I SINDACALISTI VENDUTI HANNO PAURA, ANDIAMO AVANTI

Redazione di Operai Contro,  E’ forte l’accusa del sindacato guidato da Susanna Camusso: “In queste ore, si è tentato di ostacolare l’esercizio dell’attività sindacale( quale attività di leccare il culo a Renzi e letta?), con gravi minacce, lancio di oggetti e qualche caso di tentativo di irruzione nelle Camere del Lavoro”. Per questo viene annunciato “il rafforzamento dei presidi nelle sedi sindacali”. In ogni capoluogo verrà avanzata agli organismi preposti alla sicurezza e all’ordine pubblico, la richiesta di porre “la massima attenzione a prevenire le possibili tensioni che possano ingenerare manifestazioni facinorose e squadriste e a reprimere ogni tentativo violento di intimidire […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

 E’ forte l’accusa del sindacato guidato da Susanna Camusso:

“In queste ore, si è tentato di ostacolare l’esercizio dell’attività sindacale( quale attività di leccare il culo a Renzi e letta?), con gravi minacce, lancio di oggetti e qualche caso di tentativo di irruzione nelle Camere del Lavoro”. Per questo viene annunciato “il rafforzamento dei presidi nelle sedi sindacali”. In ogni capoluogo verrà avanzata agli organismi preposti alla sicurezza e all’ordine pubblico, la richiesta di porre “la massima attenzione a prevenire le possibili tensioni che possano ingenerare manifestazioni facinorose e squadriste e a reprimere ogni tentativo violento di intimidire aziende, lavoratori o loro rappresentanti sindacali”.

“Si stanno verificando azioni intimidatorie e provocatorie, anche violente, in molte aree del Paese – si legge in comunicato del sindacato -. Solo a titolo di esempio gravi fatti sono accaduti ad Andria, Barletta, Cerignola, Biella e Savona, dove non solo è stato impedito lo svolgimento delle attività lavorative, ma si anche tentato di ostacolare l’esercizio dell’attività sindacale”. Nelle rivendicazioni di chi manifesta la Cgil vede “il sintomo del disagio diffuso che si è approfondito in una delle più lunghe crisi della storia e che per giunta non è stata contrastata adeguatamente”. Ma invita tutti a non sottovalutare “le pericolose tentazioni autoritarie che si sentono invocare nelle piazze“. “Fa un grave errore – sostiene la Cgil – chi pensa di cavalcare questa protesta per delegittimare ulteriormente la politica e le istituzioni, come sbagliato e foriero di possibili gravi conseguenze è la continua delegittimazione che trasversalmente una parte del sistema politico sta compiendo nei confronti delle associazioni di rappresentanza sociale e del sindacato in particolare, indicate, a torto e strumentalmente, come i soggetti responsabili dell’attuale situazione e quindi da cambiare, cancellare o annullare”.

I sindacalisti venduti hanno paura. La protesta non organizza più processioni. Camusso chiama in aiuto la polizia dello stato dei padroni. I sindacalisti venduti temono di perdere la poltrona e i guadagni che fanno con il sangue degli operai

Un operaio della FIOM di Torino

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.