessi ai servi. Operai organizziamoci in modo indipendente costruiamo il PARTITO OPERAIO, PRENDIAMO IN MANO IL NOSTRO DESTINO, SI PUO’ E SI DEVE FARE, PER NOI I NOSTRI FIGLI LE NUOVE GENERAZIONI

A.L.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.