Archive for Novembre, 2013

  • Redazione di Operai contro, fra 200 giorni dovrà accogliere la partita inaugurale dei Mondiali di calcio 2014 in Brasile. Ma questa mattina parte della struttura metallica che copre lo stadio Itaquerao, a San Paolo, è crollata, uccidendo due operai. E alimentando, così, i timori sullo stato di sicurezza degli impianti che dal prossimo 12 giugno ospiteranno le gare del torneo. Secondo i vigili del fuoco altre due persone sarebbero ancora sepolte sotto le macerie, a riferirlo è un funzionario, Mauro Lopes. Ma il bilancio sarebbe potuto essere più grave se l’incidente non fosse avvenuto durante la pausa pranzo. “Sono passato in basso alla struttura per andare […] 0

    Mondiali in Brasile 2014, crolla lo stadio della partita inaugurale. Due operai morti

    Redazione di Operai contro, fra 200 giorni dovrà accogliere la partita inaugurale dei Mondiali di calcio 2014 in Brasile. Ma questa mattina parte della struttura metallica che copre lo stadio Itaquerao, a San Paolo, è crollata, uccidendo due operai. E alimentando, così, i timori sullo stato di sicurezza degli impianti che dal prossimo 12 giugno ospiteranno le gare del torneo. Secondo i vigili del fuoco altre due persone sarebbero ancora sepolte sotto le macerie, a riferirlo è un funzionario, Mauro Lopes. Ma il bilancio sarebbe potuto essere più grave se l’incidente non fosse avvenuto durante la pausa pranzo. “Sono passato in basso alla struttura per andare […]

    Continue Reading

  • RASSEGNA STAMPA Workers World   130924 I lavoratori di Amazon scioperano  in Germania John Catalinotto + The Guardian, 25.11.2013 + La Repubblica, 25.11.2013 + Die Welt, 26.11.2013 –  I magazzini tedeschi di Amazon sono – con 9 000 dipendenti e il 14% del fatturato totale – la maggiore filiale all’estero del gigantesco magazzino internet americano che negli Usa ha 90 000 salariati; la sede centrale e a Seattle. Il maggiore in Germania è quello di di Bad Hersfeld (Assia), 3500 dipendenti, e di Lipsia. –  In Germania ci sono altri 8 centri Amazon, dove sono maggiori i lavoratori temporanei, e quindi più […] 0

    I lavoratori di Amazon scioperano in Germania

    RASSEGNA STAMPA Workers World   130924 I lavoratori di Amazon scioperano  in Germania John Catalinotto + The Guardian, 25.11.2013 + La Repubblica, 25.11.2013 + Die Welt, 26.11.2013 –  I magazzini tedeschi di Amazon sono – con 9 000 dipendenti e il 14% del fatturato totale – la maggiore filiale all’estero del gigantesco magazzino internet americano che negli Usa ha 90 000 salariati; la sede centrale e a Seattle. Il maggiore in Germania è quello di di Bad Hersfeld (Assia), 3500 dipendenti, e di Lipsia. –  In Germania ci sono altri 8 centri Amazon, dove sono maggiori i lavoratori temporanei, e quindi più […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Non si ferma la protesta dei manovali albanesi che non vengono pagati da mesi Nonostante le promesse, sono ancora in cima alla gru. Si annuncia un’altra notte al freddo per i cinque operai del cantiere di via Cigna che hanno scalato la gru per chiedere il pagamento degli stipendi degli ultimi mesi. «Siamo stanchi di questi criminali che non vogliono pagarci – dicono -. Facciamo appello al sindaco Fassino e a tutti i cittadini a cui chiediamo la solidarietà e il loro sostegno. Anche se siamo stranieri, Torino è la nostra città e abbiamo tutti […] 0

    Un’altra notte al freddo sulla gru per gli operai senza salario da 6 mesi

    Redazione di Operai Contro, Non si ferma la protesta dei manovali albanesi che non vengono pagati da mesi Nonostante le promesse, sono ancora in cima alla gru. Si annuncia un’altra notte al freddo per i cinque operai del cantiere di via Cigna che hanno scalato la gru per chiedere il pagamento degli stipendi degli ultimi mesi. «Siamo stanchi di questi criminali che non vogliono pagarci – dicono -. Facciamo appello al sindaco Fassino e a tutti i cittadini a cui chiediamo la solidarietà e il loro sostegno. Anche se siamo stranieri, Torino è la nostra città e abbiamo tutti […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, il pluripregiudicato Berlusconi non è più senatore. Finalmente ci avevano rotto, non ne potevamo più. Ora Letta non ha più scuse Il suo governo con Alfano è stabile e continuerà a martellare gli operai, i lavoratori, i pensionati. Noi operai ora non dobbiamo avere più problemi. Il parlamento dei padroni resta il parlamento dei ladri e degli assassini Un operaio Facebook Comments 0

    BERLUSCONI E’ FUORI GOCO,IL GOVERNO LETTA NON HA PIU’ SCUSE

    Redazione di Operai Contro, il pluripregiudicato Berlusconi non è più senatore. Finalmente ci avevano rotto, non ne potevamo più. Ora Letta non ha più scuse Il suo governo con Alfano è stabile e continuerà a martellare gli operai, i lavoratori, i pensionati. Noi operai ora non dobbiamo avere più problemi. Il parlamento dei padroni resta il parlamento dei ladri e degli assassini Un operaio Facebook Comments

    Continue Reading

  • Egregio Direttore Tra pregiudicati politici condannati e a piede libero, tra quelli impuniti ma non meno delinquenti, ci hanno ossessionato da mesi con l’Imu si paga, l’Imu non si paga. Cosa ha prodotto questo tormentone? Entro metà gennaio comuni come Milano batteranno cassa, esigendo che i cittadini paghino. Una gran soddisfazione: non si chiamerà più Imu. Vuoi mettere? E non è finita qui. Quella di gennaio sarebbe solo un assaggino del nuovo scenario delle tasse locali. Saluti e salutoni.   Facebook Comments 0

    Che bello! Si paga ma non è più Imu!

    Egregio Direttore Tra pregiudicati politici condannati e a piede libero, tra quelli impuniti ma non meno delinquenti, ci hanno ossessionato da mesi con l’Imu si paga, l’Imu non si paga. Cosa ha prodotto questo tormentone? Entro metà gennaio comuni come Milano batteranno cassa, esigendo che i cittadini paghino. Una gran soddisfazione: non si chiamerà più Imu. Vuoi mettere? E non è finita qui. Quella di gennaio sarebbe solo un assaggino del nuovo scenario delle tasse locali. Saluti e salutoni.   Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Come ogni fine anno, come vuole Fiat, si risvegliano i sindacati zerbini. Ed e’ tutto un fiorire nelle bacheche, dove per tutto l’anno si sono lasciate    inevitabilmente vuote per gli interessi operai, di volantini a firma fismic-uilm-fim-cisl.   Addirittura scopriamo che la detassazione (del governo) dell’incentivo produttivita’  (del ccsl legato alla presenza in fabbrica degli operai), è improvvisamente diventato,  PREMIO di risultato.  La cifra sarebbe oscillante tra i 320 e i 580 euro (lordi o netti non si sà).   Cosi’ telecomandati da Fiat e scatenati in fabbrica, vogliono far credere che gli operai  […] 0

    FIAT CNH MODENA; SINDACATI ZERBINI TELECOMANDATI

    Redazione di Operai Contro, Come ogni fine anno, come vuole Fiat, si risvegliano i sindacati zerbini. Ed e’ tutto un fiorire nelle bacheche, dove per tutto l’anno si sono lasciate    inevitabilmente vuote per gli interessi operai, di volantini a firma fismic-uilm-fim-cisl.   Addirittura scopriamo che la detassazione (del governo) dell’incentivo produttivita’  (del ccsl legato alla presenza in fabbrica degli operai), è improvvisamente diventato,  PREMIO di risultato.  La cifra sarebbe oscillante tra i 320 e i 580 euro (lordi o netti non si sà).   Cosi’ telecomandati da Fiat e scatenati in fabbrica, vogliono far credere che gli operai  […]

    Continue Reading

  • Redazione di operai contro, CHI HA TRADITO SPARTACUS, NEL PASSATO E NEL PRESENTE : QUALE FUTURO? Operai : sembriamo dei pugili suonati, ci arrivano botte da tutte le parti, dai padroni, dai governi di destra e di sinistra, dai sindacati e noi, tranne qualche rarissima volta, non reagiamo. Operai, siamo gli schiavi moderni, produciamo noi la ricchezza di questo paese, ciò avviene in tutti gli altri paesi, nonostante questo i lerci padroni ci fanno morire di fame con le vetrine piene di merci (da noi prodotte). Questa miseria generalizzata per noi non è una novità, nella crisi la miseria […] 0

    CHI HA TRADITO SPARTACUS ?

    Redazione di operai contro, CHI HA TRADITO SPARTACUS, NEL PASSATO E NEL PRESENTE : QUALE FUTURO? Operai : sembriamo dei pugili suonati, ci arrivano botte da tutte le parti, dai padroni, dai governi di destra e di sinistra, dai sindacati e noi, tranne qualche rarissima volta, non reagiamo. Operai, siamo gli schiavi moderni, produciamo noi la ricchezza di questo paese, ciò avviene in tutti gli altri paesi, nonostante questo i lerci padroni ci fanno morire di fame con le vetrine piene di merci (da noi prodotte). Questa miseria generalizzata per noi non è una novità, nella crisi la miseria […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, Il 23 novembre scorso la tensione è tornata a salire tra Cina e Giappone. Motivo dello scontro sono ancora le isole giapponesi Senkaku di cui la Cina (ma anche Taiwan) rivendica la proprietà nazionale. Nuovo casus belli la “zona di identificazione della difesa aerea” che si estende sull’arcipelago conteso. Qualsiasi aereo che volesse sorvolarlo dovrà fornire un preciso piano di volo, precisare la propria nazionalità e mantenere un contatto radio costante, altrimenti scatterà l’intervento dell’aviazione militare cinese. Le isole Senkaku (in giapponese) o Diaoyu (in cinese) sono poco più di due scogli. Son state punto […] 0

    Isole Senkaku/Diaoyu

    Redazione di Operai Contro, Il 23 novembre scorso la tensione è tornata a salire tra Cina e Giappone. Motivo dello scontro sono ancora le isole giapponesi Senkaku di cui la Cina (ma anche Taiwan) rivendica la proprietà nazionale. Nuovo casus belli la “zona di identificazione della difesa aerea” che si estende sull’arcipelago conteso. Qualsiasi aereo che volesse sorvolarlo dovrà fornire un preciso piano di volo, precisare la propria nazionalità e mantenere un contatto radio costante, altrimenti scatterà l’intervento dell’aviazione militare cinese. Le isole Senkaku (in giapponese) o Diaoyu (in cinese) sono poco più di due scogli. Son state punto […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, il governo del Pd Letta non finisce mai di mostrare la sua faccia atroce di rappresentante dei padroni. La strage in Sardegna è opera dei politici e degli amministratori 17 morti per la faccia dei ladri del parlamento e degli amministratori Dopo la strage la beffa. Il governo Letta darà ad ogni famiglia alluvionata 600 euro mentre i single prenderanno 300€ Operai Sardi per quanto ancora dovremo sopportare le beffe degli assassini di stato Un operaio sardo Facebook Comments 0

    SARDEGNA: DOPO LA STRAGE DI STATO IL PD LETTA PRENDE PER IL CULO GLI ALLUVIONATI

    Redazione di Operai Contro, il governo del Pd Letta non finisce mai di mostrare la sua faccia atroce di rappresentante dei padroni. La strage in Sardegna è opera dei politici e degli amministratori 17 morti per la faccia dei ladri del parlamento e degli amministratori Dopo la strage la beffa. Il governo Letta darà ad ogni famiglia alluvionata 600 euro mentre i single prenderanno 300€ Operai Sardi per quanto ancora dovremo sopportare le beffe degli assassini di stato Un operaio sardo Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, San Giuliano Milanese, 14 settembre 2013 – Il mercato dolciario cambia pelle e si orienta verso i prodotti «low cost», la Bindi corre ai ripari tagliando costi e personale. L’azienda ha annunciato un esubero di 150 lavoratori su un totale di 600 addetti. La ristrutturazione riguarderà lo stabilimento di San Giuliano, dove è concentrata la produzione per il mercato italiano ed estero. Una situazione pesantissima che, per la prima volta dopo quasi 70 anni di attività, porterà l’ammiraglia dei dolci surgelati ad una pesante sforbiciata dell’organico. È ancora da stabilire se i tagli avverranno sotto forma di licenziamento […] 0

    Che pasticcio in pasticceria! Tagli alla Bindi: a casa in 150

    Redazione di Operai Contro, San Giuliano Milanese, 14 settembre 2013 – Il mercato dolciario cambia pelle e si orienta verso i prodotti «low cost», la Bindi corre ai ripari tagliando costi e personale. L’azienda ha annunciato un esubero di 150 lavoratori su un totale di 600 addetti. La ristrutturazione riguarderà lo stabilimento di San Giuliano, dove è concentrata la produzione per il mercato italiano ed estero. Una situazione pesantissima che, per la prima volta dopo quasi 70 anni di attività, porterà l’ammiraglia dei dolci surgelati ad una pesante sforbiciata dell’organico. È ancora da stabilire se i tagli avverranno sotto forma di licenziamento […]

    Continue Reading