La giustizia di Renzi

Spettabile Redazione, la cronaca giudiziaria di “Mafia Capitale” a Roma, degnamente fiancheggiata dalle cupole mafiose dell’Expo e del Mose che fanno capo rispettivamente a Milano e Venezia, formano un tridente dominato dalla delinquenza politica. Matteo Renzi ignora tutto questo e al raduno dei giovani democratici a Roma, dichiara: “Non lasceremo Roma in mano ai ladri”. Renzi parla come si trattasse di ladri di polli, e non di un sistema in cui la stessa delinquenza e corruzione della politica bipartisan, sono e rappresentano la corruzione e la delinquenza al potere. Con ruoli di primo piano fino ad occupare i massimi […]
Condividi:

Spettabile Redazione,

la cronaca giudiziaria di “Mafia Capitale” a Roma, degnamente fiancheggiata dalle cupole mafiose dell’Expo e del Mose che fanno capo rispettivamente a Milano e Venezia, formano un tridente dominato dalla delinquenza politica.

Matteo Renzi ignora tutto questo e al raduno dei giovani democratici a Roma, dichiara: “Non lasceremo Roma in mano ai ladri”. Renzi parla come si trattasse di ladri di polli, e non di un sistema in cui la stessa delinquenza e corruzione della politica bipartisan, sono e rappresentano la corruzione e la delinquenza al potere. Con ruoli di primo piano fino ad occupare i massimi ruoli delle istituzioni e della cupola. A Renzi non manca il coraggio di spararle grosse, in questo non è secondo ai suoi predecessori a capo del governo. Ecco un esempio dal suo campionario: “Non lasceremo Roma in mano ai ladri. La capitale è troppo bella per lasciarla in mano a della gentaccia. Camminate a testa alta perché questo è il tempo della giustizia”.

La criminalità politica al potere è la giustizia che intende Renzi.

Saluti da un affezionato lettore.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.