Un Altro Operaio Caduto sul Colpo (fine dei giochi di parole).

Un Altro Caduto sul colpo nella vera guerra quotidiana che affrontano gli operai in tutto il mondo. Una Guerra non dichiarata ma effettiva che distrugge nel silenzio del loro carrozzone economico, sociale e politico le nostre vite.E rimarra’ Guerra sotterranea, nella crisi del loro sistema, fino a che, organizzati gli operai in prima persona non decideremo di portare un nuovo Conflitto e Lotta a tutte le classi che ci sfruttano.Dobbiamo anche aver chiaro che abbiamo contro una massa di sfruttatori di stato e privati che con le loro leggi e le loro analisi (estreme o moderate comunque sempre senza […]
Condividi:
Un Altro Caduto sul colpo nella vera guerra quotidiana che affrontano gli operai in tutto il mondo. Una Guerra non dichiarata ma effettiva che distrugge nel silenzio del loro carrozzone economico, sociale e politico le nostre vite.E rimarra’ Guerra sotterranea, nella crisi del loro sistema, fino a che, organizzati gli operai in prima persona non decideremo di portare un nuovo Conflitto e Lotta a tutte le classi che ci sfruttano.Dobbiamo anche aver chiaro che abbiamo contro una massa di sfruttatori di stato e privati che con le loro leggi e le loro analisi (estreme o moderate comunque sempre senza vivere le nostre condizioni da schiavi salariati ) si propongono come nostri tutori.

E sono tanti e hanno soldi accumulati con i loro servizi venduti al capitale. Tra i peggiori venduti fino al midollo ci sono questi analisti ideologici che ci tengono a freno (sindacalisti e politici) sotto controllo, e infine ci tradiscono per mantenere i loro piccoli o grandi privilegi. Tra i peggiori . . . come chi si rinchiude in bunker telematici non affrontando la realta e dando la linea agli operai, impedendo agli stessi di sviluppare il proprio pensiero e organizzazione indipendente dai borghesi !

In un terreno cosi’ dissestato noi operai non possiamo fidarci di nessuno nella crisi perche’ tutto diventa funzionale a salvare il sistema che presuppone lo schiavo per produrre il profitto e chi lo detiene lo ripartisce coi suoi servi. Dunque non rimane che iniziare un processo di unificazione tra noi operai in tutto il mondo, in ogni paese, per buttarli tutti giu’, piu’ che necessario, direi che e’ urgente.

Francesco & Hana 7 marzo 2014
…………………………………………………………………………………………

http://quotidianoitalia.it/incidente-sul-lavoro-presso-lo-stabilimento-indesit-di-teverola-morto-56enne/

TEVEROLA- I Carabinieri della locale stazione sono intervenuti, congiuntamente a personale medico del servizio 118 e personale della Asl dipartimento di prevenzione servizio spsal di Caserta, presso lo stabilimento Indesit, sito in zona asi, dove, poco prima, un cinquantaseienne di San Marco Evangelista (CE), titolare di una ditta di montaggio prefabbricati ed edilizia industriale era deceduto a causa di un incidente sul lavoro.  Nella circostanza si è accertato che la vittima, mentre si trovava su una scala con l’intento di eseguire dei lavori di smontaggio di un impalcatura installata presso la centrale termoelettrica dismessa, già in uso al predetto stabilimento, per cause in corso di accertamento è svivolato cadendo al suolo da un’altezza di circa otto metri. Immediatamente soccorso da personale medico, l’uomo è deceduto poco dopo a seguito delle gravi lesioni riportate. La morte è stata constatata da personale medico del 118. La salma è stata trasportata presso l’Istituto di medicina legale del policlinico di Caserta per il successivo esame autoptico, così come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria. I rilievi del caso sono ostati eseguiti dai Carabinieri della sezione operativa del Reparto Territoriale di Aversa. – See more at: http://quotidianoitalia.it/incidente-sul-lavoro-presso-lo-stabilimento-indesit-di-teverola-morto-56enne/#sthash.PJM4V0zs.dpuf
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.