PADRONI ASSASSINI

Redazione di Operai Contro, i padroni sono degli assassini. Oltre trecento migranti sono stati seppelliti vivi nel Mediterraneo Cosa hanno da indignarsi i padroni della ferocia dell’ISIS? I padroni sono mille volte più feroci Noi migranti non dimenticheremo e la nostra vendetta sarà terribile I padroni e i politici non ci sfuggiranno Un senegalese dal Fatto quotidiano Altri morti nel Canale di Sicilia. E questa volta i migranti che non sono riusciti a raggiungere le coste europee potrebbero essere oltre 330: si tratta della tragedia più grave – almeno tra quelle di cui si ha notizia – dopo la strage del […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

i padroni sono degli assassini.

Oltre trecento migranti sono stati seppelliti vivi nel Mediterraneo

Cosa hanno da indignarsi i padroni della ferocia dell’ISIS?

I padroni sono mille volte più feroci

Noi migranti non dimenticheremo e la nostra vendetta sarà terribile

I padroni e i politici non ci sfuggiranno

Un senegalese

dal Fatto quotidiano

Altri morti nel Canale di Sicilia. E questa volta i migranti che non sono riusciti a raggiungere le coste europee potrebbero essere oltre 330: si tratta della tragedia più grave – almeno tra quelle di cui si ha notizia – dopo la strage del 3 ottobre 2013 in cui morirono 366 persone più altre 20 che ufficialmente risultano ancora disperse. La conferma arriva da Carlotta Sami, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (l’Unhcr), che ha raccolto le testimonianze dei 9 naufraghi soccorsi da un rimorchiatore a oltre cento miglia da Lampedusa e che ora si trovano sull’isola. Quindi non c’era solo il gommone con i 29 profughi poi morti assiderati (e 76 superstiti), ma ce n’erano come minimo altri due sui quali viaggiavano oltre 210 persone. “Uno dei due è affondato e l’altro si è sgonfiato davanti provocando il panico a bordo”, hanno spiegato i superstiti. Non solo: in mattinata Sami ha riferito che secondo alcuni superstiti c’era una quarta imbarcazione, con a bordo almeno altri 100 migranti, che secondo uno dei naufraghi è stata travolta dalle onde. “Questo però – ha detto a LaPresse – lo stiamo verificando”. “Le vittime potrebbero essere anche 300“, ha riferito all’agenzia Reuters Barbara Molinari dell’Unhcr. Numero confermato anche dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, secondo cui su un totale di 420 persone partite – compresi i 29 morti assiderati – le vittime sarebbero circa 330. Lo ha detto Flavio Di Giacomo, portavoce in Italia dell’Oim.

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.