Espulsioni dietro la commedia renziana

Egregio Direttore Mentre Renzi fa la prima donna, la Bossi – Fini è più che mai operante. Tra i commedianti di Palazzo nessuno se ne indigna. I nostri governanti angosciati dalle sofferenze degli immigrati che per protesta si sono cuciti la bocca, hanno pensato bene come gesto umanitario di rimandarli tutti al loro paese. Un grande gesto umanitario e di solidarietà! Allego una nota da ” La Stampa “. Rimpatrio forzato. Piangono, provano ad opporsi, devono partire. Ieri mattina alle dieci la polizia ha incominciato a rimpatriare gli immigrati del Cie di Ponte Galeria, che nei giorni scorsi avevano […]
Condividi:

Egregio Direttore

Mentre Renzi fa la prima donna, la Bossi – Fini è più che mai operante. Tra i commedianti di Palazzo nessuno se ne indigna.

I nostri governanti angosciati dalle sofferenze degli immigrati che per protesta si sono cuciti la bocca, hanno pensato bene come gesto umanitario di rimandarli tutti al loro paese. Un grande gesto umanitario e di solidarietà!

Allego una nota da ” La Stampa “.

Rimpatrio forzato. Piangono, provano ad opporsi, devono partire.

Ieri mattina alle dieci la polizia ha incominciato a rimpatriare gli immigrati del Cie di Ponte Galeria, che nei giorni scorsi avevano protestato cucendosi la bocca.

Erano sbarcati a Lampedusa il 10 ottobre. Lavoravano in Libia, hanno subito torture. Cercavano una nuova vita qui. Anche se non hanno mai commesso reati, secondo la legge Bossi Fini sono clandestini. Vengono rimpatriati senza aver mai vissuto un giorno da uomini liberi in Italia. Avevano scritto un appello al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per chiedere clemenza. Oggi, dopo quasi quattro mesi al Cie, la fine di ogni speranza.

Saluti da Torino

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.