UCRAINA: COME INIZIANO LE RIVOLUZIONI

Redazione di Operai Contro, la protesta in Ucraina è pericolosa,non solo per il burattino di Putin, ma per tutte la borghesia . Il popolo Ucraino con la sua protesta dimostra che è possibile combattere contro la polizia al servizio del potere. Il popolo Ucraino  non ha paura della morte, non ha niente da perdere oltre la miseria e le catene. Ora i cretinetti della sinistra Italiana diranno che la protesta è sovvenzionata dai borghesi occidentali. Qualche cretinetto dirà che gli Ucraini non rispettano tutti i dogmi della sinistra. Ora i cretinetti della destra italiana diranno che il popolo Ucraino […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

la protesta in Ucraina è pericolosa,non solo per il burattino di Putin, ma per tutte la borghesia .

Il popolo Ucraino con la sua protesta dimostra che è possibile combattere contro la polizia al servizio del potere.

Il popolo Ucraino  non ha paura della morte, non ha niente da perdere oltre la miseria e le catene.

Ora i cretinetti della sinistra Italiana diranno che la protesta è sovvenzionata dai borghesi occidentali.

Qualche cretinetto dirà che gli Ucraini non rispettano tutti i dogmi della sinistra.

Ora i cretinetti della destra italiana diranno che il popolo Ucraino è contro il comunismo

Il popolo Ucraino se ne fotte dei cretinetti

Tremino i padroni gli ucraini dimostrano con i fatti cosa vuol dire protestare

Si rinfiamma la protesta in Ucraina e le strade del centro di Kiev tornano a macchiarsi di sangue. Sono 25 le persone che hanno perso la vita negli scontri tra polizia e manifestanti scoppiati a Kiev nella mattina di ieri, secondo il bilancio ufficiale del governo ucraino, secondo il quale ci sono 241 feriti ricoverati in ospedale, tra cui 79 poliziotti e 5 giornalisti. Oggi a Kiev metropolitana e scuole chiuse.

Tra le vittime, in base a questo bilancio, ci sarebbero sette agenti e 13 civili, ma il numero delle vittime potrebbe essere destinato a salire ulteriormente. Dopo una giornata tesissima infatti, segnata da una serie di raid di gruppi di dimostranti, centinaia di poliziotti in assetto antisommossa hanno assaltato in serata Maidan Nezalezhnosti, la piazza Indipendenza da tre mesi cuore della rivolta antigovernativa.

L’opposizione ha “oltrepassato i limiti” sperando di arrivare al potere grazie alla strada, e i responsabili saranno giudicati” ha detto il presidente ucraino Viktor Ianukovich. “I leader dell’ opposizione non hanno considerato il principio democratico secondo cui si ottiene il potere con le elezioni (ndr sembra di sentir parlare i gangster italiani) e non nella strada – ha detto Ianukovich in un messaggio alla nazione pronunciato mentre l’ assalto ai manifestanti in piazza era ancora in corso -. Hanno passato i limiti chiamando la gente a prendere le armi. C’è una eclatante violazione della legge – ha aggiunto – e i colpevoli compariranno davanti alla giustizia”.

Nel pomeriggio, le autorità avevano lanciato un ultimatum ai dimostranti per sgomberare Maidan entro due ore (alle 18, le 17 in Italia). La polizia ha atteso due ore in più, poi, alle otto di sera in punto, è entrata in azione premendo su due lati della piazza. Gli agenti delle forze speciali ‘Berkut’ sono tanti e ben equipaggiati, ma devono vedersela con migliaia e migliaia di dimostranti, alcuni dei quali armati di spranghe, qualcuno anche di pistole. Alle granate lacrimogene della polizia i manifestanti rispondono con pietre, molotov e fuochi d’artificio, mentre centinaia di pneumatici vengono bruciati per creare una cortina di fuoco e fumo che freni l’attacco degli agenti.

Tra i morti negli scontri si contano sette poliziotti – alcuni dei quali uccisi da colpi d’arma da fuoco denuncia il ministero dell’Interno – e almeno un militante del partito delle Regioni del presidente Viktor Ianukovich, una cui sede è stata presa d’assalto da manipoli di oppositori estremisti. Non meno di 12 delle altre 13 persone decedute dovrebbero invece essere manifestanti antigovernativi.

Le violenze sono scoppiate ieri mattina, quando un cordone di agenti ha impedito a un corteo di migliaia di dimostranti di avvicinarsi al parlamento, dove si sarebbe dovuta discutere una riforma costituzionale chiesta dall’opposizione per ridurre i poteri del presidente. Non è chiaro chi abbia iniziato gli scontri. Fatto sta che i combattimenti si sono presto propagati in altri punti del centro di Kiev. Quelli più violenti sono avvenuti proprio davanti al parlamento.

Nelle violenze si registrano circa 180 agenti feriti, 157 dei quali ricoverati in ospedale. I feriti tra i manifestanti, invece, secondo l’opposizione sono più di 150. In serata, poco prima dell’attacco della polizia a Maidan, un gruppetto di insorti ha occupato nuovamente il municipio di Kiev, sgomberato domenica scorsa dai dimostranti per permettere l’entrata in vigore di un’amnistia.

Un lettore

SI RINFIAMMA L'UCRAINA, ASSALTI E SCONTRI. ALMENO TRE MORTI

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.