Lotta contro i migranti – I britannici sperano appoggio dai tedeschi

RASSEGNA STAMPA Die Welt        131129 Lotta contro i migranti – I britannici sperano appoggio dai tedeschi –  Dal 1° gennaio 2014 cadono le limitazioni alla libera circolazione di cittadini rumeni e bulgari in nove paesi UE, tra i quali la Germania. Nell’accordo per la formazione della nuova Grosse Koalition Union-SPD sulla libera circolazione di merci e persone nella UE, si dice. –  “Vogliamo mantenere l’accettazione per la libertà di circolazione nella UE. Per questo contrasteremo l’utilizzo abusivo di prestazioni sociali. … Vogliamo far sì che con modifiche nella legislazione nazionale e del diritto europeo vengano ridotti gli incentivi per […]
Condividi:

RASSEGNA STAMPA

Die Welt        131129

Lotta contro i migranti – I britannici sperano appoggio dai tedeschi

–  Dal 1° gennaio 2014 cadono le limitazioni alla libera circolazione di cittadini rumeni e bulgari in nove paesi UE, tra i quali la Germania. Nell’accordo per la formazione della nuova Grosse Koalition Union-SPD sulla libera circolazione di merci e persone nella UE, si dice.

–  “Vogliamo mantenere l’accettazione per la libertà di circolazione nella UE. Per questo contrasteremo l’utilizzo abusivo di prestazioni sociali. … Vogliamo far sì che con modifiche nella legislazione nazionale e del diritto europeo vengano ridotti gli incentivi per la migrazioni nel sistema di sicurezza sociale.”

–  Il primo ministro britannico, Cameron, vuole limitare la libertà di circolazione per i cittadini UE (rumeni e bulgari), e per questo conta sull’appoggio di Germania, Austria e Olanda.

–  Cameron in un’intervista al Financial Times che ha dichiarato intende espellere i cittadini UE che chiedono l’elemosina o dormono all’aperto, e riammetterli solo un anno dopo.

–  Inoltre gli immigrati dai paesi UE dovrebbero aver diritto dopo tre mesi a prestazioni sociali ma solo per 6 mesi, se non hanno in vista un lavoro.

Spiegel, 5.12.’13

La Ue riduce la libertà di circolazione per i cittadini dei paesi balcanici

–  Bruxelles appoggia la richiesta di diversi paesi UE, tra cui Germania e Francia, di limitazione della libertà di circolazione per i nuovi cittadini comunitari dei Balcani, varando una clausola d’emergenza, a seguito   dell’aumento di richiedenti asilo da Serbia, Bosnia-Herzegovina e Montenegro:

–  I paesi UE possono sospendere per un tempo limitato (sei mesi) la libertà di circolazione senza visti per i cittadini non comunitari di determinati paesi, “in caso di un improvviso e sostanziale aumento del numero di immigrati illegali o di richiedenti asilo ingiustificati” (cioè quelli dei paesi balcanici).

 Molti dei richiedenti asilo sono rom, e lo chiedono per motivi economici, non politici; le autorità tedesche respingono la maggior parte di queste richieste.

–  Le amministrazioni comunali tedesche lamentano il continuo aumento dei migranti da Romania e Bulgaria che chiedono in Germania prestazioni sociali.

Nel dibattito sulle migrazioni per povertà, il ministro Interni, CSU, Hans-Peter Friedrich, si è detto insoddisfatto del rapporto della Commissione UE sul tema e ha chiesto che essa appoggi la posizione tedesca, avvertendo che in caso contrario ogni paese se la risolverà da solo.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.