M5S SONO COME GLI ALTRI PARTITI:PARASSITI

Redazione di Operai Contro, i politici del M5S sono come quelli degli altri partiti: dei parassiti che i padroni pagano con il lavoro estorto agli operai. Hanno assunto come portaborse mariti,amanti, figli Due delle senatrici finite sul banco degli imputati -Vilma Moronese e Barbara Lezzi, accusate di aver assunto rispettivamente partner e figlia del compagno – hanno rigettato gli attacchi, assicurando di avere la coscienza pulita: «Abbiamo rispettato le regole -hanno sostenuto- perché i partner in questione non sono conviventi». Ma su questo punto molte le repliche piccate di chi è sposato: «Allora devo divorziare per poter assumere anch’io […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

i politici del M5S sono come quelli degli altri partiti: dei parassiti che i padroni pagano con il lavoro estorto agli operai.

Hanno assunto come portaborse mariti,amanti, figli

Due delle senatrici finite sul banco degli imputati -Vilma Moronese e Barbara Lezzi, accusate di aver assunto rispettivamente partner e figlia del compagno – hanno rigettato gli attacchi, assicurando di avere la coscienza pulita: «Abbiamo rispettato le regole -hanno sostenuto- perché i partner in questione non sono conviventi». Ma su questo punto molte le repliche piccate di chi è sposato: «Allora devo divorziare per poter assumere anch’io la mia compagna?», ha chiesto sarcastico un senatore 5 stelle.

Vilma Moronese (M5S)Vilma Moronese (M5S)ACCUSE E OFFESE – C’è chi, come Vilma Moronese, lascia (in lacrime) l’aula nel corso dell’assemblea. Ma le polemiche non si placano, anzi. Qualcuno denuncia «il clima disgustoso e avvilente che c’è qui dentro, clima vessatorio e ricattatorio. É vergognoso». Volano parole grosse anche contro i «sospettati»: «Siamo finiti sui giornali per colpa tua», grida una senatrice attaccando un collega. Il capogruppo Paola Taverna si allontana dalla riunione sbuffando, il senatore Giovanni Endrizzi tuona richiamando all’ordine i colleghi: «Domani (martedì, ndr) in aula c’è la Cancellieri e stiamo perdendo tempo su questo». Intanto la riunione va avanti e la tensione non scema. Una senatrice torna sulla rendicontazione delle spese e accusa: «Come si possono spendere 1.800 euro per capi d’abbigliamento? Le regole non erano queste». Polemica poi per la mail in cui Claudio Messora, a capo della comunicazione M5S del Senato, comunica ai parlamentari che la riunione non verrà trasmessa in streaming per evitare boomerang mediatici.

Barbara Lezzi (M5S)Barbara Lezzi (M5S)NIENTE STREAMING -L’assemblea ha dibattuto per due ore sull’opportunità di andare in diretta streaming. «Un tempo queste decisioni venivano votate dall’assemblea -lamenta un senatore sbattendo la porta – ora vengono calate dall’altro come un tris di assi». «Cerchiamo di non farci del male -invita alla calma un altro senatore grillino – qui ci stiamo suicidando». Qualcuno alza la mano e chiede a gran voce regole chiare sulla vicenda collaboratori: «Solo così si evitano nuovi casi e si danno risposte chiare alla base». Ma l’assemblea non ha assunto decisioni in merito: al momento non sono previste votazioni e non ha deciso come comportarsi in futuro per evitare nuovi casi di «parentopoli» anche se qualcuno aveva chiesto regole certe per evitare nuove discussioni. Il dibattito, quindi, resta aperto.

Un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.